giovedì 30 aprile 2009

Erbe Officinali [Schede Descrittive]

Segnalo un reportage fotografico che raffigura alcuni scorci del Giardino delle erbe officinali di Casola Valsenio, in provincia di Ravenna, dove i ragazzi della mia attuale classe 3° B, che lo visitarono il 10 maggio 2007, quando frequentavano la prima, scattarono delle foto ad alcune specie di piante officinali, descrivendone le caratteristiche principali. Il reportage è su Flickr, il popolare servizio di photo sharing, frequentato da milioni di persone in tutto il mondo.

Allora non esisteva ancora Scientificando.

Riporto la foto del papavero californiano e lo slideshow del reportage. Le foto sono 25, tra cui alcune bellissime viste del paesaggio. Le piante sono descritte dalle relative schede. Cliccando su ciascuna miniatura, si aprirà la foto ingrandita, accompagnata dalla scheda specifica.





papavero californianao







Andate al reportage fotografico su Flickr.

Il reportage in formato slideshow, molto bello a schermo intero, avanza automaticamente.

mercoledì 29 aprile 2009

Laboratorio Natura For Kids

concorsonaturaLaboratorio Natura è un progetto educativo - ludico per la scuola primaria, che propone l’appassionante concorso “Scienziato Spazzo”, attraverso cui le scuole potranno partecipare anche a un’importante azione solidale rivolta ai bambini dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Il concorso invita le classi ad inviare i risultati, i commenti, le idee emerse dai giocosi esperimenti e dalle appassionanti ricerche compiute nello svolgimento del percorso didattico.

Grazie alle tre sezioni del concorso (
Parole, Immagini, Tecnologie), i bambini potranno mettere in campo le diverse abilità ed esprimere tutta la loro fantasia creativa.

Tre elaborati, uno per ogni sezione, saranno proclamati vincitori.
Ciascuna delle tre classi vincitrici riceverà in premio il “kit del piccolo scienziato”, costituito da un microscopio ottico, 30 righelli e 30 goniometri!

Gli elaborati vincitori, insieme a una selezione dei migliori esperimenti, curiosità, racconti, disegni, fumetti realizzati e inviati dalle classi partecipanti al concorso, saranno pubblicati sul sito:
www.laboratorionaturaforkids.it

Per ogni elaborato inviato, inoltre, sarà devoluto 1 euro al progetto dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dedicato alle cure ortodontiche dei bambini provenienti dai Paesi più poveri del mondo e affetti da labiopalatoschisi.

 
Per concorrere bisogna inviare entro e non oltre il
31 maggio 2009 gli elaborati e
il modulo di partecipazione compilato in ogni sua parte a:
Concorso “piccolo Leonardo” - Laboratorio Natura • La Fabbrica
via Mascheroni, 29 • 20145 Milano

Per informazioni:
Centro Coordinamento Laboratorio Natura
- La Fabbrica
via Mascheroni 29 • 20145 Milano • Fax 02.48541.207
Email: infokit@lafabbrica.net - Numero verde 800.922944

Prenota il kit didattico
   
E adesso, uno screeshot del sito
www.laboratorionaturaforkids.it, dove i piccoli potranno seguire dei percorsi ludici di apprendimento all'Università delle Erbe o nel Laboratorio Natura.


 

Borsa Di Studio Per Le Malattie Tumorali Rare

Segnalo, cari lettori, la seguente notizia.

Dal dolore può nascere un fiore. L’Associazione Onlus "Maria Ruggieri", nata per ricordare la malattia di una docente trentacinquenne di Terlizzi, ha bandito una borsa di studio pari a 12mila euro, da destinare ad un istituto pubblico o privato o, ad un ricercatore, per la diagnostica e la ricerca istopatologica dell’angiosarcoma, da documentare con relazione scientifica.

martedì 28 aprile 2009

Influenza Suina: Informazioni

influenzaCari ragazzi e cari lettori, rispondo con questo articolo a decine di domande, pervenutemi in posta elettronica, allo scopo di fornire informazioni serie e attendibili in merito all'influenza suina, su cui si sta focalizzando l'attenzione del mondo in questi ultimi giorni. Colgo l'occasione per invitare gli utenti della rete a controllare l'ansia, evitando inutili allarmismi. La situazione è monitorata costantemente dagli Istituti preposti, che stanno diramando tempestivamente gli aggiornamenti.

Comincio, riportando integralmente le "domande e risposte" diramate dal Ministero della Salute.

Cos'è l'influenza suina?

L'influenza suina è una malattia respiratoria acuta dei maiali causata da virus influenzali del tipo A, che causano abitualmente epidemie di influenza tra i suini. I virus dell'influenza suina causano alti livelli di malattia e bassa mortalità nei maiali. I virus dell'influenza suina possono circolare tra i maiali in tutti i mesi dell'anno, ma la maggior parte delle epidemie si manifestano nel tardo autunno ed in inverno, così come accade per le epidemie nella popolazione umana. Il virus dell'influenza suina classica (virus influenzale A/H1N1) è stato isolato per la prima volta negli anni 30 del secolo scorso.

Quanti sono i virus dell'influenza suina?
Come tutti i virus influenzali anche quelli dell'influenza suina mutano continuamente:i maiali possono essere infettati dai virus del'influenza aviaria così come da quelli dell'influenza suina. Quando virus influenzali di differenti specie animali infettano i suini, i virus possono andare incontro a fenomeni di "riassortimento" e nuovi virus che sono un mix di virus umani/aviari/suini possono emergere. Nel corso degli anni, sono emerse diverse varianti di virus influenzali suini; al momento, nei maiali sono stati identificati 4 sottotipi principali di virus influenzali di tipo A: H1N1, H1N2, H3N2, and H3N1. Comunque, la maggior parte dei virus isolati recentemente nei maiali sono stati H1N1.

