domenica 18 aprile 2010

Alla Scoperta dei Premi Nobel: Rita Levi- Montalcini


Cari ragazzi e cari lettori,

vi parlerò di un libretto dedicato a Rita Levi- Montalcini, la grande signora della Scienza italiana. Il 22 aprile la professoressa Montalcini compirà 101 anni di una vita piena e spesa al servizio della Scienza e dell'Umanità.


Ho appena finito di leggere il libriccino, che ha lo stesso titolo del post, e devo convenire che l'ho letteralmente "bevuto" tutto d'un fiato.

Il libro è stato scritto dall'Ing. Piera Levi-Montalcini, nipote della scienziata, e inizia con la seguente dedica:

" Voglio parlarvi di Zia Rita, di una persona a cui non si può non volere bene, di una donna straordinaria, illustre professoressa molto amata dai suoi studenti, senatore a vita della Repubblica Italiana e, sopra tutto, Premio Nobel; per questo la sua fama è altissima non solo in Italia, dove è quasi venerata da giovani e anziani, ma ovunque nel mondo e spero di farvi capire meglio chi è e come è parlandovene come la "vivo" io: questo mi auguro faccia nascere in voi il rispetto e l'ammirazione che le dobbiamo."
Non vi è dubbio, gentile Piera, che dobbiamo moltissimo alla donna e alla scienziata, fulgido esempio della migliore italianità e suo vanto nel mondo.

Ciò che mi ha colpito del libro è la sua capacità di coinvolgere sin dalle prime battute, la sua assoluta accessibilità e la facilità di approccio per il lettore: che appartenga egli alla sfera dei giovanissimi, giovani, e meno giovani, addetti e non addetti ai lavori, il libro è adatto a tutti, ma proprio tutti.

Scoprirete il perché del doppio cognome Levi-Montalcini, leggerete il Manifesto degli scienziati razzisti (14 luglio 1938), conoscerete la saga della famiglia Levi-Montalcini, la determinazione della piccola Ri (come viene chiamata famigliarmente la scienziata dai suoi cari) a voler intraprendere un corso di studi che desse uno sbocco professionale, andando contro la volontà del padre.

Percorrerete le tappe della carriera della scienziata e della sua permanenza trentennale in America alla scoperta del Nerve Growth Factor (NGF) o fattore di crescita nervosa, che le assicurò nel 1986 l'ambito premio Nobel per la Medicina.

Tutti sono a conoscenza del premio Nobel, ma molti non sanno che cos'è il fattore NGF. Ebbene in questo piccolo libro troverete al riguardo informazioni chiare e facili da comprendere.

La saga del Nerve Growth Factor è densissima di preziose informazioni scientifiche, raccontate con estrema chiarezza e, lo sottolineo, accessibilità: dalla scoperta della sua natura proteica alla funzione trofica, consistente nell'aumentare il volume delle singole cellule nervose, alle proprietà riparative...e altro, che scoprirete dalla lettura.

Rita Levi-Montalcini segna una tappa fontamentale nello sviluppo della neuroembriologia sperimentale, raggiunta grazie alle straordinarie osservazioni condotte sugli embrioni di pollo, rese possibili in virtù di una solidissima preparazione sia teorica che sperimentale in suo possesso. Ma, accanto alla preparazione tecnica e teorica, la nostra grande scienziata vanta un intuito fuori dal comune, una memoria impressionante, e una volontà di acciao temperato, insieme ad altre doti che trasformano un ottimo ricercatore in un genio.

Il fattore NGF e la moleca del DNA costituiscono due pietre miliari nella biologia del XX secolo!

Cito dal libro a pag. 25:

[L'intuito e la scrupolosa attenzione della scienziata avevano reso evidenti "gli scenari che mettevano in rilievo fenomeni rivelatori della strategia adottata dal sistema nervoso, che differiva totalmente da quanto si era pensato  fino ad allora". Per comprendere quanto stava realmente accadendo, bisognava essere in grado di smettere di pensare di vedere quello che, in base agli studi precedenti, si credeva dovesse accadere. Rita Levi-Montalcini, con fermezza e costanza, si era 'addestrata' a non dare nulla per scontato. Nella ricerca scientifica i risultati ottenuti sono logica conseguenza degli interrogativi che ci si pone all'inizio.]

Avete compreso, ragazzi, quali doti sono necessarie per intraprendere un cammino proficuo sulla via della conoscenza scientifica?

Segue la "Cartella beige", una pagina (pag. 10-11) del libro, riferita alla cerimonia della consegna del Nobel.


Un'altra pag. 52-53 Biotecnologie e NGF



Troverete, inoltre, dettagli su altre attività coinvolgenti svolte dalla scienziata,  dall'impegno sociale e politico a quello letterario, che testimoniano le molte sfaccettature della sua eclettica personalità.

Da pag.84:

"...Rita Levi-Montalcini, donna che da sempre riflette su quanto accade intorno a lei e sui problemi che affliggono l'umanità, non esitando a porsi interrogativi sui potenziali pericoli dello sviluppo tecnologico e sull'impatto che le proprie scoperte e quelle degli altri scienziati possono avere non tanto nel mondo scientifico, quanto nell'ambito sociale."

