lunedì 20 luglio 2009

"Due Uomini Camminano Sulla Luna"

Cari ragazzi e cari lettori, riporto di seguito il bellissimo post del blog Antares perché contiene delle significative riflessioni sul rapporto tra tecnologia e "umanità".

foto1Due Uomini Camminano sulla Luna!


Da quel 20 luglio di 40 anni fa non siamo rimasti con le mani in mano; l’umanità si è data da fare! Guerre, scandali e terrorismo, ma anche l’invenzione di Internet e la decodificazione del genoma umano (più le prime tre delle ultime due, a dire il vero…) hanno riempito le prime pagine dei giornali.
Eppure niente è paragonabile al programma Apollo, credetemi! Passeggiare su un oggetto celeste diverso dal nostro bellissimo e ospitale pianeta ai più può sembrare un’inutile sperpero di denaro se non una “bravata”, ma di certo è stata la più grande bravata di tutti i tempi!



Eppure dovevamo farlo!


L’esplorazione fa parte del nostro DNA, o come scrisse il sommo poeta… “Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza.”


La MISSIONE APOLLO non è stata l’inizio della conquista dello spazio da parte dell’Uomo; questa è una conquista che stiamo ancora maturando e che realizzeremo pienamente solo quando avremo piena coscienza della limitatezza del nostro pianeta. La MISSIONE APOLLO è nata grazie alla Guerra Fredda, per realizzare la promessa fatta dal presidente J.F. Kennedy “…di mandare un uomo sulla Luna e di farlo ritornare sano e salvo sulla Terra prima della fine di questo decennio.”


Le missioni lunari furono prodezza tanto stupefacente che oggi molti rifiutano di credere che siano realmente accadute. Quando recentemente chiesero a Eugene Cernan se ebbe difficoltà nel riprendere la normale vita terrestre dopo l’avventura spaziale vissuta con l’Apollo17, lui, l’ultimo uomo a calcare il suolo lunare, rispose di non aver avuto difficoltà di sorta, aggiungendo però che gli sembra ancora oggi incredibile che l’uomo sia riuscito in una impresa tanto grande.


Perché è così difficile accettare che le missioni lunari sono realmente avvenute? La risposta è quasi sempre la stessa: perché non c’era la tecnologia di cui disponiamo oggi, ergo non era disponibile una tecnologia necessaria per compiere tale impresa!
Sbagliato! Le missioni Apollo sono state rese possibili da un’incredibile mix di creatività, tecnologia, coraggio, genio organizzativo, volontà nazionale e tempismo politico. In tutto questo la tecnologia rappresentava solo una delle condizioni necessarie, e neanche la più importante. Si era costruito il razzo più potente mai pensato dall’uomo, il Saturno V, ma il computer di bordo del modulo lunare aveva la potenza di un moderno cellulare. Si era in grado di gestire la telemetria, ma gli ultimi secondi prima dell’allunaggio Neil Armstrong, validissimo pilota aeronautico, dovette guidare “a vista” il lander Eagle per evitare un cratere disseminato di massi, rischiando di esaurire il carburante necessario per poter poi lasciare la Luna.



E’ questo il punto, come sottolinea Amedeo Balbi (Università La Sapienza di Roma) nel suo post: quarant’anni fa, sulla Luna, andarono degli uomini, con il loro bagaglio di ingenuità e coraggio, creatività e preparazione, fantasia e raziocinio.


Come dico sempre ai miei studenti, non è necessario avere per le mani una calcolatrice per saper fare calcoli, o disporre di un navigatore per conoscere la geografia, o utilizzare un computer per eseguire operazioni logiche. Si, forse calcolatrice, navigatore e computer aiutano, solo però quando si è dato fondo a tutte le incredibili qualità che un essere umano è in grado di esprimere.


La conquista della Luna è divenuta nel tempo pietra di paragone universale. Di fronte a progetti giudicati impossibili o ad ostacoli ritenuti insormontabili, si sente dire: se siamo stati in grado di mandare l’uomo sulla Luna…!


foto3A patto di credere nella supremazia dell’uomo sulla tecnologia e sulle macchine: siamo esseri imperfetti ma dotati di cuore e cervello.



