sabato 12 aprile 2014

Sabbia Magica o Sabbia Idrofobica: Un Divertente Esperimento

Fonte

Con la sabbia magica, nota anche come sabbia idrofobica, si può svolgere a scuola un divertente esperimento, sempre molto gradito dagli studenti.

"Sabbia magica" è anche un gioco, noto da tempo, realizzato con normale sabbia rivestita da un composto idrofobico. Tale rivestimento mantiene la sabbia asciutta anche dopo che è stata immersa in acqua. È addirittura possibile costruire castelli e altre strutture sotto l'acqua. Una volta che è finito il diverimento, è sufficiente gettare via l'acqua e la sabbia è ancora asciutta!

Vediamo di capire questo singolare comportamento della sabbia magica.
La sabbia delle spiagge, su cui ci adagiamo d'estate per prendere la tintarella, contiene minuscole particelle di silice pura, e fin qui niente di particolare. Ma, se viene esposta ai vapori di trimetilsilanolo (CH3)3SiOH, un composto di silicio organico (si presenta come un liquido volatile incolore), la mescolanza crea dei legami con le particelle di silice: i granuli esterni di sabbia vengono rivestiti con gruppi idrofobi.

In parole povere, il trimetilsilanolo fa sì che i granelli di sabbia, in presenza di acqua, aderiscano l'un l'altro e formino cilindri per minimizzare la superficie. Non appena la sabbia è fuori dell'acqua, si può verificare che è completamente asciutta.

La sabbia magica è stata originariamente sviluppata per intrappolare, vicino alla riva, il petrolio fuoriuscito dalle falle delle petroliere, e riversatosi nell'oceano. Spruzzando la sabbia idrofobica sul petrolio galleggiante, essa si mescola con il liquido e lo rende abbastanza pesante da affondare. Tuttavia, a causa delle spese di produzione, non viene utilizzata per questo scopo. È stata anche testata, da aziende di servizi pubblici nelle zone artiche, come base per scatole di derivazione (centraline elettriche) perché non gela mai. Può essere utilizzata anche come mezzo per aerare le piante in vaso. 

La sabbia magica è prodotta in diversi colori (blu, verde, o rosso) ma appare argentea, se immersa in acqua, a causa di uno strato di aria che si forma attorno alla sabbia, rendendola incapace di bagnarsi. 

La gif animata, che vedete nel widget di Google+,  è stata ottenuta da questo video, intitolato "Hydrophobic Sand - QI - Series 10 Episode 10 - BBC Two". 

Guardate il seguente filmato, in cui potete osservare come la sabbia magica sia effettivamente idrofobica e respinga l'acqua.



Segue il widget di Google+.


2 commenti:

  1. Buon giorno prof, molto interessante questo post non sapevo assolutamente che potesse esistere una sabbia magica ma grazie a questo post l'ho imparato. Spero che questo esperimento sarà possibile eseguirlo anche a scuola.
    A domani buona domenica

    RispondiElimina
  2. alessia muccinelli 1b15 aprile 2014 18:15

    buonasera prof!
    anch'io quando ero piccolina avevo questo tipo di sabbiolina...
    mi divertiva un mucchio! grazie a questo post ne posso sapere di piu su questo piccolo esperimento
    GRAZIE e buonaserata!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...