L'influenza suina può infettare l'uomo?
I virus dell'influenza suina non infettano normalmente l'uomo. Comunque, possono verificarsi infezioni umane sporadiche con virus influenzali suini. Comunemente questi casi di infezione umana da virus influenzali suini si manifestano in persone con esposizione diretta ai maiali (per esempio lavoratori addetti ad allevamenti e industrie suinicole, frequentatori di fiere zootecniche) .

Quali sono i sintomi dell'influenza suina nell'uomo?
I sintomi dell'influenza suina sono simili a quelli della "classica" influenza stagionale e comprendono: febbre, sonnolenza, perdita d'appetito, tosse. Alcune persone con influenza suina hanno manifestato anche raffreddore, mal di gola, nausea, vomito e diarrea. Come l'influenza stagionale, anche l'influenza suina può causare un peggioramento di patologie croniche pre-esistenti e in passato sono stati segnalati casi di complicazioni gravi (polmonite ed insufficienza respiratoria) e decessi associati ad infezione da virus dell'influenza suina .

Quanto à grave l'influenza suina nell'uomo?
Come l'influenza stagionale, l'infezione da virus influenzale suino nell'uomo può presentarsi in forma lieve o grave.

Le persone possono prendere l'influenza suina mangiando carne di maiale?
No, i virus dell'influenza suina non sono trasmessi dal cibo; non si può contrarre l'influenza suina mangiando maiali o prodotti a base di carne di maiale. Mangiare carne maneggiata in maniera appropriata, carne cotta e prodotti a base di carne suina. Cuocere la carne a temperatura interna di 70-80 ° gradi uccide il virus dell'influenza suina, così come gli altri batteri e virus.

Come si trasmette l'influenza suina?
I virus influenzali possono essere trasmessi direttamente dai maiali all'uomo e dall'uomo ai maiali. Le infezioni umane con virus influenzali di origine suina si manifestano con maggiori probabilità in persone che hanno contatti ravvicinati con i suini , come negli allevamenti o nelle fiere zootecniche. E' possibile anche la trasmissione da persona a persona. Si ritiene che ciò accada con le stesse modalità di trasmissione dell'influenza stagionale, cioè attraverso la diffusione di goccioline di secrezioni naso-faringee con la tosse e lo sternuto. Le persone possono anche infettarsi toccando superfici contaminate con secrezioni infette e e poi portando alla bocca e al naso le mani. Per questo il lavaggio delle mani è una misura molto importante per ridurre il rischio di infezione.

Il virus di quest'epidemia in Messico e USA è contagioso?
Ci sono evidenze, stabilite dai CDC degli Stati Uniti d'America, che il virus responsabile dei casi negli Stati Uniti si sta diffondendo da persona a persona: comunque in questo momento non è possibile sapere quanto facile sia questa trasmissione.

Come si può diagnosticare l'infezione da virus influenzali suini nell'uomo?
Per la diagnosi di influenza suina A è necessario raccogliere un campione di secrezioni respiratorie (tampone nasale o faringeo) entro i primi 4 – 5 giorni dall'inizio dei sintomi (quando è maggiormente probabile che la persona elimini i virus). Comunque, alcune persone e in particolar modo i bambini possono eliminare il virus influenzale per 10 giorni e più. L'identificazione del virus dell'influnza suina richiede l'invio del campione ad un Laboratorio di riferimento della rete Influnet, con il coordinamento dell'Istituto supeiore di sanità..

Quali farmaci possono essere usati per trattare le infezioni da virus influenzali suini nell'uomo?
Sono disponibili diversi tipi di farmaci antivirali per il trattamento dell'influenza: amantadina, rimantadina, oseltamivir e zanamivir . Mentre la maggior parte dei virus dell'influenza suina si sono rivelati suscettibili a tutti e quattro i farmaci, i virus influenzali suini isolati recentemente dagli uomini sono resistenti alla amantadina e alla rimantadina; pertanto solo oseltamivir e zanamivir sono raccomandati per il trattamento / prevenzione dell'Influenza umana da virus influenzale suino

Quante epidemie di influenza suina si conoscono?
Probabilmente l'epidemia più conosciuta è quella che ha colpito i soldati di Fort Dix , New Jersey (USA), nel 1976 , con circa 200 casi tra i soldati presenti nel campo. Il virus causò malattie con segni radiologicamente evidenti di polmonite in almeno 4 soldati e 1 decesso: tutti i colpiti erano precedentemente in buona salute . Il virus si era trasmesso attraverso contatti stretti nel corso di sedute di addestramento, con trasmissione limitata al di fuori di questo contesto. Si ritiene che il virus abbia circolato per un mese , per scomparire spontaneamente. La fonte del virus , il momento esatto della sua introduzione a Fort Dix e i fattori che possono avere influenzato la sua diffusione e durata sono sconosciuti. L'epidemia potrebbe essere stata causata da un virus animale introdotto in contesto di particolare affollamento nel periodo invernale .Il virus influenzale suino isolato dai soldati di Fort Dix fu denominato A/New Jersey/76 (Hsw1N1). L'episodio fu alla base di una estesa campagna di vaccinazione antinfluenzale nel 1977.

