mercoledì 11 giugno 2008

L'Evoluzione Umana E L'Homo Sapiens Di Casa Nostra

Cari ragazzi delle 2° A e B, il prossimo anno studieremo l'Evoluzione, un argomento affascinanante e molto complesso. Comincio, quindi, a proporvi qualche input.


Cito da Wikipedia:


"L'evoluzione umana è quella parte dell'evoluzione degli esseri viventi che riguarda l'emergere dell'uomo moderno dagli altri primati. In senso stretto, tassonomico, riguarda la parte che dall'ultimo antenato comune agli altri ominidi porta alla nostra specie, quindi studia oltre al genere Homo tutte le specie dei sette generi della Sottotribù degli Hominina, di cui attualmente siamo gli unici rappresentanti viventi.



L'evoluzione della vita sulla Terra, a quanto attualmente noto, parte circa 4 miliardi di anni fa."




evoluzione-immagine

 E ancora:

"L'uomo (Homo sapiens sapiens) è un primate bipede, nonché un mammifero placentato appartenente alla famiglia degli ominidi. Gli uomini hanno un cervello molto sviluppato capace di ragionamento astratto, linguaggio e introspezione. Questa capacità mentale, combinata con la stazione eretta che rende liberi gli arti superiori di manipolare oggetti, ha permesso all'uomo di creare una grande varietà di utensili.

 La specie umana ha avuto origine in Africa circa 200 mila anni fa. Da allora, si è diffusa su tutta la superficie delle terre emerse con una popolazione totale che supera i 6,5 miliardi di individui."

Infine:

"Lo studio scientifico dell'evoluzione umana comprende lo sviluppo del genere Homo, ma riguarda solitamente lo studio di altri ominidi quali, ad esempio Australopithecus. Gli uomini moderni appartengono alla specie Homo sapiens, di cui l'unica sottospecie attualmente presente sul pianeta è Homo sapiens sapiens; Homo sapiens idaltu (tradotto approssimativamente come "uomo saggio maggiore"), l'altra sottospecie nota, è estinto.[1] Dal punto di vista anatomico, gli uomini moderni appaiono in testimonianze fossili risalenti a 130 000 anni fa in Africa.[2][3]"

180px-Neanderthal_child
Rappresentazione di un giovane uomo di Neandertal, convissuto per alcune decine di migliaia di anni con la nostra specie.


Quanto scritto è  premessa, e cornice nello stesso tempo, alla segnalazione di un interessante articolo, che ho appena letto sul blog "linguaggio macchina" dell'amico Andrea Mameli. Il titolo del post è: "Homo Sapiens di Sardegna, dimmi, da dove vieni?(L'Unione Sarda, 5 luglio 2006)2


Riporto di seguito l'introduzione:


"L'Homo sapiens vive in Sardegna da almeno ventimila anni. Lo testimonia un frammento di dito fossile, quella falange di una mano rinvenuta nella Grotta Corbeddu di Oliena. Ce lo ricorda il biologo Emanuele Sanna, professore associato di Antropologia all'Università di Cagliari, nel libro: Il popolamento della Sardegna e le origini dei Sardi(CUEC, 2006, 258 pagine, 22 euro). Una storia lunga, tracciata con cura fra minuziose descrizioni, disegni, fotografie, grafici. E numerosi riferimenti bibliografici. Qual è l'origine dei sardi? «Non possiamo ancora dare una risposta definitiva. Tuttavia, eventuali nuovi ritrovamenti nel campo della Paleoantropologia e l'esponenziale progresso tecnico-elaborativo dell'Antropologia molecolare potranno contribuire a chiarire ulteriormente quali siano le nostre radici genetiche. Allo stato attuale delle conoscenze, come ampiamente dimostrato da studi di Biologia delle popolazioni umane, da tempo sappiamo che i Sardi appartengono al gruppo degli Europoidi, che presentano un quadro genetico peculiare differente dalle altre popolazioni europee e circum-mediterranee, che hanno un'origine tra le più antiche, così come i Baschi ed i Lapponi, tra le popolazioni europee attuali».



_______________________

POST CORRELATI




***

IN EVIDENZA

Riporto di seguito un commento al post di Gaetano, che reputo possa aggiungere elementi informativi e quindi sarebbe sprecato lasciare confinato nei commenti.


Dice Gaetano:

Curioso collegare l'homo sapiens sardo in discussione con un'altra concezione, altrettanto appassionante che sembra costituire un meraviglioso anello mancante.
Colgo a caso una delle tante notizie di cronaca, quella di
la Repubblica.it, 9 novembre 2002, sull'ipotesi che vedrebbe, nientemeno, nella Sardegna la perduta Atlantide.

