martedì 25 marzo 2014

GLIMPSE360: Una Panoramica A 360° Della Via Lattea In Una Mappa Interattiva

Bolle di gas e siti di formazione stellare in una regione
della costellazione del Sagittario

Vediamo di capire che cosa sono GLIMPSE360 e la panoramica a 360° della Via Lattea in una mappa interattiva. Vi assicuro che non rimarrete delusi, se avrete la pazienza di leggere.

Si tratta di una vista, nell'infrarosso, del disco o piano galattico della nostra Via Lattea, assemblata con oltre 2 milioni di istantanee, scattate nel corso degli ultimi 10 anni dal telescopio spaziale Spitzer della NASA. 

I dati sono stati acquisiti all'interno di un grandioso progetto di indagine, denominato Galactic Legacy Mid-Plane Survey Extraordinaire, o GLIMPSE360. Spitzer ha impiegato un totale di 172 giorni per acquisire le singole immagini, che, per la prima volta, sono state assemblate in un'unica e ampia panoramica. L'immagine copre circa il 3% del nostro cielo, ma, poiché si concentra su una fascia che comprende il piano della nostra galassia, mostra più della metà delle stelle della Via Lattea.
I puntini blu, disseminati attraverso l'immagine, si riferiscono tutti a stelle singole, la maggior parte delle quali sono relativamente vicine a noi, mentre la foschia blu nei pressi del centro galattico è formata anche dalla luce stellare, troppo lontana da noi per consentirci di identificare le singole stelle, ma tutto contribuisce al brillio. Le strutture rosse sono nubi di polveri e gas, che permeano la nostra galassia e danno vita a nuove stelle.

Grazie all'immagine, è possibile vedere la nascita di stelle in azione, in regioni molto luminose; guardando attentamente, vedrete anche bolle, colonne e altre forme, spuntate fuori e scolpite in polveri e gas dalla luce e dai venti stellari. In molte aree, dei filamenti scuri si stagliano nettamente contro lo sfondo luminoso. Questi viticci scuri sono spesse nubi di polvere presenti nella nostra galassia, che nemmeno la vista nell'infrarosso di Spitzer può penetrare. 

L'immagine combina i dati provenienti da diverse indagini: Glimpse, GLIMPSEII, GLIMPSE3D, Vela-Carina, GLIMPSE360, GLIMPSE Profondo, CYGX, GALCEN, e SMOG. 

I dati a 12 micron del Wide-field Infrared Survey Explorer della NASA (WISE) sono stati sostituiti per i dati a 8 micron mancanti nelle regioni esterne della galassia, mappate durante la missione post-criogenica di Spitzer. 

Andate a GLIMPSE360: http://www.spitzer.caltech.edu/glimpse360/wwt 

Guardate il bel video: "Catching a GLIMPSE of the Milky Way".





Segue il post che ho pubblicato ieri in lingua inglese su Google+.



1 commento:

  1. Ciao prof!
    Il post è molto bello e come ha detto lei non sono rimasta delusa.
    A presto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...