martedì 1 dicembre 2009

World AIDS Day 2009 - Giornata Mondiale Contro L'Aids

world AIDS dayCari ragazzi e cari lettori,  oggi è la  Giornata mondiale contro l'AIDS, indetta ogni anno il 1º dicembre  per accrescere la coscienza della epidemia mondiale di AIDS dovuta alla diffusione del virus HIV. La ricorrenza è stata scelta in quanto il primo caso di AIDS è stato diagnosticato il 1º dicembre 1981. Da allora l'AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi.

Per quanto in tempi recenti l'accesso alle terapie e ai farmaci antiretrovirali sia migliorato in molte regioni del mondo, l'epidemia di AIDS ha mietuto circa 3,1 milioni di vittime nel corso del 2005 (le stime si situano tra 2,9 e 3,3 milioni), oltre la metà delle quali (570.000) erano bambini.

L'idea di una Giornata mondiale contro l'AIDS ha avuto origine al Summit mondiale dei ministri della sanità sui programmi per la prevenzione dell'AIDS del
1988 ed è stata in seguito adottata da governi, organizzazioni internazionali ed associazioni di tutto il mondo.

Dal 1987 al 2004 la Giornata mondiale contro l'AIDS è stata organizzata dall'UNAIDS, ovvero dall'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa della lotta all'AIDS, la quale, in collaborazione con altre organizzazioni coinvolte, ha scelto di volta in volta un "tema" per la Giornata. Dal 2005, l'UNAIDS ha demandato la responsabilità dell'organizzazione e gestione della Giornata Mondiale alla WAC (The World AIDS Campaign), un'organizzazione indipendente, che ha scelto come tema per l'anno - e fino al 2010 - Stop AIDS: Keep the Promise (ovvero "Fermare l'AIDS: manteniamo la promessa") tema che non è strettamente legato alla Giornata Mondiale ma che rispecchia l'impegno quotidiano della WAC.

Ma cosa sta succedendo sul fronte della lotta a questa malattia?  Un report dell’ONU, che illustra i risultati di un’analisi svolta  riguardo ai dati epidemiologici su scala mondiale,  segnala che si stanno facendo dei progressi.  OMS (World Health Organization) e UNAIDS, le due agenzie dell’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) che hanno pubblicato il report, sostengono che l’intensità dell’epidemia di AIDS è in calo!

Rispetto al 2001, l’ONU ha registrato una diminuzione del 17%  nel  numero di nuove infezioni. In Asia la percentuale di decrescita  dell’infezione si assesta intorno  al 25%, mentre in Africa  la decrescita è attorno al 15%. Tutto ciò, tradotto in numeri, significa  all’incirca  400.000 casi in meno all’anno.  Nonostante questa flessione positiva,  ancora  1,9 milioni di africani  sono infettati ogni anno.

Uno dei mezzi più efficaci per ridurre le infezioni sembra sia stata la somministrazione di antiretrovirali  alle donne incinte.  Iniziativa che avrebbe fatto registrare un calo di 200.000 infezioni da madre a figlio.

Molto rimane comunque  da fare: il punto nodale  sta nella modalità con cui sarà  affrontato il problema a livello globale.
In tutto il globo,
si susseguono iniziative. In Italia, si effettuano azioni mirate: dalla distribuzione di preservativi nelle librerie alle campagne per spingere i giovani a sottoporsi al test dell’HIV.

Bisogna segnalare, infatti, che in molti Paesi l’HIV continua a diffondersi in modo orizzontale in diverse fasce di popolazione, che non sono ritenute quelle più a rischio.
L’ONU è  però ottimista: la fine dell’AIDS è ancora lontana, ma è iniziata la fase discendente, secondo le stime diffuse dal report dell’ONU, che aprono uno spiraglio alla speranza.

Scaricate il report dell’ONU.

Consultate  la mappa interattiva mondiale,  relativa alle terapie contro l’AIDS.

Articoli interessanti:

da ScienceBackstage

da Punto Informatico.

LINK


World Community Grid

FightAIDS@Home

Lega Italiana per la lotta contro l'AIDS

UNICEF


World AIDS Day 2009: Speciale su MTV



C_17_primopiano

MINISTERO DELLA SALUTE





9 commenti:

  1. utente anonimo1 dicembre 2009 18:09

    cosi tante persone morte x aids mi dispiace proverò a contribuiore

    guardi su matem@ticanmente



    carlo 1b

    RispondiElimina
  2. utente anonimo1 dicembre 2009 18:49

    chiedero ai miei comunque spero che in tanti diano un contributo perchè serve molto a tutte le  persone malate che vogliono una casa una famiglia e una nuova vita felice



    carlo 1b

    RispondiElimina
  3. La notizia di una decrescita del male è confortante, sentivo oggi che di AIDS non si muore più, ma si continua a vivere con gli antiretrovirali, in quanto le difese immunitarie non precipitano del tutto, come accadeva in passato. In Africa se tutti avessero questi antivirali sopravviverebbero. L'informazione deve continuare, affinchè ci siano meno contagi. Occorre sempre sensibilizzare i ragazzi e tu lo fai molto bene, cara Annarita, con le informazioni complete e interessanti.

    un saluto affettuoso
    annamaria

    RispondiElimina
  4. Davanti a questo problema non bisogna abbassare mai la guardia e i dati che ci hai dato sono per un certo verso confortanti, purtroppo questa malattia miete ancora troppe vittime tra i giovani, ho appena letto in un blog che nel mondo il 45% dei nuovi sieropositivi sono ragazzi tra i 15 e 24, in italia ce ne sono tra i 130000/160000 e un terzo sono in Lombardia, il 90% contraggono il virus attraverso rappporti sessuali non protetti....sono dati allarmanti perchè questio ragazzi sono praticamente cresciuti conoscendo il modo per proteggersi e non l'hanno fatto!!!
    Perchè?
    Bisogna porsi dei perchè, altrimenti non si riuscirà a sconfiggere questa malattia.
    Ciao annarita, grazie per il post.
    roberta.

    RispondiElimina
  5. Grazie pee le seganlazioni e per aver ricordato questo problema che esiste sempre anche se se ne parla pochissimo..quasi ormai non fosse più un problema ..
    un caro saluto
    elisa

    RispondiElimina
  6. utente anonimo2 dicembre 2009 11:39

    Rosy: ha ragione il commentatore N 8... si parla sempre di meno dell'aids
    e invece il problema continua ad esserci, ma non se ne parla più come prima.
    Un bacione e buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Cari amici, scusate se non sto replicando ai vostri commenti, ma sono oberata di impegni extra-blog. Lo farò appena possibile.

    Un abbraccio a tutti.
    annarita

    RispondiElimina
  8. ciao cuginetta, brava di aver segnalato un problema così importante, si stiamo in una situazione migliore, ma di strada ce n'è ancora tanta da fare. Fortuna che anche la tele fa  manda messaggi sul virus e il test da fare è una buona iniziativa.  ciao dalla cuginona     

    RispondiElimina
  9. E' confortante che i sieropositivi e gli ammalati conclamati siano in diminuzione anche nelle regioni più povere del mondo.
    In Italia il problema è che un quinto dei sieropositivi non sa di esserlo, per cui non attua i comportamenti necessari per la protezione del partner. La cosa ha come effetto che la diffusione del virus non diminuisce come dovrebbe. Bisognerebbe martellare la popolazione, specie i più giovani, sulla necessità di fare test del'HIV con cadenza periodica.
    Annarita, per usare una terminologia calcistica: sei sempre sulla palla.
    Molto opportuno il tuo post.
    Ti abbraccio.
    Angelo 

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...