mercoledì 18 novembre 2009

Large Binocular Telescope: Articolo Di Carlo Ferri Su TuttoScienze

carlo-ferri-tuttoscienzeCari ragazzi e cari lettori, il  Large Binocular Telescope (abbreviato in LBT, in italiano "Grande Telescopio Binoculare"), è un telescopio (a doppia pupilla a montatura altazimutale in configurazione gregoriana. Queste sono informazioni per chi se ne intende, eh!) ottimizzato per interferometria e osservazione a grande campo. È collocato sul monte Graham, nel sud-est dell'Arizona, a più di 3000 metri di altezza, nel complesso delle montagne Pinaleño. (Sito web ufficiale)

L'LBT, che fa parte dell'Osservatorio internazionale del monte Graham, è un progetto a partecipazione italiana di priorità nazionale. Il telescopio, infatti, vede la partecipazione degli Stati Uniti tramite enti governativi e diverse università (50%); della Germania (25%) e appunto dell'Italia (25%).

Bene! Fatte le dovute premesse, veniamo alla notizia del post, ripresa da Gravità Zero.

Carlo Ferri, collaboratore con noi a Gravità Zero e ideatore con noi del Carnevale della Fisica (questo mese su Wired e su Año Internacional de la Astronomía

(AIA-IYA 2009) pubblica oggi un interessante articolo su TuttoScienze, inserto carlo-ferriscientifico de La Stampa dal titolo "Una candela a 2 milioni di Km".

L'articolo riguarda il nuovo Large Binocular Telescope in Arizona, un doppio telescopio dotato di specchi primari di 8,4 metri ciascuno e la cui costruzione ha coinvolto aziende statunitensi, tedesche e italiane.

Unico nel suo genere, la sua risoluzione permette quello che si otterrebbe da un analogo strumento di 22,8 metri di diametro. "Questa sua caratteristica - spiega Ferri - permette di rilevare la luce di una candela a 2,5 milioni di chilometri di distanza, rendendolo superiore per prestazioni perfino al telescopio orbitante Hubble".

L'articolo completo è sulla pagina on line de La stampa (scaricabile anche in PDF tutta la settimana).


Il blog di Carlo Ferri: www.gravedad-cero.org

5 commenti:

  1. Ciao prof!!!! Ho letto l'articolo sul LBT e devo dire che è affascinante.
    Marco N

    RispondiElimina
  2. Eddai, Arte! Sapessi quante lacune ho da colmare, io!

    RispondiElimina
  3. Ciao professoressa, come Marco anch'io ho preso gusto a scentificando, solo che le mie lacune sono oceaniche.
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  4. Rosy, sei tu l'utente anonimo?

    RispondiElimina
  5. si, sono  rosy, l'utente anonimo, distrazione scusami.
    Del resto era facile da capire...
    dalle mie lacune oceaniche

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...