lunedì 16 agosto 2010

LE STELLE CADENTI: TRE LETTURE DI G.V. SCHIAPARELLI


Cari ragazzi e cari lettori,

vi segnalo "LE STELLE CADENTI: TRE LETTURE" di G.V.SCHIAPARELLI*.

L'opera consiste in tre conferenze, motivate dalla straordinaria pioggia di meteore osservate nella sera del 27 novembre 1872. Schiaparelli fu il primo a proporre l'esistenza di una connessione tra comete e meteore, attribuendo lo sciame delle Perseidi ai detriti lasciati dietro di sé dalla grande cometa osservata nel 1862, la cui traiettoria è attraversata ogni anno dalla terra tra il 20 luglio e il 19 agosto. Questa cometa fu riscoperta nel 1982 (è la Swift-Tuttle con periodo di 130 anni).

Segue la prefazione dell'Autore.



Alle letture seguenti ha dato occasione la straordinaria pioggia di meteore, che avvenne la sera del 27 novembre 1872. Le feci in tre adunanze consecutive dell’Istituto Lombardo, per compiacere alcuni Accademici miei colleghi ed amici, i quali m’invitarono ad esporre in modo generalmente intelligibile la natura di que’ fenomeni, ed i progressi recentemente fatti nel loro studio. Col pubblicarle gli Editori hanno creduto di soddisfare al desiderio di un numero maggiore di persone. Ho fatto quello che poteva perchè questo desiderio non rimanga deluso.



Le miglia a cui si accenna in varii luoghi, sono miglia italiane di 60 al grado, ciascuna delle quali misura 1852 metri.



L’AUTORE.


"LE STELLE CADENTI: TRE LETTURE" è consultabile su Wikisource  o su Liber Liber da cui è anche liberamente scaricabile nei formati rtf e txt:














leggi subito:

PDF

download:

RTF + ZIP TXT + ZIP



Al link su Liber Liber
sono consultabili e scaricabili anche le altre opere, in edizione integrale, di Schiaparelli.


_______________________________

* Schiaparelli fu uno dei maggiori studiosi del suo secolo della storia dell'astronomia antica. Fu tra l'altro il primo a capire che le sfere omocentriche di Eudosso di Cnido e di Callippo di Cizico, a differenza di quelle usate da molti astronomi di epoche successive, non erano concepite come sfere materiali, ma solo come elementi di un algoritmo di calcolo analogo alla moderna serie di Fourier. Propose inoltre un'ingegnosa ricostruzione del sistema planetario di Callippo, che è ancora la base degli studi su questo argomento.


2 commenti:

  1. utente anonimo16 agosto 2010 15:43

    Rosaria:
    Schiaparelli lo conosco 
    Una volta feci una ricerca sulle stelle cadenti
    e fu in questa occasione che lo scopri 
     Ricordo che mi piacque anche come persona.
    Tu me lo hai ricordato.
    Un bacione 
    Ciao.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...