Fonte: CDC e Ministero Lavoro, Salute e Politiche Sociali - Direzione generale Prevenzione sanitaria

Numeri utili:
A partire dal 28 aprile i cittadini-viaggiatori possono rivolgersi al numero di pubblica utilità 1500 del Ministero per ricevere informazioni sull’influenza “suina”. Il numero 1500, gratuito, è attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 20. Rispondono medici e operatori del Ministero, appositamente formati.

Leggi la situazione aggiornata al 28 aprile.

A questo indirizzo sono reperibili i documenti informativi per i viaggiatori in partenza per Messico e USA e per quelli di ritorno.

Sistema di sorvaglianza INFLUNET.

Altri link utili:

ISS - Istituto Superiore di Sanità
OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità
CDC - Centers for Disease Control and Prevention
ECDC - European Centre for Disease Prevention and Control

Dalla Federazione Italiana Medici di Famiglia (FIMMG): Informazioni sull'influenza dei suini

Una serie di mappe e risorse grafiche:

La mappa di Google: utile da tenere sott’occhio..ma non da farne l'unica fonte di notizie.

Swine Flu Map del Wall Street Journal
.

Swine Flu Around the Globe dell’Associated Press
.

The Global Picture
, da MSN News, è una
altra mappa chiara ed efficace.

La HealthMap:  questo sito prende i dati da fonti sicure come enti governativi e Google News per creare un mashup con Google Maps.

Infine:

la World Health Organization: qui ci sono probabilmente i dati più sensati che si possano trovare in giro per la rete, dopo tutto si tratta di un’organismo internazionale. C’è anche un feed al quale iscriversi.

Da Influweb, su cui potete seguire in tempo reale gli aggiornamenti sull'andamento dell'influenza, eccovi le 
linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanita': domande frequenti sull'influenza suina.

SCIENZA NELLA SCUOLA: CHI C’È BATTA UN COLPO

Cari colleghi e cari lettori, riporto di seguito l'EDITORIALE di Diesse (Associazione professionale "Didattica e Innovazione Scolastica" alla quale sono iscritta), pervenutomi con libed.news 33, la newsletter dell'Associazione, perché trovo interessante e condvisibile il suo contenuto.


Voi che cosa ne pensate?

lunedì 27 aprile 2009

Terremoto In Abruzzo: Un Milione Di Dollari Dagli Italiani D'America

Cari ragazzi e cari lettori, una buona notizia da Gravità Zero: gli italiani d'America hanno raccolto un milione di dollari per aiutare gli abruzzesi!

Scrive il bravo Austinn Carrara:

Los Angeles, California - Un milione di dollari è in arrivo per aiutare l'Abruzzo: questa è la stima dei fondi che raccoglieranno le associazioni italo-americane di New York.

C’è da scommettere che altri aiuti consistenti arriveranno dalla Niaf-National Italian American Foundation, la più importante organizzazione degli italiani d'America.

L’appuntamento più atteso è per martedì 5 maggio, a Hoboken, nel New Jersey, al “Danny's”, celebreabruzzo locale dell'attore italoamericano Danny Aiello, indimenticabile protagonista de “Il Padrino-parte II”, “Stregata dalla luna” e ”Io e Annie”, attore prediletto da Francis Ford Coppola e Woody Allen, che ha lanciato una campagna a favore delle popolazioni colpite dal sisma.

Sono molti i membri del NIAF che hanno origini proprio in Abruzzo, a partire da Gabriel A. Battista, John F. Calvelli, Arthur J. Furia, Esq. e Anthony A. Marnell II.

Anche Pat Tiberi dell' Ohio, dell'Italian American Congressional Delegation nell'111° United States Congress, proviene da una famiglia emigrata dall'Abruzzo.


Source: NIAF
& Bridges to Italy (partner Gravità Zero), California

___________________________

Post correlati

Terremoto: Un Decalogo Per I Bambini


Terremoto In Abruzzo: Informazioni Utili


Conoscere il terremoto [Risorse didattiche varie]


Comunicato dell'INGV sul sisma del 6 Aprile


Emergenza terremoto: Coordinamento Centro Servizi Volontariato Abruzzo


Terremoti: cause, prevedibilità, prevenzione


Si possono prevedere i terremoti?

domenica 26 aprile 2009

La Nuova Piramide Alimentare - MyPyramid.gov

PreSchoolerLogoLa piramide alimentare, cari ragazzi e cari lettori, è stata ideata dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ed è utilizzata da 1992, in tutto il mondo, come strumento educativo in ambito alimentare. In lingua italiana "MyPyramid.gov - Steps to healther you" vuol dire "La mia piramide - I principi di un'alimentazione sana"!


La piramide mostra quali dovrebbero essere le scelte alimentari corrette, sia qualitative che quantitative. Nella piramide originaria gli alimenti erano distribuiti su gradini orizzontali: alla base della piramide quelli da consumare in maggior quantità, come cereali, ortaggi e frutta. Salendo verso la sommità invece erano collocati i cibi da consumare in quantità o frequenza minori.


Dall'aprile del 2005 l'USDA ha diffuso una nuova piramide nella quale gli alimenti sono distribuiti graficamente in "spicchi" che dalla base convergono verso l'apice della figura. La nuova versione, che si può conoscere in dettaglio sul sito www.mypyramid.govsottolinea l'importanza dell'esercizio fisico.


Di seguito il logo. 


MyPyramid


Il link ad altre risorse grafiche, tool interattivi e linee guida per una corretta alimentazione a tutte le età.


Le 2005 Dietary Guidelines valide tuttora e fino a quando non saranno pubblicate le nuove 2010 Dietary Guidelines.


Il 29 e 30 Aprile 2009 si terrà il terzo meeting of the Dietary Guidelines Advisory Committee.



