sabato 18 luglio 2009

Apollo 40th Anniversary

logoapolloCari ragazzi (e cari lettori), il 20 luglio ricorrerà il quarantesimo anniversario del primo sbarco dell'uomo sulla Luna. Voi non c'eravate e i vostri genitori erano molto piccoli per comprendere e ricordare lo straordinario avvenimento; ho pensato pertanto di scrivere un articolo per soddisfare la curiosità di sapere, che sicuramente avrete.


La missione Apollo 11 fu la prima a portare un essere umano sulla superficie della Luna. Fu anche la quinta missione con equipaggio del programma Apollo (NASA - USA).


L'equipaggio era composto dai tre astronauti:


Neil Armstrong comandante (e primo uomo a toccare la superficie lunare)


Michael Collins, pilota del modulo di comando


Buzz Aldrin, pilota del modulo lunare.


Il 20 luglio 1969 il modulo lunare chiamato "Eagle", venne separato dal "Columbia". equipaggioapollo11Collins rimase a bordo del Columbia, mentre l'Eagle con Armstrong e Aldrin, scendeva sulla superficie. Dopo un attento controllo visivo, Eagle ha acceso il motore e iniziato la discesa. Durante questa fase, gli astronauti si accorsero che il sito dell'atterraggio era molto più roccioso di quanto avessero indicato le fotografie. Armstrong prese il controllo manuale del modulo lunare, che fece allunare alle 20:17:40 UTC.


Il primo sito di atterraggio dell'Apollo, nella parte meridionale del Mare della Tranquillità a circa 20 km a sud-ovest del cratere Sabine D, fu scelto perché ritenuto abbastanza piano e liscio dai rilevamenti effettuati dai lander Ranger 8 e Surveyor 5, così come dalle mappe tracciate dal Lunar Orbiter.


Alle 2:56 UTC, ovvero sei ore e mezza dopo aver toccato il suolo, Armstrong compì la discesa sulla superficie e fece il suo grande passo per l'umanità. Aldrin lo seguì, e i due astronauti trascorsero due ore e mezza a fotografare la superficie lunare e raccogliere campioni di roccia. [Continuate a leggere su wikipedia]


Questa la frase attribuita a Neil Armstrong: «That's one small step for [a] man, one giant leap for mankind». In italiano: « Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità».


Alcuni link da consultare:


Storica diretta Rai l'uomo sulla luna 1969 (video di YouTube)


Galleria di immagini delle missioni Apollo


Apollo 11: Rapporto della missione (PDF)


Cento risposte su luna e dintorni a 40 anni dalla prima missione


MediaMente Ricadute spaziali


Consultate inoltre:


il Sito web ufficiale del Programma Apollo dove potrete trovare tutte le informazioni possibili;


la pagina dedicata al 40° anniversario della missione Apollo 11 con una quantità innumerevole di caratteristiche e funzionalità tra cui, Google Moon → -- Explore the Apollo landing sites, da non perdere!


Se volete seguire la trasmissione integrale dei sei giorni di missione, in cui potrete ascoltare le voci dei protagonisti, visitate il sito interattivo www.wechoosethemoon.org.


Per i più piccoli: il settimanale a fumetti Topolino è uscito in edicola con un numero speciale dedicato al quarantesimo anniversario del primo sbarco sulla Luna. All’interno un’inedita storia intitolata Topolino e il guardiano della Luna e articoli relativi all’evento. La storia vedrà come protagonisti Topolino ed Eta Beta intenti a indagare sulla misteriosa sparizione degli strumenti lasciati sul nostro satellite dagli astronauti dell’Apollo 11.


Per finire questa carrellata di segnalazioni, sulla pagina di Wikipedia dedicata all'Apollo 11 potete leggere il Comunicato Stampa di Contingenza (si tratta di una copia conservata negli Archivi Nazionali di Washington, D.C.)


Il comunicato stampa, datato 18 luglio 1969, fu preparato per il presidente Nixon, che avrebbe dovuto leggerlo in diretta TV nel caso in cui gli astronauti della missione Apollo 11 fossero rimasti bloccati sulla Luna.


