venerdì 13 settembre 2013

Gatti E Fette Imburrate Per Un Falso Paradosso

Vignetta umoristica: fonte
"Gatti e fette imburrate per un falso paradosso" potrebbe far pensare ad uno strano post...ed infatti, in un certo qual modo, il contenuto lo è. Avete mai sentito parlare del paradosso del gatto imburrato? Ecco ho l'intenzione di proporvi proprio tale argomento!

Lo spunto mi è venuto tempo fa a casa di una mia amica, che ha una figlia veramente pestifera sveglia.

Questo il dialogo, cui assistevo, tra madre e figlia:

"Ma non potevi stare più attenta?"- proferiva inorridita la mia amica, rivolta alla sua bimba di nome Linda- "Hai spiaccicato sul tappeto la fetta di toast...proprio dal lato imburrato, guarda un po'!"

La piccola, senza scomporsi, replicava: "Ma', la colpa non è mia. Questa stupida fetta ha deciso di cadere proprio dal lato imburrato! E poi non l'ho fatto apposta. Mi è scappata di mano."

"E non chiamarmi, ma', lo sai che non lo sopporto. Ci manca solo che butti Pallino (il gatto) dalla finestra per provare che atterra sulle zampe".

"Perché, non è così?"


Ehm, vi risparmio il  seguito. A questo punto, per me c'erano gli ingredienti sufficienti per abbinare la fetta imburrata al gatto, ovvero per pensare al paradosso del gatto imburrato!

Preciso che l'argomento è del tipo "tongue-in-cheek", una espressione che usano gli americani come figura retorica per indicare una affermazione che non deve essere presa sul serio e che quindi si sta scherzando.
Il citato paradosso, che in realtà non è tale, fu inventato dal pittore John Frazee di Kingston, New York, che lo presentò ad un concorso sui paradossi, indetto nel 1993 dalla rivista OMNI,...vincendolo.

Il paradosso del gatto imburrato è, in sintesi, uno scherzo comune basato sulla combinazione di due massime popolari, ovvero due detti brevi, contenenti alcuni importanti elementi derivati dall'esperienza quotidiana, considerata vera da molte persone, o che ha guadagnato una certa credibilità attraverso il suo lungo uso:

1. i gatti atterrano sempre in piedi;
2. i toast imburrati cadono sempre a terra, con il lato imburrato rivolto verso il basso (in ossequio alla legge di Murphy).

Il paradosso nasce quando si considera che cosa potrebbe succedere se si lasciasse cadere il gatto da una grandissima altezza, dopo avere legato sulla schiena del felino un toast con il lato imburrato rivolto verso l'esterno.


Immagine tratta dall'animazione in 2D di Kimberly Miner
Alcune persone sostengono scherzosamente che l'esperimento produrrebbe un effetto anti-gravità. Essi sostengono (sempre scherzosamente) che il gatto con sul groppone la fetta imburrata, durante il moto di caduta verso il suolo, rallenterebbe e inizierebbe a ruotare ad alta velocità, rimanendo sospeso a poca distanza dal terreno...all'infinito, non potendo contemporaneamente atterrare né sulle zampe né sul dorso dalla parte imburrata del toast, creando le condizioni per il moto perpetuo. (Vedere immagine all'inizio del post).

C'è chi l'esperimento lo ha tentato realmente, verificando che Newton aveva ragione, e come altrimenti? Altro che moto perpetuo!




C'è anche chi ha impiegato il gatto e la fetta imburrata per imbastire una animazione dal titolo Perpetual Motion. È quanto ha fatto la giovane Kimberly Miner, che nel Giugno 2003  ha vinto lo Student Academy Award per il suo film, basato su un documento scritto da un compagno di scuola. 


Divertente anche il filmato "The Cat and Jelly Toast Experiment aka the Buttered Cat Paradox explainer", realizzato dalla Società di animazione Barq, sulla base di un clip audio estratto da un episodio del podcast scientifico RadioLab intitolato "Gravitational Anarchy", in cui compariva il paradosso:


Infine, il marchio brasiliano di energy drink "Flying Horse" ha rilasciato uno spot che simula la ricreazione di questo fenomeno, utilizzato per creare energia perpetua...a scopo pubblicitario ovviamente. Lo spot ha spopolato sul web l'anno scorso.


Beh quanto su illustrato penso sia sufficiente a far comprendere che il povero gatto, con la fetta imburrata sul dorso, non potranno mai realizzare il tanto desiderato moto perpetuo e che il paradosso in realtà non esiste. Se invece dovessero rimanervi dei dubbi al riguardo, potremmo sempre riparlarne;)

7 commenti:

  1. Post simpaticissimo. Un buon inizio di nuovo anno scolastico con un sorriso (+ di uno in verità)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, Marco. Sono lieta di aver aver suscitato la tua simpatia nei confronti del post.
      Ti auguro un nuovo anno scolastico tutto in discesa.

      Elimina
  2. Cara prof, questo post e istruttivo e divertente! mi sono divertito molto a vedere i video. Un grande abbraccio, a domani:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Jacopo, mi fa molto piacere leggerti. Domani si ricomincia con una nuova avventura;).
      Un grande abbraccio anche a te.

      La tua prof.:)

      Elimina
  3. Ciao prof ! Ho visto questo post ed è molto bello!! Mi sono divertita a vedere i video.
    A domani, Martina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Martina! Sono contenta che tu abbia letto il post e che ti sia divertita a guardare i filmati.

      A domani:)

      La tua prof.

      Elimina
  4. ALEANDRO FABBRI 2B17 settembre 2013 16:45

    UN vero e proprio falso paradosso.E un altro paradosso.A dopodomani prof

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...