Concludo la presentazione, sottolineando il già noto impegno della scienziata a favore dei giovani e delle donne, che si concretizza in: incontri, conferenze, congressi concernenti il tema della salvaguardia della dignità dell'uomo e della possibilità di affrontare i pericoli che minacciano la terra, la biosfera e le specie viventi. Attraverso i suoi scritti, gli articoli, i dibattiti, Rita Levi-Montalcini ha sempre preso posizioni decise sul razzismo, la guerra, l'educazione, il futuro, la scienza.

Vi invito tutti, e in particolare le scuole, a non perdere l'occasione di leggere questo straordinario piccolo libro, e a tal fine vi lascio:

I RIFERIMENTI PER RICEVERE IL LIBRO

Il libro "Alla scoperta dei Premi Nobel: Rita Levi- Montalcini" (Mondadori) non è in vendita.

Per riceverlo ci si deve iscrivere alla Associazione Levi-Montalcini.

Con 10 euro di iscrizione si diventa amico della Associazione Levi-Montalcini partecipando a tutte le attività.

Con 60 euro di iscrizione si diventa socio ordinario partecipando all'assemblea dei soci.

Lo scopo del libro è divulgativo e come tale mira ad aumentare la visibilità delle iniziative associative legate al suo fondatore, ecco perché viene spedito gratuitamente ai soci.

Per iscriversi all'Associazione e ricevere il libro:

si può versare la quota di iscrizione al Numero Conto Corrente Postale: 35775436

oppure con bonifico bancario con IBAN: IT 77 Y 02008 01105 000040707088

Le erogazioni libere in denaro, a favore dell'Associazione Levi-Montalcini a.p.s., sono fiscalmente deducibili, ai sensi dell'art. 13 bis,  Lett. i-quater del D.P.R. 917/86.

L'ASSOCIAZIONE LEVI-MONTALCINI (promotrice dell'iniziativa)

I DOCENTI E LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO POSSONO PARTECIPARE ALLA VITA ASSOCIATIVA, proponendo e promuovendo attività

Troverete gli obiettivi della Associazione Levi-Montalcini all'URL:

http://www.levimontalcini.org/it/obiettivi.html

e qui le diverse attività:

http://www.levimontalcini.org/it/profilo.html

E' anche possibile destinare il 5 per mille all’Associazione Levi-Montalcini a.p.s apponendo la firma sulla dichiarazione dei redditi, nel riquadro "Finanziamento della ricerca scientifica e della università",  indicando il  codice fiscale  97629860012

http://www.levimontalcini.org/it/conto_corrente_aps.html


Infine, VISITATE il sito dedicato al libro "La scoperta dei Premi Nobel: Rita Levi-Montalcini"

Cari amici, un'ultima cosa: sosteniamo l'Associazione Levi-Montalcini! E' una nobile causa.

Chi vuole, può segnalare questo post sul suo sito o blog! GRAZIE.

8 commenti:

  1. utente anonimo18 aprile 2010 17:35

    Della Montalcini ricordo una sua frase, ma forse fu il modo di come la disse, una cosa è certa che la ricordo ancora.

     Le fu chiesto, cosa ne pensava  come scienziata della clonazione?
    La sua risposta: la scienza quando apre una porta difficilmente la chiude.
    Continuò appellandosi ai giovani, di lottare contro la clonazione.

    Questa sua risposta, mi lasciò pensosa
    e mi sorsero tante domande, tanti dubbi
    mi passarono per la mente...
    Da allora capi, che ogni scoperta scientifica 
    non appartiene solo alla scienza, ma a tutta l'umanità.
    Nel bene e nel male.


    Ho segnalato il post su
    "in punta di piedi"

    Bacio 
    Ciao 


    RispondiElimina
  2. Grazie di cuore per il  supporto, Rosaria. Sei sempre disponibile e generosa.

    Un abbraccio
    annarita

    RispondiElimina
  3. Grande scienziata, un  vita di una donna strardinaria.

    RispondiElimina

  4. @Alberto: Incontrovertibilmente!

    RispondiElimina

  5. In un libro nel quale parla della sua giovinezza, degli studi, la guerra, traspare potente la determinazione, la volontà, la dedizione a una causa.
    Ecco. Proprio questo: la dedizione a una causa. E' grazie a questo, all'impegno costante, specie in un periodo di difficoltà per le donne scienziato, che forse ha contribuito a rafforzare il proprio intento, è grazie a questo che Rita levi-Montalcini ha scritto una pagina indelebile nella storia della scienza. Com'è saziante questo, anche contro tutto ciò che avrebbe potuto essere e non è stato.
    Ma la sete del cuore non si sazia mai, anche se hai raggiunto tali traguardi, sempre chiede.
    Perciò rafforziamo il nostro plauso. Si sa che le conoscenze, una volta ottenute, sembrano banali: ma spesso, o più che spesso, occorre un'intera vita per produrle.
    [paopasc]

    RispondiElimina

  6. Che belle riflessioni hai espresso, Pa! Sono completamente d'accordo con te. Grazie di avere reso onore a questa immensa donna e immensa scienziata!

    RispondiElimina
  7. utente anonimo19 aprile 2010 20:50

    bello questo post complimenti
    Tellarini Alberto

    RispondiElimina

  8. Grazie, Alberto..

    A domani
    la tua prof

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...