lunedì 7 febbraio 2011

Lungo Il Fiume...Lungo La Storia | Percorso Educativo Per La ScuolaPrimaria

plastico di un fiume, realizzato da una classe di bambini di scuola primaria insieme alla loro maestra Francesca.Il 17 dicembre scorso, segnalavo il post "Saliam Sulla Montagna", un percorso didattico-apprenditivo svolto dalla maestra Francesca Ravanelli con i suoi piccoli alunni:

Martina, Roby, Patrizio, Sara,1, Sara 2, Linda, Danny, Daniel, Giulia, Matteo, Teodora, Giorgia, Nicole, Vladut, Gabriel, Riki, Cosmin, Kavisha, Clarissa, Damiano.

Oggi vi segnalo la continuazione di quel lavoro
, con le parole di Francesca:


"Vi ricordate il post "Saliam sulla montagna"? Lì raccontavo un'unità di lavoro dedicata alla conoscenza della montagna, in cui cercavo di coagulare diverse discipline e diversi canali di lettura intorno ad un tema complesso.

Bene, il lavoro è continuato.



Abbiamo cercato di trovare un collegamento tra i diversi ambienti ed in particolare tra LA MONTAGNA e il MARE : Il fiume.

E' stato bello vedere la sorpresa dei bambini nel seguire il corso del fiume, dalla sua sorgente....su su...proprio sotto il ghiacciaio...giù nelle valli alpine, fino in pianura e...finalmente arrivare al mare.

IL FIUME come ANELLO DI CONGIUNZIONE tra MONTAGNA E MARE.

Ambienti così diversi e così interdipendenti!

Naturalmente, anche questa volta, abbiamo usato risorse diverse e "canali diversi" per convogliare le informazioni."


Continuate a leggere il seguito sul post originale.

Vi consiglio di farlo perché l'unità apprenditiva, posta in essere da Maestra Francesca a beneficio dei suoi alunni, costituisce un ottimo input didattico per un lavoro trasversale a diverse discipline, che coniuga i saperi con la multimedialità.

16 commenti:

  1. "Saliam la montagna"
    Certo che ricordo questo post
    e rimasi incantata 
    dal lavoro dei ragazzi e delle maestre.
    Seguiro e visiterò il link da te segnalato
    Questi lavori vanno premiati e segnalati 
    e cho meglio di te lo può fare?
    Allora  porterò personalmente 
    i miei complimenti ai ragazzi e alle brave insegnanti.

     Bacio e notte serena.

    RispondiElimina
  2. Grazie, Rosaria. L'insegnante è una però...Maestra Francesca!

    Bacione.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo8 febbraio 2011 15:34

    prof anchio non mi ricorda a  adesso si un pocchino mi sembra ....vabbe




    davide hu 1 b

    RispondiElimina
  4. utente anonimo8 febbraio 2011 19:35

    Bello questo post!!
    Mi ha coinvolto molto.
    a domani Prof.
    Linda M. 3b

    RispondiElimina
  5. Bellissimo! Complimenti alla Maestra Francesca, ma anche a te, come sempre, per tutto l'amore che metti in questo splendido lavoro.
    Noi lo percepiamo sempre dai tuoi post, è vitale!
    Un abbraccione dalla follettina!

    RispondiElimina
  6. Grazie Rosy,
    anche per il commento lasciato nel blog!

    RispondiElimina
  7. @ Davide, Linda...
    mi fanno davvero piacere i vostri commenti e soprattutto che abbiate avuto la pazienza e l'interesse di leggere quanto ho raccontato.
    Vi mando un abbraccio
    france

    RispondiElimina
  8. Marco, ti ho risposto anche nel blog, ma voglio ripeterti anche qui quanto i tutoi commenti sappiano andare all'essenza delle cose con una connotazione emotiva che fa davvero piacere riscontrare in un ragazzo.
    Complimenti a te e un abbraccio
    france

    RispondiElimina
  9. E infine a te Annarita una ringraziamento particolare per come sai valorizzare delle esperienze che dovrebbero essere routinarie nella scuola primaria.
    Sono felice di condividere i lavori che facciamo e penso che la rete sia un mezzo eccezionale per conoscere e diffondere pratiche che sicuramente avvengono dentro il chiuso delle aule e delle scuole.
    Noi insegnanti dobbiamo ancora comprendere quanto sia importante l'apertura alla realtà esterna, l'integrazione tra la vista di classe e quella che c'è fuori: apriamo le porte delle nostre aule ai nostri colleghi, alle famiglie, a tutti coloro che si interessano della educazione dei nostri alunni.
    Non ci sentiremo più soli e troveremo spunti per migliorare la nostra attività!
    La Rete è qui a nostra disposizione....e poi ci sono persone come Annarita che la amplificano!!!!
    Un bacio
    france

    RispondiElimina
  10. Certe volte invidio i ragazzi di oggi, mica c' erano ai miei tempi questi viaggi virtuali...complimenti alla brava insegnante.
    Un saluto ad Annarita.
    Teoderica.

    RispondiElimina
  11. Bravo, Davide. Però fai attenzione agli errori...

    A domani.

    La tua prof.

    RispondiElimina
  12. Lo so, Linda. Sei una ragazza sensibile.

    A domani.

    La tua prof.

    RispondiElimina
  13. Grazie a te, caro Marco, per i tuoi commenti sempre centrati e significativi.
    Hai fatto bene a commentare anche da France.

    Un bacione

    RispondiElimina
  14. Janas, cara follettina. Ti ringrazio di essere passata anche di qui e di aver lasciato una traccia.

    Ci sentiremo presto.

    Un bacione.

    RispondiElimina
  15. Cara France, sono io a ringraziare te per questi lavori mirabili. Sarebbe un delitto non segnalarli.

    Concordo! La rete è uno strumento formidabile, se ben utilizzato, e sicuramente è un mezzo insuperabile per la diffusione delle buone pratiche, che, altrimenti, come hai sottolineato, rimarrebbero confinate tra i muri scolastici.

    Un bacione
    annarita

    RispondiElimina
  16. Ciao, Teo. Che piacere trovarti qui!

    Spero di riuscire a passare presto da te. Questo è un periodo impossibile a scuola e fuori.

    Ti ringrazio di aver letto e apprezzato il lavoro di France.

    Un caro saluto.
    annarita

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...