sabato 20 ottobre 2007

Il mondo dei viventi e i non viventi: lezione introduttiva

Salve! Siamo tre alunne della classe 1°A: Letizia, Miriam e Agnese. Vogliamo raccontarvi la nostra  prima lezione di scienze.


La prof. ha dato inizio alla lezione, ponendoci la seguente domanda:


Che cos’ è il mondo dei viventi? Da “cosa” è composto, secondo voi?


Posta la domanda, ci  ha  invitati rassicurante a fornire liberamente le nostre risposte. Ci ha incoraggiati ad essere spontanei e naturali, affermando che le nostre risposte non sarebbero state soggette a valutazione da parte sua. Al contrario,  voleva farsi un’idea di quelle che erano le nostre “preconoscenze” al riguardo, spiegandoci che con il termine “preconoscenze” voleva intendere quello che già conoscevamo sull’argomento per averlo appreso in precedenza dalla scuola primaria oppure da altre nostre esperienze extrascolastiche.


Queste le risposte, così come sono state fornite da alcuni di noi. La prof. ci ascoltava pazientemente in silenzio senza esprimere commenti.


- Thomas P:  persone, animali, piante, che compiono funzioni vitali.
- Filippo M: un insieme di persone, animali, piante che nascono, si nutrono, crescono, si riproducono e infine muoiono.



Seconda domanda della prof.



"I viventi sono rimasti sempre uguali  nel tempo o sono cambiati, secondo voi?"


- Marco G: sono cambiate le piante.
- Agnese L: i pesci hanno mutato le loro zampe in pinne per potersi muovere più agilmente nell’acqua.
- Filippo M: secondo la chiesa le specie sono rimaste fisse nel tempo.



Terza domanda della prof.


"Quali sono i non viventi, per voi?"


- Luca Z: un sasso non è un vivente.
- Clarissa N: gli oggetti scolastici.
- Andrea N: tutti  i metalli.



La prof. ha chiesto ai compagni  che non fornivano una risposta personale a quale di quelle date in precedenza si sentivano più vicini. Ha, inoltre, precisato che i viventi sono anche chiamati organismi mentre i non viventi  sono detti anorganismi.


Quarta domanda della prof.


"Adesso che abbiamo stabilito il significato del termine organismi, da cosa pensate che siano formati?"


- Luca Z: da cellule.


Prof: "Ma allora sapete molte cose! Che bravi!"


Possiamo affermare che,  se osserviamo con un potente microscopio ottico  una  struttura  cellulare, vuol dire  che si tratta di un tessuto organico. Ma non vi chiedo di credermi così sulla parola, eh. Tutto ciò lo  verificheremo sperimentalmente durante le prossime lezioni. Siete interessati alla  cosa?


La prof.  ha detto che stava per farci una domanda più complicata, ma di stare tranquilli  e di rispondere liberamente….


"Quale differenza o differenze ci sono, secondo voi, tra i vegetali e gli animali?"


Miriam A: le piante sono organismi AUTOTROFI, mentre tutti gli altri organismi, per esempio l’uomo, vengono  chiamati ETEROTROFI, perchè hanno bisogno, per cibarsi, di procurarsi il cibo. Un'altra caratteristica che rende diversi gli organismi è la riproduzione.
Agnese L: la riproduzione avviene grazie all’unione di una cellula femminile ed una maschile.



La prof. ha detto che sapevamo molte cose, ma che c’era necessità di precisarle e di approfondirle.


Altra domanda della prof.


Riprendiamo  qualcosa  che  all’inizio della lezione  qualcuno di voi ha indicato  come una delle caratteristiche vitali: la respirazione. Perché, secondo voi, è indispensabile respirare?


Alessandro C: l’ossigeno entra dalla bocca o dal naso e finisce negli alveoli polmonari, che  sono pieni di capillari. In questi, finisce  l’ossigeno che viene trasportato in tutte le cellule.


Prof:  vedremo in seguito che  l’ossigeno, combinato con i prodotti della digestione,  provoca  delle reazioni chimiche che  producono energia.

