sabato 19 gennaio 2008

La Classificazione Di Linneo

Salve. Siamo Agnese, Miriam e Letizia di 1°A. In questo post, vogliamo affrontare la classificazione degli esseri viventi ideata da Linneo. L'argomento ci ha appassionato molto e abbiamo voluto approfondire le nostre conoscenze su Linneo, figura di studioso che ha suscitato la nostra curiosità.


A scuola, durante la lezione abbiamo appreso che gli esseri viventi sono moltissimi: comprendono circa 400000 specie di piante e più di un milione di specie di animali. Al naturalista svedese Carlo Linneo si deve la prima vera classificazione dei viventi,  nel XVIII secolo.


Riportiamo le notizie principali sulla vita di Linneo.



CARLO LINNEO


linneo


Carlo Linneo, propriamente Carl Nilsson Linnaeus, fu una figura centrale della Storia Naturale del Settecento. Nacque il 23 maggio 1707 a Rashult, nella provincia di Smaland, in Svezia. Suo padre, Nils Ingemarsson, era un pastore luterano ed un appassionato giardiniere. Carlo, per il quale era prevista una carriera ecclesiastica, sviluppò (influenzato dal padre) fin dall'infanzia un grande interesse per la botanica .


Nel 1727 il giovane Linneo, convinto dal suo insegnante di scienze Johann Rothman, si iscrisse alla facoltà di medicina all'Università di Lund, essenzialmente perchè il piano di studi comprendeva la materia medica, ossia lo studio delle sostanze usate in medicina, che erano per lo più di origine vegetale.


L'anno successivo si trasferì all'Università di Uppsala, la migliore della Svezia. Già dal 1730 cominciò a delineare il proprio metodo di classificazione tassonomica. Risale al 1735 la prima edizione del "Sistema naturale", in cui Linneo espose i suoi criteri di classificazione dei regni animale, vegetale e minerale. Quando nel 1735 si trasferì in Olanda per completare gli studi, la sua reputazione di botanico era ormai nota.


Nel 1738 tornò in Svezia dove iniziò a esercitare la professione di medico, dedicandosi principalmente alla cura della sifilide. Nel 1739 fu uno dei fondatori dell'Accademia svedese delle scienze, e nel 1741 divenne professore di medicina teorica e pratica all'Università di Uppsala, incarico che l'anno successivo scambiò con la cattedra di botanica, dietetica e materia medica, mantenuta fino alla sua morte. Linneo continuò a organizzare spedizioni in tutto il mondo, con il fine di scoprire e classificare tutti gli esseri viventi e i minerali della Terra, per l'epoca.


Nel 1751 Linneo pubblicò "Philosophia botanica", opera che esercitò una grande influenza su molti suoi contemporanei, dove si affermava che le specie, create in forma eterna e immutabile secondo un progetto divino, erano spontaneamente disposte in un sistema naturale che si prestava alla classificazione. Dimostrò che le piante si riproducono sessualmente e stabilì i nomi delle parti dei fiori.


Creò uno schema tassonomico suddiviso in cinque categorie: varietà, specie, genere, ordine e classe. Ma il merito maggiore dello svedese fu la definizione e l'introduzione nel 1753 della nomenclatura binomia nel sistema di classificazione delle piante e degli animali, nel quale ogni animale e ogni pianta sono indicati con due nomi latini: il primo riferito al genere, il secondo alla specie.


Nel 1761 il re Adolfo Federico di Svezia gli conferì un titolo nobiliare a seguito del quale Carl Nilsson Linnaeus convertì il suo nome in Carl von Linnè. I suoi ultimi anni di vita furono caratterizzati da un crescente pessimismo e dalla depressione. Nel 1774 fu colpito da una serie di piccoli infarti e morì nel gennaio del 1778.


-----------------------------


Riportiamo di seguito uno schema grafico, relativo agli elementi della classificazione, seguito dal significato attribuito a ciascuno di essi.


SCHEMA-CLASSIF


SPECIE: è  la categoria più piccola e comprende organismi che hanno in comune molti caratteri; inoltre, gli organismi di una stessa specie possono accoppiarsi e avere prole feconda.
GENERE: comprende specie molto simili tra loro, come l’asino e il cavallo o il gatto e la lince; nel caso di accoppiamento possono avere prole, ma non feconda.
FAMIGLIA: comprende diversi generi che presentano caratteristiche in comune; il gatto, la lince e il leone appartengono ad esempio alla stessa famiglia.
ORDINE: comprende più famiglie che presentano caratteristiche fisiche comuni, come il tipo di dentatura. Per esempio, un cane è molto diverso dal leone, ma entrambi appartengono allo stesso ordine.
CLASSE: comprende più ordini, con alcune caratteristiche comuni. Per esempio, il cane e il cavallo, pur essendo diversi, appartengono alla stessa classe dei mammiferi.
PHYLUM: comprende più classi tra loro affini (mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci appartengono tutti al phylum dei cordati).
REGNO: è il raggruppamento più vasto che comprende phyla molto diversi tra loro.


 Linneo raggruppò tutti gli esseri  viventi in 2 regni: il regno animale e quello vegetale.


Per il momento, ci fermiamo qui. Continueremo in uno dei prossimi post con la classificazione moderna.

26 commenti:

  1. Brave ragazze! Siete state in gamba. Voglio dirvelo pubblicamente:).

    RispondiElimina
  2. Che peccato però che nessuno lo abbia commentato, a me sembrava interessante, e credo che anche agnese e miriam pensino lo stesso. Va bè, ci impegneremo di più la prossima volta!!