I link segnalati sono di indubbia utilità didattica per i docenti che si prefiggono di svolgere a scuola un corretto percorso apprenditivo nell'ambito dell'Educazione Alimentare


Consultate, e scaricate, le risorse didattiche su questo blog:



- Inserto Alimentazione e salute 15 aprile 2006, anno LI EDITRICE LA SCUOLA- realizzato da me in collaborazione con le esperte Virginia Bicchiega e Maria Letizia Petroni dell' IRCCS Istituto Auxologico Italiano.


- Alimentarsi bene...per vivere meglio, unità di apprendimento con laboratorio informatico.



Segnalo "Dieta e Nutrizione", un sito sull'alimentazione e la dietetica a cura della Dott.ssa Chiara Mezzetti, con una ricca sezione dedicate alle ricette. Potete richiedere una consulenza nutrizionale per bambini in sovrappeso o inappetenti.

Infine, per ritornare alla piramide alimentare, concludo con un bel tool interattivo sulla nuova piramide alimentare da "OK - La salute prima di tutto",  della RCS Periodici, .


Insomma ce n'è per tutti i gusti!


 



Global Junior Challenge 2009

bannerAl via la 5ª edizione del concorso internazionale che premia l’uso innovativo delle moderne tecnologie per la formazione, l’educazione, la solidarietà e la cooperazione internazionale.


Il Global Junior Challenge, promosso dal Comune di Roma, è ideato e organizzato dalla Fondazione Mondo Digitale per promuovere una società della conoscenza inclusiva. È un’occasione unica per riflettere sull’importanza delle sfide poste dall’educazione per il 21° secolo e sul ruolo delle tecnologie per l’integrazione sociale, lo sviluppo e l’abbattimento della povertà nel mondo. Tra le novità dell'edizione 2009, in occasione dell'Anno europeo della creatività e dell'innovazione, una nuova categoria speciale “Creatività e innovazione sociale” e un convegno internazionale con i più importanti centri di ricerca-azione sull’innovazione sociale.


Il concorso internazionale Global Junior Challenge premia i progetti più innovativi che utilizzano le più moderne tecnologie informatiche nel campo dell'educazione e della formazione dei giovani.
Il concorso, indetto ogni due anni, si inserisce nell'ambito del programma E-learning lanciato dalla Commissione Europea nel vertice di Lisbona, a garanzia della diffusione di una consapevole cultura digitale nelle scuole, tra gli insegnanti e tra i giovani. Più specificamente la finalità del Global Junior Challenge è diretta a incoraggiare le giovani generazioni e i loro insegnanti all'utilizzo delle nuove tecnologie, per favorire lo scambio di esperienze e l'emulazione di iniziative di successo.


In questo senso il Global Junior Challenge (GJC ) rappresenta, ad oggi, un'occasione unica per spingere gli insegnanti e i ragazzi a riflettere sull'importanza dell'alfabetizzazione informatica, offrendo loro una panoramica straordinaria per varietà di partecipanti e qualità delle soluzioni proposte.
Il concorso è aperto a tutti: associazioni, istituzioni pubbliche e private, cooperative, scuole, università, aziende e singole persone di ogni età provenienti da ogni parte del mondo. Sono ammessi a partecipare i progetti in corso d'opera al 31 dicembre 2008, rivolti ai giovani fino a 29 anni, incentrati sull'impiego di hi-tech informatico e telematico a fini educativi e formativi.


I progetti partecipano al concorso divisi in quattro categorie, secondo l'età dei destinatari – fino a 10 anni, fino a 15 anni, fino a 18 anni e fino a 29 anni – e in due categorie speciali: la prima, come nelle precedenti edizioni, riguarda l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro; la seconda (novità di quest'anno) è dedicata alle idee che promuovono la creatività e l'innovazione sociale. La scadenza per la registrazione dei progetti è il 30 luglio 2009.


Una giuria internazionale selezionerà i progetti finalisti e proclamerà i vincitori. In occasione dell'evento finale, il 7-8 ottobre 2009 a Roma, sarà allestito uno spazio espositivo con i progetti finalisti, animato da workshop e convegni. La premiazione avverrà il 9 ottobre 2009.


Nelle quattro precedenti edizioni i giurati hanno valutato più di 2.000 progetti, realizzati in ogni parte del mondo. Oltre 24 mila i partecipanti ai meeting conclusivi, oltre 70 i paesi di provenienza.


Il video della quarta edizione.


Vai al sito per leggere tutte le informazioni disponibili.

venerdì 24 aprile 2009

25 Aprile - Festa Della Liberazione

25aprile-immagine1Il 25 Aprile 1945partigiani liberarono Milano e Torino dall'occupazione nazifascista, ed ogni anno da allora l'Italia ricorda lo storico evento, cari ragazzi e cari lettori. Domani, 25 Aprile 2009, si festeggerà il 64° anniversario della Liberazione.

Segnalo di seguito una serie di link a risorse che possono essere impiegate per scopi didattici e non solo.


Buona navigazione!

Consultate su Wikipedia i contenuti relativi alla
Resistenza Italiana, che costituisce il fenomeno storico nel quale vanno individuate le origini stesse della Repubblica italiana.


Solarolo, paese che non dimentica, un bel volume di 357 pagine, voluto dall'Amministrazione Comunale di Solarolo (RA) (comune in cui insegno), che riporta una accurata e documentata ricerca su uno dei periodi più duri che la Romagna abbia vissuto nella sua storia.


Happy Liberation Day, dall'ottimo "A little Brit of us" dell'amica Nadia Zaramella.



