giovedì 21 ottobre 2010

LE PIAZZE DELLA SCIENZA 2010


Ricevo con preghiera di diffondere...e diffondo volentieri la seguente notizia!


Dal 24 al 29 ottobre 2010, Torre Pellice apre le porte alle «Piazze della scienza», la grande manifestazione che unisce esperti dell’ambito e appassionati, invitandoli ad intraprendere un affascinante viaggio alla scoperta delle discipline scientifiche.

Via della Repubblica e il Liceo Valdese di Torre Pellice saranno il cuore della rassegna realizzata grazie al lavoro congiunto di studenti e professori. Nata nell’ambito del progetto “Il bello della scoperta” promosso dal Liceo Copernico di Torino, con il sostegno di Regione Piemonte , Provincia di Torino, Museo Regionale di Scienze naturali di Torino e con il contributo della Fondazione CRT, in questa occasione alcune delle mostre più significative realizzate nel passato e presentate in occasione di "Ottobre Scienza 2009" sono esposte per alcuni giorni in spazi offerti dal Comune.

Tecnologia, sport, elettromagnetismo e fisica sono solo alcune delle proposte tra cui scegliere: sei giorni di exhibit ed esperimenti dal vivo da ammirare, ma soprattutto toccare, provare, costruire. Tutte le attività – interattive e della durata di 1 ora e mezza - sono gratuite e visitabili, previa prenotazione, dagli studenti delle scuole elementari, medie e superiori, accompagnati dai propri insegnanti. Domenica 24, invece, sarà la giornata della scienza rivolta alla cittadinanza: le mostre saranno aperte al grande pubblico dalle 11 alle 13 e dalle 15,30 alle 19,30 e si potrà partecipare ai laboratori che le scuole Elementari di Bricherasio, Elementare di Torre Pellice, Elementare San Giovani, Liceo Amaldi di Orbassano, Liceo Curie di Grugliasco e Liceo Valdese di Torre Pellice presenteranno nelle vie della città.

Le sale del Comune ospiteranno il laboratorio di “Fisica del quotidiano”, a cura della Facoltà di Fisica dell’Università di Torino, in collaborazione con INFN Sezione di Torino e Associazione Officine Scienza, in cui il pubblico, con l'aiuto dell'animatore, cercherà di mettere un po’ d'ordine in una quantità di fenomeni elettromagnetici apparentemente slegati tra loro, come farebbe un investigatore della polizia, alla ricerca di un collegamento tra indizi apparentemente inutili o scorrelati.

Al Liceo Valdese di via Beckwith 1, invece, la mostra interdisciplinare “Lo sport nella scienza e nell'arte” cercherà di coniugare l'analisi di un gesto atletico con la comprensione di un fenomeno fisico e le emozioni trasmesse da un’opera d'arte, analizzando la nascita e lo sviluppo del moto dei corpi, i segreti dell’equilibrio, il profondo rapporto tra cibo ed energia e gli innovativi materiali che ogni giorno permettono di battere record sempre più ambiziosi.

Il programma completo e ulteriori informazioni potranno essere reperite sul sito www.ottobrescienza.it.

Gli insegnanti, che intendono visitare la mostra con i propri allievi, potranno prenotare la visita telefonando alla segreteria della scuola (0121-91260).

IL LABORATORIO
Fisica del quotidiano: indagine nel caos elettromagnetico
Lampadine che galleggiano nel vuoto, dischi levitanti e freni invisibili sono alcuni dei fenomeni elettromagnetici davanti ai quali si troveranno le classi e il pubblico che parteciperà a questo laboratorio. L'attività è strutturata come un'indagine scientifica in cui il pubblico, con l'aiuto dell'animatore, cercherà di mettere un pò d'ordine in una quantità di fenomeni elettromagnetici apparentemente slegati tra loro, come farebbe un investigatore della polizia, alla ricerca di un collegamento tra indizi apparentemente inutili o scorrelati.

A cura di: Corso di Studi in Fisica dell'Università di Torino, attraverso il progetto Lauree Scientifiche, in collaborazione con INFN Sezione di Torino e Associazione Officine Scienza
Dove: Comune di Torre Pellice, via della Repubblica 1

LA MOSTRA
Lo sport nella scienza e nell’arte
È possibile coniugare l'analisi di un gesto atletico con la comprensione di un fenomeno fisico o con le emozioni trasmesse da un’opera d'arte? Cercheremo di farlo con la mostra Lo sport nella scienza e nell’arte. Mostreremo da dove nasce il movimento, scopriremo le leggi che governano il moto dei corpi anche attraverso l’osservazione di tuffi, acrobazie sul ghiaccio o evoluzioni in aria di atleti di diverse discipline sportive. Ci concentreremo sul segreto dell’equilibrio: scopriremo come può un equilibrista camminare su un filo, giocheremo con il nostro stesso baricentro e con alcuni simpatici oggetti che sembrano non voler cadere mai. Partendo dall’analisi del corpo umano, rifletteremo sul rapporto tra cibo ed energia e sulle leggi che governano la circolazione dei fluidi. Scopriremo insieme gli innovativi materiali che stanno rivoluzionando lo sport e che ogni giorno permettono di battere record sempre più ambiziosi. Faremo la conoscenza di Isaac-2, un prototipo di robot alto come un ragazzo di 15-16 anni che sfiderà, nella categoria umanoidi, altri robot come lui nella coppa intercontinentale di calcio per robot che si terrà a Singapore nel 2010.

A cura di: L.C. Gioberti, L.S. Gobetti, L.S. Cattaneo, Collegio Sacra Famiglia, L.S. Faà di Bruno e ITIS Casale di Torino, L.S. Amaldi di Orbassano, Liceo Valdese di Torre Pellice e Liceo Monti di Chieri, Museo Regionale di Scienze Naturali, Accademia di Belle Arti di Torino, il gruppo Isaac-Team del Politecnico di Torino, il SUISM di Torino e la rete di scuole per la RoboCupJunior Italiana
Dove: Liceo Valdese di Torre, via Beckwith 1



2 commenti:

  1. utente anonimo26 ottobre 2010 00:27


    buonasera ho un progetto in mente da molto tempo...vorrei indurre nei bambini la voglia di chiedersi il perchè delle cose, ma soprattutto fare in modo che siano loro stessi a darsi spiegazione..mi spiego meglio...il gioco deve essere la base...quindi con gli oggetti che si trovano in casa....costruire l'esperimento...a questo punto...con domande mirate portare loro a comprendere il fenomeno..non penso che sarà difficile arrivare alla spiegazione in quanto i bimbi sono molto intuitivi...
    chi può indirizzarmi o consigliarmi per potere fare si che da progetto mentale diventi realtà?

    grazie fin d'ora
    nadia

    RispondiElimina

  2. Ciao, Nadia, quel che scrivi è molto bello e sei sulla strada giusta.

    Non ho però ben compreso che tipo di aiuto cerchi. Mi sembra che il tuo progetto possa essere realizzato senza grossi sforzi nella quotidianità.

    Un cordiale saluto.
    annarita

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...