venerdì 20 agosto 2010

Parco Di Link: Piattaforma Multimediale Per Bambini In Ospedale

Cari lettori,


una notizia confortante per ospedali a misura di bambini!

Si tratta di Parco di Link / Hospital, la piattaforma multimediale allestita dal Gruppo ITS per rendere più sostenibile la degenza dei bambini in ospedale.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Banco di Napoli per l'assistenza all'infanzia, l'associazione Isola dei ragazzi educational e l'onlus Fois forum.

Grazie a Parco di Link,  i bambini posso usufruire di terminali touch screen con pc integrato che offrono la possibilità di scegliere fra giochi, video e racconti. Le postazioni sono state installate, a fine giugno, in due ospedali di Napoli: il reparto di cardiochirurgia pediatrica del Policlinico universitario Federico II  e il reparto di pediatria dell'Ospedale Cardarelli.



«La piattaforma – spiega Serena Altieri, vicepresidente di Its - si propone come alternativa di intrattenimento mirata ad alleviare la degenza dei piccoli pazienti. I contenuti sono ludici; alcuni giochi, poi, hanno anche qualche spunto didattico».



Un testimonial animato di nome Link accompagna il bambino all'interno delle tre aree del Parco (video, giochi e racconti), nelle quali è possibile scegliere tra contenuti di vario genere, adatti a bambini e ragazzi di età compresa tra i cinque e i quattordici anni. Ogni applicazione, video o gioco contiene l'indicazione della fascia di età consigliata.

«Il progetto – continua la Altieriè stato elaborato in sinergia con il personale medico dei due ospedali, in modo da renderlo funzionale alle esigenze dei piccoli pazienti. I terminali sono montati su carrelli omologati, che ne permettono l'utilizzo sia nelle aree predisposte dei reparti che nei letti di degenza».



I primi risultati lasciano ben sperare!

«Il Parco di Link – spiega Carlo Vosa, primario del reparto di cardiochirurgia pediatrica del Policlinico Universitario Federico II - si integra bene nel "processo di umanizzazione" delle strutture pediatriche avviato con diverse iniziative, fra cui, ad esempio, la clownterapia. Il parco giochi virtuale contribuisce ad allontanare il bambino dalla realtà in cui si trova costretto a vivere, facendolo sentire a casa propria. L'inizio di questa esperienza produce già buoni frutti: i piccoli pazienti, impegnati nel gioco, si distraggono dai problemi del ricovero».



Lo sviluppo del progetto prevede l'elaborazione di nuovi contenuti e nuove funzionalità, la connessione dei terminali a Internet e nuove installazioni in strutture ospedaliere regionali e nazionali.

Per approfondimenti, consultare il link.

Il video promozionale.

 






17 commenti:

  1. utente anonimo20 agosto 2010 01:52

    Rosaria:
    che bella notizia son contenta, ogni volta che vado in ospedale e vedo dei bambini ricoverati resto sempre a guardali con dolore.
    Internet, se usato bene può aiutare in tante cose e questo tuo post
    lo dimostra.
    vorrei entrare nel parco di link ma so già che vedrò sempre e solo la rotellina
    quella del video che gira.
    tra dieci giorni torno a casa e mi vedrò tutti i video
    Bacione e  evviva internet.

    RispondiElimina

  2. Questa iniziativa e meritevole e andrebbe ripetuta anche negli altri ospedali pediatrici sparsi per il globo. Io sono una buona frequentatrice degli ospedali e so bene cosa vuole dire essere costretti in un letto e in una stanza che rattrista. A Parigi sono entrata in un reparto a lunga degenza per i bambini, c'erano dei volontari travestiti da clown e tre cani scodinzolanti che tenevano compagnia ai giovani pazienti che così riuscivano a superare il trauma dell'ospedale. I babini vanno sempre tutelati e gli sforzi che si fanno per loro non sono mai troppi. Ho conosciuto un primario di quelli che pesano quanto la clinica e la loro parola vale piu ti qualsiasi altra persona, si metteva il nasone rosso e si truccava da clown alla mattina, poi alla sera tardi quando i bambini erano a letto si levava il trucco e andava a casa contento. Quelli erano i suoi bambini. Mi auguro che iniziative come questa non rimangano isolate e che altre persone o società aprano i loro cuori per sostenere moralmente altri bambini pazienti. Ti mnando un grosso bacio, Viviana

    RispondiElimina
  3. utente anonimo20 agosto 2010 11:31


    Un raggio di sole ...nella buia solitudine della malattia!  Contribuirà sicuramente ad alleviare il dolore e la tristezza di questi piccoli e a strappare loro un benefico  sorriso.
    Grazie, Annarita, per questa importantissima e confortante segnalazione!
    Un caro saluto,
    Adele

    RispondiElimina
  4. La degenza ospedaliera è difficile per un adulto, figuriamoci quanto possa esserlo per i bambini. Iniziative come parco di Link cercano di renderla più sostenibile e pertanto devono essere incentivate.

    Un bacione.

    Ciao, Rosaria.

    RispondiElimina

  5. Cara Maria, un ringraziamento sentito a te, che con enorme sensibilità hai proposto questi versi dolcissimi e accorati.

    Grazie, grazie, grazie.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina

  6. Viv, sono d'accordo con le tue consderazioni. Parco di Link, per fortuna, non è una iniziativa isolata. Altre si stanno diffondendo.

    Anch'io conosco medici e personale ospadaliero che fanno delle cose bellissime per alleviare la degenza dei bambini..

    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  7. Grazie a te, Adele, per il supporto e per la presenza.

    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

  8. ogni tanto una buona notizia ciao e buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Già, orematt! Buon week end anche a te.

    Ciao!

    RispondiElimina

  10. E' una bellissima notizia ed ha un'importanza notevole perché va a favore dei piccoli più sfortunati. Bisognerebbe pensarci e rifletterci molto più spesso.

    Buon fine settimana cara Annarita
    Un bacione
    Lucy

    RispondiElimina
  11. utente anonimo21 agosto 2010 21:39


    Progetti come questo sono importantissimi, specialmente se destinati ad alleviare la sofferenza dei bambini.
    Grazie, Annarita.
    Un caro saluto,
    Adele


    RispondiElimina
  12. Concordo con le tue considerazioni, Lucy bella!

    Buon week end anche a te.

    Bacione.

    RispondiElimina
  13. Lisetta, sei molto sensibile e generosa!

    Maria ha composto dei versi molto belli e toccanti, hai perfettamente ragione!

    Un bacino!

    RispondiElimina
  14. E' una verità sacrosata quella che affermi, cara Adele! Auguriamoci che iniziative simili possano svilupparsi numerose.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  15. Ciao, grazie alla associazione Casina dei bimbi www.casinadeibimbi.org, sono stati realizzati i kit monuouso per giocare in ospedale.
    All'interno di qs bel kit ha trovato spazio anche una mia idea: le STORIETESTACODA.
    Se siete interessati ai kit contattate Casina dei bimbi, se invece volete provare le STORIETESTACODA scaricatele gratuitamente da www.storietestacoda.it.

    RispondiElimina
  16. @Alesatoredivirgole: grazie delle informazioni, Davide. Ho dato un'occhiata ai riferimenti e il progetto mi piace. Ci tornerò su e ti farò sapere.

    A presto.
    Annarita Ruberto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...