«ROMA - La civiltà di Atlantide, l'isola perduta dalle vene d'argento, è stata spazzata via da una gigantesca onda marina alta 500 metri, un mega-tsunami originato da un'esplosione nel profondo del mare. "Quell'isola, cercata in tutti gli oceani del mondo è proprio qui, sotto casa. È la Sardegna". Lo sostiene Mario Tozzi, geologo e ricercatore, nella puntata di stasera di "Gaia", alle 20.50 su RaiTre, articolata come una verifica sul posto delle tesi inaspettate messe nero su bianco da

Sergio Frau nel libro "Le colonne d'Ercole-Un'inchiesta", ricognizione nella geografia antica, rilettura rivoluzionaria di miti, spericolata reinterpretazione delle testimonianze degli antichi...». 
 

13 commenti:

  1. post molto interessante. Ho letto l'articolo segnalato sull'homo sapiens della Sardegna. Straordinarie le notizie sull'origine dei Sardi!

    RispondiElimina
  2. utente anonimo11 giugno 2008 22:44

    Molto interessante l'articolo dell'Unione Sarda.


    Grazie per queste notizie significative.


    Mariana

    RispondiElimina
  3. Molto interessanti le informazioni sull'homo sapiens di Sardegna.


    Non ne sapevo nulla, anche se insegno Scienze...ahimé!


    C'è sempre da imparare qualcosa qui da te, Annarì.


    Grazie:)

    Artemisia

    RispondiElimina
  4. Sarebbe interessante poter prendere visione dei reperti di Grotta Corbeddu!

    RispondiElimina
  5. Un bella alternativa ai compiti per le vacanze!

    E per di più disponibile anche per noi!

    ciao :)

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post. Intressante l' articolo di Andrea Mameli, che gia' avevo letto, ma l'ho riletto con piacere, come fosse stata la prima volta.

    La storia di Mameli mi ha fatto ricordare una discussione tra due giovani pastori sardi sul fatto se l' uomo crescesse a partire dall' alto o dal basso.

    ''E' del tutto evidente - disse il primo pastore - che l' uomo cresce dal basso. a partire dai piedi''.

    ''Dimostralo''. Lo sfido' il secondo.

    ''Ebbene, qualche hanno fa ho acquistato un paio di pantaloni, ma erano troppo lunghi e strisciavano per terra. Guardali ora: sono diventati corti, troppo corti. Questa e' la prova che si cresce dal basso''.

    ''Ma no!'' esclamo il secondo pastore. ''E' esattamente vero il contrario! Pensa, domenica scorsa ero in paese e guardavo sfilare la processione del Santo Patrono: era del tutto evidente che a partire dal basso, cioe' dai piedi, tutti erano della stessa grandezza. E' solo a partire dall' alto che erano di grandezze diverse''.

    Vale.

    PL

    RispondiElimina
  7. Veramente interessante questo viaggio alle radici del genere umano. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
  8. @Mariaserena: cerco di dare qualceh input ai ragazzi circa argomenti che tratteremo in terza!:). Grazie dell'apprezzamento. A presto!


    @Pier Luigi: eh, sì! Andrea è veramente in gamba...


    Interessante come le altre la tua storiella. Aggiungi sempre un pizzico di sale e pepe alle cose!;)


    @Fabio: un viaggio sempre affascinante...

    RispondiElimina
  9. Ciao Nereide! come sono andati gli esami delle tue classi? a presto, Elisabetta

    RispondiElimina
  10. mi sarebbe proprio piaciuto averti come prof mia regina!

    :)

    mat

    RispondiElimina
  11. @Betti: gli esami sono appena iniziati, cara Betti!;)


    @Mat: a me sarebbe piaciuto avere un alunno simpatico come te!;)


    @Gaetano: ho apprezzato il tuo commento al punto da inserirlo alla fine del post, con la nota "IN EVIDENZA".


    RispondiElimina
  12. ciao annarita,

    come va?

    ti stai godendo le vacanze? o stai lavorando come sempre?


    comunque sempre grande, anche se non ho lasciato commento, ho seguito i tuoi blog didattici.


    ciao

    RispondiElimina
  13. Matteo, le vacanze cominceranno in luglio! Sto ancora lavorando a scuola e con i blog;)


    Tu invece sei sicuramente in vacanza. Divertiti:)

    A presto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...