Bella Ciao su YouTube


Il testo di Bella Ciao in 30 lingue

Fischia il vento Versione Coro delle mondine di Novi di Modena

Fischia il vento - Canzoniere ANPI

Canti partigiani su YouTube

Fior di tomba

Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia

Archivio nazionale cinematografico della Resistenza

Archivi della Resistenza - Sito con archivi video, audio e foto dedicati alla Resistenza sulla Linea Gotica Occidentale

La Storia Siamo Noi Rai Educational: Filmati, materiali, interviste e documenti per ricordare, capire e riflettere su una pagina della storia italiana.

Guerra alla guerra: le donne nella Resistenza italiana

Festa della Liberazione - Lotte delle donne  pdf

Museo audiovisivo di Massa Carrara La Spezia

Foto della Liberazione a Milano

Soldati americani a Genova dopo la Liberazione.



milano1Entrata a Milano


 
Consultate una risorsa che rappresenta un'eredità scomoda, l'eredità fascista:  Fascist Legacy (
"L'eredità del fascismo") un documentario della BBC sui crimini di guerra commessi dagli italiani durante la Seconda Guerra Mondiale, e mandato in onda nei giorni 1 ed 8 novembre 1989. La RAI acquistò una copia del programma, che però non fu mai mostrato al pubblico.

La7 ne ha trasmesso ampi stralci nel 2004. Il documentario,
diretto da Ken Kirby, ricostruisce le terribili vicende che accaddero nel corso della guerra di conquista coloniale in Etiopia – e negli anni successivi – e delle ancora più terribili vicende durante l’occupazione nazifascista della Jugoslavia tra gli anni 1941 e 1943. Particolarmente crudele la repressione delle milizie fasciste italiane nella guerriglia antipartigiana in Montenegro ed in altre regioni dei Balcani. Tali azioni vengono mostrate con ottima, ed esclusiva, documentazione filmata di repertorio e con testimonianze registrate sui luoghi storici nella I puntata del film. Il documentario mostra anche i crimini fascisti in Libia e in Etiopia. Nella II puntata il documentario cerca di spiegare le ragioni per le quali i responsabili militari e politici fascisti -colpevoli dei crimini- non sono stati condannati ai sensi del codice del Tribunale Militare Internazionale di Norimberga, per crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Conduttore del film è lo storico americano Michael Palumbo, autore del libro “L’olocausto rimosso”, edito -in Italia- da Rizzoli. Nel film vengono intervistati -fra gli altri- gli storici italiani Angelo Del Boca, Giorgio Rochat, Claudio Pavone e lo storico inglese David Ellwood.

Concludo con il  toccante filmato "I sette fratelli Cervi".


Nella nebbia dell'alba
si nascosero i cani
e chiusero gli occhi
per non vedersi le mani.
Negli occhi dei sette Cervi
l'aurora si specchiò,
dagli occhi fucilati
il sole si levò.

Vecchio, tenero padre,
olmo dai sette rami,
nella vuota prigione
per nome ancora li chiami




...e con una efficace presentazione realizzata da Maestra Renata, utile risorsa didattica per lo studio di questo travagliato periodo storico.

giovedì 23 aprile 2009

Picco Di Accessi Su Scientificando Per Rita Levi Montalcini

Leggo dal blog amico "Gravità Zero" che ieri, 22 Aprile, si è registrato sul loro ottimo blog un record di 700 accessi in occasione dei festeggiamenti per il centenario della grande scienziata Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina 1986.

Beh, anche Scientificando, in effetti, ha registrato ieri un picco di 1347 accessi unici. Dico un picco perché il suo record questo blog lo ha raggiunto il 20 Marzo 2009 con 2076 accessi unici, in occasione dell'equinozio di primavera.

Però è un bel picco, tenuto conto che la media giornaliera su Scientificando oscilla tra i 900 e i 1000 accessi, segno inequivocabile che la blogosfera ha partecipato massicciamente all'evento.

Di seguito, il grafico delle statistiche di ShinyStat, risalente a circa mezz'ora fa. Oggi 23 aprile, sino alle 16:52, sono stati registrati 518 accessi.


recordaccessi
Bene, con il post odierno non voglio solo divulgare questa curiosità, ma colgo l'occasione per invitarvi a sostenere con il 5 per 1000 la fondazione EBRI della professoressa Montalcini.

Riporto da Gravità Zero:

La Fondazione EBRI - Rita Levi Montalcini è una organizzazione senza scopo di lucro che mira a sviluppare e promuovere la ricerca scientifica nel campo delle neuroscienze e delle malattie neurodegenerative, quali l'Alzheimer. L'Istituto è finanziato da fondi Europei e statali, da fondazioni private e da donazioni individuali.


Tutte le donazioni sono utilizzate per finanziare i programmi di ricerca scientifica.





Contribuisci anche tu a sostenere le attività dell’EBRI







Per portare avanti i progetti dell'EBRI c'è bisogno del sostegno e della generosità di tutti coloro che credono che non ci può essere futuro nella cura delle malattie senza la ricerca scientifica.
Puoi sostenere le attività dell'EBRI in diversi modi:


- con una donazione
- con un lascito
- devolvendo il 5 per mille


Solo in Italia ci sono oltre un milione di persone affette da Alzheimer, Parkinson ed altre malattie neurodegenerative, molte delle quali anziane, che aspettano una risposta dalla ricerca scientifica. Il cammino è ancora lungo ma, con il contributo di tutti, avremo la forza di dare a molte persone una speranza in più.

mercoledì 22 aprile 2009

National Geographic's Infinite Photograph

National Geographic's Infinite Photograph è una straordinaria applicazione web 2.0 realizzata dall'arcinoto National Geographic per esplorare fotograficamente come è fatto il pianeta Terra, in un modo del tutto singolare.


