giovedì 19 agosto 2010

La Terra E' Più Giovane Di Quanto Si Stimasse


Per i colleghi di Scienze e per gli interessati, un'informazione che riguarda l'età della Terra: da un nuovo studio emerge che il nostro pianeta è  più giovane di  almeno 70 milioni di anni rispetto a quanto stimato. La notizia è stata diramata da un comunicato stampa dell'INAF.



*****



Una nuova analisi suggerisce di rivedere al ribasso l’età attualmente stimata del nostro pianeta. La Terra, secondo lo studio apparso su Nature Geoscience, avrebbe almeno 70 milioni di anni in meno di quanti gliene abbiamo attribuiti. Per la precisione, la sua data di nascita risalirebbe a 4.467 miliardi fa, anziché 4.537 miliardi.


Per “ringiovanire” la Terra, i ricercatori hanno analizzato il processo di  formazione del disco di accrescimento, quel materiale roteante di polveri e gas che aggregandosi ha dato origine il pianeta. “Il problema è che questo processo probabilmente non è avvenuto in maniera stabile e costante come finora ritenuto”, ha spiegato John Rudge, uno degli autori, dell’Università di Cambridge. “Si è sempre creduto che l’accrescimento del pianeta  sia avvenuto secondo un tasso esponenziale decrescente. Il nostro parere è che questo processo sia stato più sfasato e altalenante”.



Nello specifico, gli scienziati hanno confrontato gli isotopi presenti nel mantello terrestre con quelli trovati nei meteoriti, antichi quanto il Sistema Solare, che dovrebbero corrispondere al materiale presente nel nucleo della Terra. Considerando i tempi di decadimento degli isotopi e mettendo a confronto le concentrazioni degli elementi secondo complessi modelli computerizzati, i ricercatori sono riusciti a determinare il tempo impiegato dalla Terra per formarsi.


Il risultato indicherebbe che il pianeta ha avuto uno sprint di crescita in cui si sono incollati circa i due terzi della sua attuale massa, e successivamente un lungo periodo di lento accrescimento. “Se il modello è corretto, significa che la Terra avrebbe impiegato circa 100 milioni di anni per comporsi, e non 30 milioni come pensavamo”, ha concluso Rudge.


8 commenti:

  1. Mi sono sempre chiesta come fanno a dare delle date così lontane dal presente e ora vedo addirittura rettificare di soli 70 milioni di anni.
    E vero che la scienza fa scoperte incredibili ma proprio non riesco a capire come fanno.
    Bacione, Viviana

    RispondiElimina
  2. utente anonimo19 agosto 2010 16:04

    A riguardo dell'età della terra
    tempo fa lessi da qualche parte 
    che la terra era più giovane di quello che si pensava
    l tuo post me lo  conferma 
    Un bacione.

    RispondiElimina

  3. Interessante, mi chiedo da persona comune, se questo nuovo dato possa in qualche modo modificare tutti gli altri dati che si intersecano con questo.
    Ciao Annarita, Roberta.

    RispondiElimina
  4. Non è facile rispondere alla tua domanda, Rob! In realtà, 70 milioni di anni non sono un intervallo di tempo considerevole rispetto ai 4 miliardi e mezzo circa dell'età della terra!


    RispondiElimina
  5. utente anonimo19 agosto 2010 23:37

    Secondo la stessa ricerca, la Terra dovrebbe essere coetanea della Luna.

    "Il lavoro di ricerca e' partito proprio dalla constatazione che la possibile differenza di eta' tra Terra e Luna non sembrava avere nessun fondamento in quanto e' ormai accertato che il nostro satellite e' nato dopo la collisione tra Terra,(considerata alle sue origini, ritengo) e un corpo celeste delle dimensioni di Marte. Partendo dalle tracce, finora ignorate, lasciate dalle collisioni tra la Terra alle sue origini e altri corpi celesti,  anche se essi hanno lasciato notevoli tracce negli elementi terrestri, si e' arrivati cosi' a stabilire una eta' del nostro pianeta compresa tra 4,51 e 4,44 miliardi di anni. " 
    Certo, questo "ripensamento" sull'età effettiva della Terra, se da un lato fa riflettere  su una certa "precarietà" della conoscenza scientifica acquisita, dall'altro è  determinato dall'avanzamento in ambito scientifico-tecnologico.   
    Simili confutazioni, dunque, costituiscono, in realtà,  aspetti positivi del progresso scientifico.
    Grazie, Annarita, per l'interessante comunicazione di questo fatto singolare.
    Un abbraccio,
    maria I. 

    RispondiElimina
  6. Cara Maria, sono d'accordo con le tue considerazioni. Il progresso della Scienza non procede in modo lineare, e ogni nuovo risultato corregge o integra le precedenti acquisizioni.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Lisetta, semplificando al massimo...direi di sì!

    Ciao, ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...