7 commenti:

  1. Tutti ricordano l'Apollo 11, la missione che portò allo sbarco umano sulla Luna quarant’anni fa.

    Ricordano i due astronauti Armstrong, Aldrin che misero piede sulla luna e Collins, mentre il terzo rimase a bordo del Columbia. Ma nessuno ha memoria di altri tre astronauti, Grissom, White e Chaffee, l'equipaggio dell'Apollo 1 che perirono durante un'esercitazione di routine sulla rampa di lancio il 27/1/1967.

    Questa missione, denominata inizialmente AS-204 e poi ufficialmente battezzata Apollo 1 nel 1966, era prevista per il 21 febbraio 1967. Avrebbe dovuto essere una missione in orbita terrestre, la prima del veicolo Apollo con un equipaggio, ma il lancio non fu mai effettuato.


    Poco meno di un mese prima della data prevista per il volo, si sviluppò un violentissimo incendio nel modulo di comando, dotato di un'atmosfera di ossigeno puro (come nelle precedenti capsule Mercury e Gemini) e collocato in cima a un vettore Saturn IB privo di carburante. Fumo e fiamme, alimentati dall'ossigeno puro e dai materiali combustibili nella capsula, si propagarono così rapidamente che non vi fu modo di aprire i complicati portelli d'uscita dal veicolo.


    L'equipaggio (Virgil Grissom, comandante; Edward White, pilota senior; Roger Chaffee, pilota) perì in poche decine di secondi. I tre furono i primi astronauti statunitensi a perire nel corso della propria attività. La tragedia fermò il progetto Apollo e impose una drastica riprogettazione di tutti i sistemi di bordo.



    Dopo il disastro, su richiesta delle vedove dei tre astronauti l'esercitazione fu designata ufficialmente "Apollo 1" in memoria delle sue vittime. Il NASA Project Designation Committee approvò "Apollo 4" come nome formale del lancio successivo, ma dichiarò che i lanci precedenti (AS-201, AS-202 e AS-203) non sarebbero stati ribattezzati ufficialmente.


    Ciao di buon mattino, Annarita

    RispondiElimina
  2. utente anonimo18 luglio 2009 13:00

    rosy: io c'ero!

    ma quando dicono che non è mai successo e che gli americani hanno costruito il tutto in uno studio...non ci credo, anche se il dubbio non nego che mi sfiora.

    Comunque sia la verità credo alla versione ufficiale, ben sapendo quante cose false si scrivono e cosi mi consolo.

    Un abbraccione! e sempre bello leggerti. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  3. Cara rosy, so benissimo quanto si scrive in giro, ma ci sono ottimi motivi scientifici per credere...e io credo!


    Ti ringrazio della testimonianza.

    Un abbraccione

    annarita

    RispondiElimina
  4. Caro Gaetano, all'interno del post ho lasciato volutamente il link alla missione Apollo seguendo il quale si può accedere alle singole missioni, inclusa quella dell'Apollo1 alla quale è dedicata una pagina specifica di wikipedia...per quanti avessero voglia di approfondire.


    Ti ringrazio di aver richiamato l'episodio nel tuo commento.


    Un abbraccio

    annarita

    RispondiElimina
  5. Ciao Annaita gli esami sono andati bene sono uscito con 7. Non sono proprio un genio però :D


    Scusami ma ho letto l'altro post e solo l'inizio di questo perchè poi ho dovuto spegnere il pc.

    Non avevo fatto caso che anche tu avevi segnalato il sito.. Scusami..

    Ciao


    P.S questo post è molto completo, come tutti i tuoi articoli ;)

    RispondiElimina
  6. Figurati, Matteo! Avevo immaginato che non avessi letto...


    Complimenti per gli esami superati dignitosamente!;)


    Un abbraccione

    annarita

    RispondiElimina
  7. utente anonimo21 gennaio 2010 20:06

    Io non credo più che l'uomo è stato sulla Luna dopo che ho scoperto questa interessantissima discussione:

    http://astronomia.altervista.org/forum/index.php?s=22dcd629f8728b9f39b7e22bb50b5a0b&act=ST&f=1&t=592&st=375

    Che ne dite?

    Franco Andreani

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...