    Letizia R.

    RispondiElimina
  3. Letizia, Agnese e Miriam, complimenti vivissimi. Siete state molto brave. L'articolo è molto interessante. Si nota l'impegno che avete profuso. Continuate così per la gioia di noi lettori...è un piacere constatare che ragazze così giovani siano anche così in gamba.


    Al prossimo articolo

    Ruben:)

    RispondiElimina
  4. Grazie i esserti complimentato con noi. A me piacciono molto le scienze e mi piace dar tutto il possibile, scrivendo articoli come questo... perchè lo reputo un argomento interessante.



    Letizia R.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo8 aprile 2008 18:35

    con le classificazioni mi ci scontro ogni giorno perchè studio scienze naturali con indirizzo paleobiologico, quindi ti faccio i complimenti con una certa cognizione di causa per l'articolo: semplice, chiaro e per nulla noioso. Brava!

    RispondiElimina
  6. Allo studente/studentessa di scienze naturali: grazie! Le mie alunne ne saranno felici:).

    RispondiElimina
  7. utente anonimo18 aprile 2008 18:04

    è bello cio che fate.

    vorrei sapere com' è la classificazione scientifica del dente di leone.

    RispondiElimina
  8. @utente anonimo, che ha chiesto la classificazione scientifica del dente di leone.


    Eccola:

    Regno: Plantae

    Divisione: Magnoliophyta

    Classe: Magnoliopsida

    Ordine: Asterales

    Famiglia: Asteraceae

    Genere: Taraxacum

    Specie: T. officinale


    Mi farebbe piacere sapere con chi ho interagito. Grazie:).


    RispondiElimina
  9. Interessante..sto per utilizzarlo con i miei allievi!

    Sono un'insegnante alla ricerca di sempre nuovi stimoli per i miei allievi ..grazie!E bravissime

    prof.ssa Cinzia Donisotti

    RispondiElimina
  10. Cara collega, sono contenta che il lavoro svolto con i miei allievi sia apprezzato e risulti utile.


    Buon lavoro e a presto.


    Annarita Ruberto

    RispondiElimina
  11. BRAVE E RAZIE ANTISSIMO. sONO UN'INSEGNANTE.

    RispondiElimina
  12. ho usato qs pagina x fare una ricerca!! complimenti è ricco di osservazioni e argomenti utilizzimi...grazie e complineti

    RispondiElimina
  13. utente anonimo9 marzo 2009 12:01

    vi ho scoperto ora... insegno nella scuola primaria. Complimenti! chiaro ed essenziale. Lo utilizzerò. vi cercherò ancora. Grazie

    RispondiElimina
  14. utente anonimo20 aprile 2009 10:43

    grazie!!!mi siete servite per la mia ricerca

    RispondiElimina
  15. utente anonimo20 aprile 2009 10:45

    grx..qst pagine è molto interessante..ed io l'ho usata per fare una ricerca...ciaooo....aaaa e complimenti!!!!

    RispondiElimina
  16. utente anonimo17 maggio 2009 14:58

    a me siete stati utilissimi..ho preso appunti qui x il compito d domani...speriamo bene..XD...ciauuu

    RispondiElimina
  17. Commentatore n.16, in bocca al lupo per la verifica di domani;)

    RispondiElimina
  18. carissime ragazze vi ringrazio molto per il vostro aiuto .
    scusate se ho preso alcuni spunti dalla vostra ricerca!!
    da dove venite???
    ciaoo camillaaa

    RispondiElimina
  19. utente anonimo6 aprile 2010 16:02

    ciao, scsate,  sto cercando un sito ke mi aiuti a capire di ke specie sia una foglia ma nn so nll su di essa... nn so se mi spiego...so ke nn posso kiedervi ciò...cmq brave, anke io sn una studentessa e amo le scienze in generale...è la prima volta ke entro in qst sito...ci verrò + spesso...CIAOOOOOOOOOO!!!

    RispondiElimina
  20. utente anonimo17 aprile 2010 20:59

    braveee!! m'è piaciuto .. la mia ricerca richiedeva qst..ma pultroppo io nn sn portata di scienza cm a voi..

    RispondiElimina
  21. Benvenuto, Graziano. Complimenti per l'attività dell'Associazione. Ho dato uno sguardo al sito segnalato, che ho trovato interessante.

    Grazie delle precisazioni relative alla classifcazione moderna e dell'apprezzamento.

    A presto.

    annarita

    RispondiElimina
  22. utente anonimo16 gennaio 2011 17:25

    non mi è mai andata giù la biologia

    RispondiElimina
  23. utente anonimo1 marzo 2011 12:51

    Sono un'insegnante di scuola primaria e visito spesso il vostro sito...
    ci sono spunti per il lavoro e soprattutto c'è un ripasso per noi dello studio.
    Grazie
    Franca

    RispondiElimina
  24. mi è servito per la ricerca grazie riccardo

    RispondiElimina
  25. Commentatore anonimo che fai la prima media, non pubblico il tuo commento, veramente penoso anche dal punto di vista della lingua italiana. Manca completamente la punteggiatura e la concordanza con il soggetto della frase. Quindi, quel che dici delle ragazze (che, invece, scrivono benissimo e conoscono l'argomento di cui scrivono) ti ritorna tutto indietro e con gli interessi.

    L'invidia è una brutta bestia! Prova a correggerla finché sei molto giovane, altrimenti ti creerà dei problemi in futuro.

    RispondiElimina
  26. mi siete state molto d aiuto e ho scoperto nuovi e interessanti notizie

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...