L'originale e innovativa applicazione genera un gigantesco mosaico, composto da più di 300.000 foto in miniatura inviate dagli utenti della rete.


Alla fine del post, potete ammirare il video, che vi lascerà a bocca aperta.


Adesso seguite il link : http://www.thegreenguide.com/infinite-photograph e ammirate il gigantesco mosaico!


Cliccando una sola volta, per quante volte ne avete voglia, navigherete tra le splendide immagini. Con il doppio click, si evidenzierà invece una sola foto, corredata da diverse informazioni ad essa relative.


Il mosaico si presenta così, dopo che ho cliccato diverse volte:


infinitomosaico


Il video. 



A Scuola Con Il PC: Prima Presentazione Nazionale

Riporto con soddisfazione, dal blog dell'amica Paola Limone, la notizia evidenziata nel titolo del post.


Scrive Paola:


Alla presenza del ministro per la Pubblica amministrazione e l'innovazione, on. Renato Brunetta, si è tenuta oggi la presentazione del progetto “A scuola con JumPC”, nato dalla collaborazione tra Intel Corporation Italia, Olidata e Fondazione Mondo Digitale.

lunedì 20 aprile 2009

Rita Levi Montalcini

rita-levi-montalcini-02Rita Levi Montalcini compirà cento anni il 22 aprile.
Cento anni di una vita dedicata alla scienza e al prossimo: Rita Levi Montalcini, Premio Nobel per la medicina insieme a Stanley Cohen nel 1986, è ancora piena di entusiasmo per il suo lavoro e per la vita.

Per festeggiare questo evento, ho pensato, cari ragazzi e cari lettori, di riportare la testimonianza dell'amico giornalista, Pier Luigi Zanata, che nel 1992 intervistò la scienziata per l'ANSA.

Prima di lasciarvi al racconto del nostro amico, segnalo gli articoli di Gravità Zero, a firma del caro ed eccellente Claudio Pasqua (sono i primi tre a seguire):


I 100 ANNI DI RITA LEVI MONTALCINI - SPECIALE TV7 PARTE 1/7

Ho conosciuto Rita Levi Montalcini il 31 ottobre 1992, e, subito, sono rimasto affascinato da questa intelligente, bella, dolce e deliziosa donna.

Il premio Nobel per la Medicina è in Sardegna ospite in un convegno scientifico internazionale, organizzato a Santa Margherita di Pula (Cagliari) dal CRS4, un laboratorio di ricerca, presieduto allora dal premio Nobel per la Fisica, Carlo Rubbia.

 Inviato dell’ Ansa seguo i lavori. Sono l’unico giornalista. Assenti anche i giornali locali.

 A metà pomeriggio, al telefonino, ricevo una chiamata da parte del capo redattore centrale il quale mi chiede di intervistare sulla riabilitazione di Galileo Galilei i due Nobel, entrambi componenti dell’ Accademia delle Scienze del Vaticano.

 Il 31 ottobre 1992, infatti, dopo ben 359 anni, 4 mesi e 9 giorni, Galileo venne finalmente riabilitato dalla Chiesa cattolica, con la cancellazione definitiva della condanna inflitta al grande scienziato pisano nel lontano 22 giugno 1633 dal Sant’Uffizio, retto, a quel tempo, dal Cardinale Bellarmino.

 Mi metto immediatamente sulle tracce dei due.
In un salottino del Forte Villane, il resort dove si svolgeva il convegno, incontro Rita Levi Montalcini. Mi avvicino, timido. La scienziata mi incute soggezione. Ho paura di disturbare. E’ protetta, credo, dalla sua segretaria.

Poi in me prevale la faccia tosta e mi avvicino.
Mi presento e chiedo di intervistarla su Galilei, sul significato della sua riabilitazione, sul ruolo della scienza.

Solleva il capo, mi scruta con i suoi occhi velati, che vedono poco. Sorride. Poi con la sua debole voce dice: ‘’Capisco. Mi sembrano argomenti interessanti. Adesso sono un po’ stanca (sono circa le 19) e ho necessità di andare a riposare. Non e’ una scusa. Sa, alla mia età…’’

Poi immediatamente aggiunge: ‘’Le faccio una proposta. Ci vediamo domani mattina. Faremo colazione insieme e risponderò a tutte le sue domande’’.

Chiedo: ‘’Professoressa a che ora fa colazione?’’



’Oh, molto presto, alle sette. Sa, dormo poco’’, poi premurosa aggiunge ‘’Troppo mattiniera per lei?’’.

‘’No’’, rispondo, ‘’Sarò puntuale’’.
Il mio cuore batteva a mille.
L’ indomani per paura di mancare all’appuntamento alle 6:30 ero già davanti alla porta della sala colazioni, ancora chiusa.

La scienziata, accompagnata dalla segretaria, arriva alle 7 precise. Ci sediamo a un tavolo davanti a una grande finestra che si affaccia sul parco del resort. Chiacchieriamo a lungo. Ricordo la sua colazione: spremuta d’arancia, cappuccino, croissant con marmellata, alcune fette biscottate con miele. Credo di avere bevuto solo un caffè, incantato dalle sue parole e dalla sua figura.

Per tutta l’intervista non ha mai cessato di sorridere. Si rivolgeva a me come se fossimo vecchi amici e avessimo quotidiana consuetudine di fare colazione assieme.