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

E ora…riassumiamo......Le caratteristiche dei viventi


Tenendo conto di quello che hanno detto i nostri compagni e la prof., possiamo affermare che gli  esseri  viventi  sono organismi che compiono le seguenti funzioni vitali:

- Nascere
- Respirare
- Nutrirsi
- Crescere
- Riprodursi
- Morire

(La prof. ha detto che c'è da considerare dell'altro, che scopriremo più avanti...)

L’elemento fondamentale che costituisce i viventi, potremmo dire il mattoncino basilare, è la cellula.
Esistono due tipi di cellule: quella vegetale e quella animale, la cui costituzione studieremo in seguito.
I vegetali sono detti autotrofi cioè si producono il nutrimento da soli ( studieremo in che modo!).
Invece gli altri esseri sono detti eterotrofi, perché hanno bisogno di procurarsi il cibo da altro materiale organico già esistente.
Per riprodursi gli esseri viventi, hanno bisogno, in genere, di due cellule: una maschile e l'altra femminile.
Queste unendosi danno vita ad un nuovo essere vivente.


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-


E ora… riassumiamo........La respirazione.

Tutti gli esseri viventi per vivere hanno bisogno di energia, questa energia viene procurata dagli alimenti che noi digeriamo. 
L’ossigeno entra o dalla bocca o dal naso e viene immagazzinato nei polmoni, dove si trovano gli alveoli polmonari
I capillari che si trovano negli alveoli polmonari “assorbono”  l’ossigeno  e lo trasportano nelle cellule che lo utilizzano per produrre energia dagli alimenti, trasformati mediante la digestione. Questa energia è indispensabile agli organismi per vivere.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-


La trasformazione degli esseri viventi nel tempo…

"Ma come erano gli antenati degli animali che vivono oggi sulla terra?"

"Sono rimasti uguali o sono cambiati nel tempo?"

Abbiamo discusso con la prof. su questo punto e appreso che secondo la scienza gli esseri viventi sono cambiati nel tempo. Per esempio, i pesci in principio avevano le pinne, che ,  molto lentamente, attraversando un lungo processo, si sono trasformate in zampe. Infatti, prima erano pinne perché il primo organismo vivente ha avuto origine nell’acqua........

La prof. ci ha detto che studieremo la teoria evolutiva, formulata da Charles Darwin  (il suo libro "L'origine delle specie" fu pubblicato nel 1859). 

Alla prossimaLetizia, Miriam e Agnese 1° A

14 commenti:

  1. utente anonimo21 ottobre 2007 12:01

    Cara Annarita,


    RIPORTO QUI SOTTO UN ARTICOLO TRATTO DAL BLOG DI BEPPE GRILLO. PARLA DI UN DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA GOVERNATIVA CHE SE VENISSE APPROVATO COMPORTEREBBE LA CHIUSURA DEL 99% DEI BLOG ESISTENTI.


    “La legge Levi-Prodi e la fine della Rete


    Ricardo Franco Levi, braccio destro di Prodi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ha scritto un testo per tappare la bocca a Internet. Il disegno di legge è stato approvato in Consiglio dei ministri il 12 ottobre. Nessun ministro si è dissociato. Sul bavaglio all’informazione sotto sotto questi sono tutti d’accordo.

    La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro.

    I blog nascono ogni secondo, chiunque può aprirne uno senza problemi e scrivere i suoi pensieri, pubblicare foto e video.

    L’iter proposto da Levi limita, di fatto, l’accesso alla Rete.

    Quale ragazzo si sottoporrebbe a questo iter per creare un blog?

    La legge Levi-Prodi obbliga chiunque abbia un sito o un blog a dotarsi di una società editrice e ad avere un giornalista iscritto all’albo come direttore responsabile.

    Il 99% chiuderebbe.

    Il fortunato 1% della Rete rimasto in vita, per la legge Levi-Prodi, risponderebbe in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica galera quasi sicura.

    Il disegno di legge Levi-Prodi deve essere approvato dal Parlamento. Levi interrogato su che fine farà il blog di Beppe Grillo risponde da perfetto paraculo prodiano: “Non spetta al governo stabilirlo. Sarà l’Autorità per le Comunicazioni a indicare, con un suo regolamento, quali soggetti e quali imprese siano tenute alla registrazione. E il regolamento arriverà solo dopo che la legge sarà discussa e approvata dalle Camere”.