Post correlati


Apollo 40th Anniversary.


Quarant'anni fa l'allunaggio - Diressero il volo degli ingegneri ragazzi


THE DARK SIDE OF THE MOON



LUNA 1969: L'AMERICA CELEBRA LO STORICO SBARCO



LUNA: 40 ANNI DOPO 



SBARCO SULLA LUNA: SUL SITO NASA E' INIZIATO IL COUNTDOWN

20 commenti:

  1. Un avvenimento unico nella storia dell'uomo, un passo da gigante che ha portato l'uomo a sfidare le proprie capacità e i propri limiti.

    Da allora, la tecnologia ha fatto salti da gigante.


    Abbracci.


    Rino.

    RispondiElimina
  2. Li vidi in diretta, come racconto sul blog. Ciao.

    RispondiElimina
  3. Rino, proprio così.

    abbracci

    annarita

    RispondiElimina
  4. Ho citato il tuo post all'interno di questo.

    Ciao, Al!

    RispondiElimina
  5. utente anonimo20 luglio 2009 19:04

    rosy: l'uomo ha il dovere di non fermarsi...anche volendo, non potrebbe mai farlo e nè deve farlo.

    Andrò a leggere il post di rino

    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  6. Ricordo l'emozione provata nel vederel'uomo sulla luna. Il sogno diventava realtà.


    skip

    RispondiElimina
  7. Ciao Annaria, come va??? Come procedono le vacanze???


    In occasione di questo grandissimo evento lo sbarco sulla luna di consiglio di vedere questo sito che ho segnalato sul mio sito http://ricercaperfetta1.netsons.org/?p=1107


    E' molto bello....


    Ciao Annarita.


    By Matteo ;)

    RispondiElimina
  8. Che bellissimo post.

    Eh si, io credo molto nell'uomo... in fondo non è forse l'uomo quello che è riuscito a costruire le piramidi, a fare incredibili calcoli, a navigare per tutti i mari? ...eppure senza troppi computer e macchinari...

    Ciao Annarita, e grazie per averci fatto leggere questo post.

    Ciao ciao

    Janas

    RispondiElimina
  9. Il computer di bordo aveva solo 32 K... quindi era molto meno potente di un odierno cellulare: meno di una SIM il che rende l'impresa ancora + formidabile

    andrea

    RispondiElimina
  10. Dici bene rosy, l'uomo è esploratore per sua intima natura.


    baci

    annarita

    RispondiElimina
  11. skip, grazie della testimonianza:)

    RispondiElimina
  12. Ciao, Matteo. Conosco il sito cui ti riferisci. L'ho anche segnalato nel primo post dedicato allo storico avvenimento.


    Bacioni

    annarita

    RispondiElimina
  13. Ciao Janas, anch'io credo nell'uomo nonostante il lato buio della sua personalità...


    Salutoni

    annarita

    RispondiElimina
  14. Ciao Andrea. Che piacere risentirti dopo tanto tempo! Concordo con la tua considerazione.

    A presto!

    annarita

    RispondiElimina
  15. Ciao carissima!

    Davvero bello questo post, io sono per una visione integrata:l'uomo produce la tecnologia necessaria...40 anni fa l'uomo con la sua mente e il suo cuore ha usato la tecnologia allora disponibile per raggiungere un obiettivo stra-ordinario...

    Ho pubblicato una riflessione profonda dell'allora pontefice Paolo VI...se hai voglia passa...

    Baciotto

    france

    RispondiElimina
  16. Ciao france bella, passo subito da te.

    Baci

    RispondiElimina
  17. ...beh... è proprio come il lato buio della luna, è il caso di dire!!!

    Ciao Annarita, baci

    Janas :-))

    RispondiElimina
  18. Già, janas;)


    baci baci

    annarita

    RispondiElimina
  19. Ciao France,

    mi piacerebbe leggere la tua riflessione. Dove posso trovarla?

    Grazie e un saluto a tutti!

    Angelo Venturelli

    RispondiElimina
  20. Ciao, Angelo. L'url del blog di france è:

    http://francescaframes.blogspot.com


    Lì troverai facilmente il post che ti interessa.


    salutoni

    annarita

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...