Prima di parlare di Galileo mi dice che  la ricerca in Italia soffre dello iatus tra ricerca di base e applicazione industriale.

"L' esempio da seguire - dice - è quello del Cern, quello dei cosidetti 'laboratori aperti', nei quali esiste un continuo flusso di ricercatori, e un proficuo scambio di esperienze e conoscenze. Dobbiamo poi – conclude - aiutare i nostri giovani, che hanno grande intelligenza, curiosità e fantasia, requisiti indispensabili per un buon ricercatore. L’Italia - dice -  è un paese ricco di giovani capaci, nessun paese ha la ricchezza in termini di capitale umano del nostro’’.


Nel congedarmi mi dice:  “Non dobbiamo pensare a noi stessi, ma è necessario pensare agli altri. L’unico merito che mi riconosco è il disinteresse per la mia persona e l’interesse per il mondo. La fondazione Montalcini, fondata proprio quest’anno con mia sorella Paola, infatti, dedica particolare attenzione alle donne in difficoltà, come quelle del continente africano, per le quali è spesso complicato aver accesso all’istruzione’’.

Una intelligente, dolce, deliziosa donna.
Sono ancora innamorato di lei.

Le sue dichiarazioni (che lei non volle rileggere) poi vennero riprese da quasi tutti i quotidiani italiani.
L’incontro con Rita Levi Montalcini mi ha fatto capire che le grandi personalità sono tali anche per la loro grande umanità e disponibilità e non solo per le grandi cose realizzate.

*****

I miei alunni, i lettori di questo blog e la scrivente augurano con affetto, stima e ammirazione, un buon compleanno alla Professoressa Montalcini...e, come suol dirsi in queste occasioni: "100 di questi giorni!"

*****


Riporto di seguito il contributo dell'amica Skip, che reputo significativo. Grazie Skip!

Il 22 aprile Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina nel 1986 e senatrice a vita dal 2001, festeggerà il suo centesimo compleanno. Un bellissimo traguardo per una donna straordinaria che ha attraversato e superato il ‘900 investendo tempo, energie ed intelligenza principalmente nella  ricerca scientifica, anche dopo aver rinunciato a incarichi  per sopraggiunti limiti di età, e più di recente in campagne di interesse sociale e ambientale.

Quando parla  la Signora Levi Montalcini si percepiscono la determinazione di chi ha  passione e forza interiore, la saggezza e l’intelligenza dei grandi, la fede laica  ispirata al  bisogno di conoscenza che l’ha animata sempre e ovunque, anche nei periodi più cruciali della sua vita.

Una  figura emblematica del nostro secolo, tra le più stimate e amate. Una donna che ha scelto di vivere disinteressandosi della propria persona, in nome della libertà di pensiero e di una continua ricerca  tendente a scoprire verità nei misteriosi meandri della mente umana.

Posso dire che l’unico ideale per cui ho lavorato è stato quello di aiutare gli altri e forse per questo la ricerca mi ha dato molto di più di quanto potessi sperare”.

 Auguri sinceri,  splendida Signora!

domenica 19 aprile 2009

GIORNATA OASI WWF 2009

wwf-logoOggi, 19 Aprile è la GIORNATA OASI WWF 2009, cari ragazzi e cari lettori.


Riporto da WWF Italia:


Il sistema delle Oasi WWF è il più importante progetto di difesa della natura mai realizzato da un’associazione nel nostro Paese.


Si chiamano Oasi, perché sono vere e proprie roccaforti di biodiversità in mezzo al deserto della speculazione, dell’abusivismo, delle discariche, dei campi slavati dai veleni.


Sono ultime testimonianze di paesaggi originari ormai stravolti: isole protette di natura incontaminata.


Nelle nostre Oasi sono rappresentati quasi tutti gli ambienti naturali: dalle praterie alpine alle coste di gesso, dall’insieme di aree umide più vasto d’Italia ai canyon selvaggi, dalle cascate alle grotte, dai boschi planiziali alle foreste mediterranee, dalle cime innevate alle steppe.


Il nostro impegno quotidiano è custodirle perché siano conservate nel tempo, vissute, amate da tutti.


Ci sono aree che senza il WWF oggi non ci sarebbero più, che abbandonate al degrado e sottoposte a caccia e sfruttamento sono tornate  a vivere.


Ci sono animali e piante in diminuzione ovunque  che grazie alle Oasi hanno trovato un rifugio sicuro: come il cervo sardo, ormai salvo dall’estinzione, o il lupo, in crescita costante.


Questo è il nostro impegno.


Ma è un punto di partenza: ogni anno, l’Italia perde centinaia di migliaia di ettari di natura.  C’è ancora molto da fare.


Per mantenere vivo ed ampliare il sistema delle Oasi in Italia, abbiamo ancora bisogno dell’aiuto di tutti. Anche del tuo.


_____________________________


Scarica il  bellissimo calendario WWWF 2009 - Anno del Clima


Visita il Blog delle Oasi WWF


Qui tutte le iniziative per le scuole


 



The L'Aquila Earthquake

The L'Aquila earthquake è il reportage fotografico sul sisma dell'Abruzzo, pubblicato l'otto Aprile 2009 nella rubrica "The Big Picture - News Stories in Photographs from the Boston Globe".


Sono 32 foto che descrivono con drammatica efficacia gli effetti del terremoto del 6 Aprile.
Cari ragazzi e cari lettori, volevo segnalarlo da tempo, ma poi ho preferito dare spazio prima ad altri aspetti del tragico evento.