    Prodi e Levi si riparano dietro a Parlamento e Autorità per le Comunicazioni, ma sono loro, e i ministri presenti al Consiglio dei ministri, i responsabili.

    Se passa la legge sarà la fine della Rete in Italia.

    Il mio blog non chiuderà, se sarò costretto mi trasferirò armi, bagagli e server in uno Stato democratico.

    Ps: Chi volesse esprimere la sua opinione a Ricardo Franco Levi può inviargli una mail a : levi_r@camera.it”


    NON LASCIAMO CHE IL GOVERNO CI METTA IL BAVAGLIO: PROTESTIAMO TUTTI ASSIEME.


    Tanti saluti Davide

    RispondiElimina
  2. utente anonimo22 ottobre 2007 10:46

    è molto bello e pieno di descrizioni, così abbiamo anche scoperto cosa si fa in prima.

    F. Raffaele & M. Giacomo

    RispondiElimina
  3. utente anonimo22 ottobre 2007 10:54

    Facciamo i nostri più sentiti complimenti alle tre ragazze di 1°A e concludiamo augurando alle classi prime un buon proseguimento dell'anno scolastico........

    P.S.= L'argomento che state trattando è veramente molto interessante!!!!!

    Auguri!!!!!!!

    Marica S. & Lisa M. 2°B

    RispondiElimina
  4. utente anonimo22 ottobre 2007 10:56

    Complimenti!!!

    è stato veramente un bel riassunto della vostra lezione così anche noi abbiamo ricordato ciò che si fa in prima!!!

    ciao da Debora e Gloria 2b

    RispondiElimina
  5. Letizia, Agnese e Miriam, ho apprezzato molto la vostra narrazione della prima lezione di scienze.


    Siete riuscite a farmi sentire come se fossi stato in classe con voi alunni.

    Brave! Impegnatevi sempre così.

    RispondiElimina
  6. Bravi ragazzi.

    Una bella cosa riassumere la vostra lezione in un post.

    Un post giovane va apprezzato.

    RispondiElimina
  7. utente anonimo24 ottobre 2007 12:55

    Care ragazze di 1°a il vostro riassunto della lezione di scienze è stupefacente..... ci date qualche indizio per diventare"brave come voi???????????????????" vi salutiamo

    Marica S. e Lisa M. 2°b

    RispondiElimina
  8. utente anonimo24 ottobre 2007 20:19

    care Letizia,Miriam e Agnese siete state fantastiche!!!!!!!!!!!!!!Voi,sapete scivere molto bene,nei dettagli,e,nella formula delle frasi.

    Spero che continuerete a scrivere le nostre lezioni.

    Arianna Gramantieri classe 1°A

    RispondiElimina
  9. utente anonimo25 ottobre 2007 10:55

    Ciao! Questo articolo è stato affascinante! Ci avete Sorpreso moltissimo. Baci baci Sofi e Clary della prima A

    RispondiElimina
  10. utente anonimo29 ottobre 2007 14:34

    è molto descrittivo!!! Continuate così!!!

    RispondiElimina
  11. utente anonimo6 novembre 2007 18:34

    Ciao lety, miriam e agnese! ero una vostra compagna di classe ma solo diuna non di tutte e tre, ora non lo sono più di nessuno. siete state molto brave anzi bravissime. cccccccciiiiiiiiiiiiaaaaaaaaaoooooooooancora brave !!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. utente anonimo6 novembre 2007 18:41

    Ciao lety miram e agnese! ero una compagna di classe di una di voi, ma pultroppo non lo sono più! siete state brave anzi bravissime!!!!! continuate così! che poi diventerete delle scrittrici fantastiche! consigli da una amica. CCCIIIAAAOOO!!!!!!!!!!! complimenti!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. utente anonimo3 aprile 2009 12:59

    VERAMENTE BRAVI!!!

    Letizia agnese e miriam!! vi stimo sorelle siete veramente bravi!!!

    io non mi metterei a scrivere queste cose extrascolari!!

    un bacio!!!

    BRAVISSIME

    RispondiElimina
  14. Commentatore/commentatrice n.14, se non hai capito un "tubo", il problema è tuo perché l'articolo è molto chiaro.

    In alternativa, cerca altrove quello che di cui hai bisogno.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...