La foto seguente riprende le macerie di Onna.Il resto del reportage potete vederlo qui.


onna


La pagina di wikipedia in italiano, dedicata al terremoto del 6 aprile 2009.


La pagina di wikipedia in lingua inglese, dedicata allo stesso sisma.


Post correlati


Terremoto: Un Decalogo Per I Bambini


Terremoto In Abruzzo: Informazioni Utili


Conoscere il terremoto [Risorse didattiche varie]


Comunicato dell'INGV sul sisma del 6 Aprile


Emergenza terremoto: Coordinamento Centro Servizi Volontariato Abruzzo


Terremoti: cause, prevedibilità, prevenzione


Si possono prevedere i terremoti?

sabato 18 aprile 2009

Earth Day 2009

50_ways_listCari ragazzi e cari lettori, tra quattro giorni, e precisamente il 22 Aprile 2009, si festeggerà il 39° Earth Day. 

Vi invito a leggere il nostro post dell'anno scorso dedicato all'Earth Day, un evento mondiale, celebrato ogni anno da ormai mezzo miliardo di persone in 175 Nazioni, con l'intento di informare ed educare alle tematiche ambientali.

National Geographic vuole promuovere il rispetto dell’ambiente e coinvolgere la società civile, le istituzioni e le aziende, attraverso le attività di ricerca e comunicazione che l’hanno resa famosa negli anni come uno dei media più impegnati su questi problemi.

Quello che fai conta


Per celebrare la giornata mondiale della terra National Geographic organizza una campagna di sensibilizzazione mondiale sull’eco - sostenibilità rivolta ai suoi lettori e telespettatori dal titolo “quello che fai conta”. Attraverso la musica, la presentazione di ricercatori e dei loro progetti e la partecipazione attiva a un progetto di forestazione del Comune di Roma, National Geographic Channel vuole rappresentare la voce di Roma e degli Italiani in questa importante ricorrenza internazionale. (Vedi  il programma)

Live concert

Il 22 Aprile, un grande concerto a impatto zero sull’ambiente con artisti italiani e internazionali sarà trasmesso da piazza del Popolo in diretta televisiva internazionale e in diretta radio nazionale. Tutto il mondo potrà inoltre seguire la manifestazione dal sito internet dedicato. Sul palco si alterneranno musicisti e ricercatori che presenteranno progetti ambientali sia italiani sia internazionali. 

Tra i musicisti:

Starring: Ben Harper and Relentless7
Guests: Subsonica, Nneka, Bibi Tanga & The Selenites (Vedi tutte le informazioni)

Di seguito diversi link dove sono reperibili informazioni e risorse su EARTH DAY 2009.

Dai bambini di France "AMICA TERRA".

Dallo splendido "Ciao Bambini" di Maria Pia.

Dall'ottimo QuickTips dell'amica Anna, "La Giornata Mondiale della Terra: risorse didattiche"

The Green Line indica 50 modi per salvare il pianeta.

La Walt Disney Pictures con il Ministero dell’Ambiente e il 55° Taormina Film Fest in Sicilia presenta il 21 aprile in occasione del G8, Vertice dei Ministri dell’Ambiente a Siracusa, la proiezione evento di Earth- La Nostra Terra” (in italiano). Questa la versione di Earth da Disneynature in inglese.

"Earth – La Nostra Terra”, distribuito dalla Walt Disney Studios Motion Pictures Italia, diretto da Alastair Fothergill e Mark Linfield con la voce narrante di Paolo Bonolis, sarà nei cinema italiani il 22 aprile in occasione della Giornata Mondiale Della Terra – Earth Day.

Su ANSA.it le splendide immagini della Terra da salvare.

Da National Geographic "Games, News, Wallpaper"




EcoKids festeggia l'avvenimento con giochi, idee, attività e pagine stampabili.

DLTK's Crafts for Kids Earth Day Activities: giochi, attività, pagine da colorare e poster.

Earth Day Coloring Pages (pagine da colorare) da Activity Village


Da Primary Games: pagine da colorare, giochi e racconti, cartoline augurali e tanto altro.

Dalla NASA "Sun - Earth Day: 2009" : già festeggiato il 20 marzo, ma che vale la pena  vedere per la bellezza delle immagini e risorse proposte.

Concludo con un video bellissimo.



venerdì 17 aprile 2009

Prevenzione Della Carie Ed Ortodonzia [Fumetto Animato]

Cari ragazzi e cari lettori, segnalo dal blog del carissimo amico Giuseppe Auletta un ottimo fumetto animato che illustra efficacemente in otto sequenze come prevenire la carie e le malocclusioni.


Guardatelo con attenzione perché la risorsa fornisce utili informazioni sui modi  atti a prevenire la carie.

giovedì 16 aprile 2009

I Mammiferi

Rendo disponibile, ai colleghi e agli interessati, l'unità di apprendimento "I mammiferi", da me redatta per la Rivista Scuola e Didattica nel corso dell'annata 2004-05, nell'intento di fornire degli spunti per l'attuazione di un percorso apprenditivo su questa classe di vertebrati.

La risorsa didattica consta dei seguenti punti:

- compito unitario di apprendimento;

- compito unitario in situazione (o prodotto concreto che i ragazzi sono chiamati a svolgere);

- obiettivi formativi;

- attività laboratoriali (fasi del percorso apprenditivo, corredate da esperienze concrete);

- verifiche e valutazione.

Nel documento sono, inoltre, segnalate risorse cartacee, video e online, utili per gli approfondimenti.

Di seguito una mappa che è contenuta all'interno dell'UA.

mammiferi



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...