domenica 9 marzo 2008

La Teoria Delle Stringhe

Ho appena letto su Focus.it una interessante notizia sulla "Teoria delle Stringhe".


Secondo questa teoria, studiata da molti scienziati, le fondamentali forze della natura e le particelle elementari, costituenti la materia, sono in realtà minuscole cordicine vibranti.


In questa visione, l'Universo non è altro che una grande sinfonia e le varie particelle (quark, fotoni, elettroni ...) sono le diverse note che la compongono!


Teoria originale e suggestiva, una teoria del Tutto, che tenta di descrivere la realtà nel suo complesso: dalle particelle elementari all'Universo.


Un obiettivo ambizioso in vista del quale si stanno percorrendo diverse strade.

teoriadellestringhe


Cliccando sull'immagine, raggiungerete la pagina di Focus.it, dove potrete guardare l'interessante filmato in Flash.


_________________________


POST CORRELATI


- La Nebulosa Rosetta Per Il Valentine's Day


- L'Universo Visto Da Un'Astronave


- Conspiracy Of Science - Earth Is In Fact Growing

8 commenti:

  1. utente anonimo9 marzo 2008 19:18

    Ciao!!!! Sono Arianna. Questo post è davvero molto interessante, soprattutto la teoria delle stringhe.

    L' immagine dell' universo presa da Focus.it è molto bella. Il post dice che l' universo è una grande sinfonia

    e che le varie particelle sono note che la compongono e sono pienamente daccordo!!! Sul blog di Matematicamente c' era un post della signora animans su la musica e la matematica e , in questo caso la musica la paragono alla matematica !!

    A presto, Arianna.

    RispondiElimina
  2. Le stringhe, a differenza di quelle comuni che conosciamo, sono fili infinitamente corti e

    sottili tanto che risulterebbero invisibili anche se venissero esaminati da strumenti miliardi

    di volte più potenti di quelli attualmente disponibili: sono lunghi un milionesimo di

    miliardesimo di miliardesimo di miliardesimo di centimetro (miliardi di miliardi di volte

    più piccoli di un nucleo atomico) e di spessore nullo. I modi di vibrazione di questi fili

    sottilissimi e cortissimi spesso chiusi ad anello generano tutte le particelle elementari che

    costituiscono il nostro Universo un po’ come una corda di violino più o meno tesa (ma mai

    applicando ad essa forze come quelle previste dalla teoria di superstringa!) genera un

    numero praticamente infinito di toni musicali.

    Il prefisso super fu aggiunto alla teoria delle stringhe quando si scoprì che la teoria stessa

    possedeva una supersimmetria, cioè quando ci si rese conto che ad ogni particella di

    materia corrispondeva una particella di forza e viceversa. Sono strutture che risultano tese

    con una forza incredibilmente grande: fino a 1039 tonnellate. Sarebbe proprio questa


    enorme tensione a determinare la frequenza di vibrazione: più essa è grande, maggiore è la

    massa della particella associata e di conseguenza maggiore è la forza di gravità che questa

    particella esercita sulle altre.

    Gaetano

    RispondiElimina
  3. Cara Arianna, questo argomento è difficile per una ragazza della tua età. Sei, quindi, da lodare per il tuo interesse:)


    Gaetano, come ho già detto è una teoria oltremodo suggestiva, che si prefigge un obiettivo ambizioso, quello di descrivere la realtà nel suo complesso: dalle particelle elementari all'universo. Credo, comunque, che la strada da percorrere sia ancora lunga. Vedremo! Grazie per il tuo prezioso contributo:)

    Annarita

    RispondiElimina
  4. E' una teoria molto affascinante e "bella", infatti il fisico Brian Greene l'ha divulgata in un testo che ha intitolato "L'universo elegante". Purtroppo non è dimostrabile al momento per scarsità di conoscenze, soprattutto matematiche. Ovviamente c'è chi la confuta con molta determinazione. Comunque è bello ciò che possiamo cogliere della ricerca scientifica che si svolge in luoghi generalmente inaccessibili.

    RispondiElimina
  5. Affascinante la teoria delle stringhe, soprattutto perche’ consente di descrivere qualcosa come 10 alla 500 universi.

    Prof. considerato che la teoria delle stringhe utilizza modelli matematici perturbativi, credi che questa teoria possa spiegare i metodi perturbativi dei nostri politici?

    Albert Einstein, nonostante la sua teoria della relativita’ non tratta delle teoria delle stringhe, la accenna in una delle sue teorie, che, infatti, afferma ‘’due sono le cose infinite: l’ universo e la stupidita’ umana, ma dell’ universo non sono sicuro’’.

    Ecco che torna cosi’ il metodo matematico perturbativo e la certezza che le stringhe degli stupidi, purtroppo, si muovono velocemente nello spazio-tempo.

    Un’ ultima domanda: considerato che le stringhe da voi fisici sono chiamate anche corde, queste non potrebbero essere utilizzate per legare tutti gli stupidi del mondo?

    Mi basterebbe anche solo quelli italiani!

    Buona domenica.

    Vale.

    PL



    RispondiElimina
  6. Cara prof. ti ringrazio perche' mi consenti di apprendere aspetti interessantissimi del sapere scientifico, esposti sempre in forma accessibile.

    Un abbraccio.

    Vale.

    PL

    RispondiElimina
  7. Caro Pier Luigi, purtroppo devo deluderti. La Teoria delle stringhe è affascinante e contempla un universo elegante, niente a che vedere con l'ineleganza dei politici nostrani. In quanto alle stringhe-corde per legare in un fascio gli imbecilli, purtroppo la natura non si scomoda per la stupidità umana. Questa deve essere combattuta da altri mezzi "umani".


    Sorry!:)

    RispondiElimina
  8. Non illudiamoci.Sarebbe troppo bello!
    La teoria delle stinghe?
    Se fosse dimostrabile e il prodotto della relativa equazione fosse 0, la scienza avrebbe fatto un grandioso passo avanti ma.... non si sarebbe spostata di un millimetro la conoscienza che l'uomo ha dei misteri del tutto.
    “Un fotone lanciato in una qualsiasi direzione a qualsiasi velocità, metterà il medesimo tempo ad arrivare al punto indicato, anche se osservato da qualsiasi punto”.
    Una verità assoluta che ci insegna che andando verso la comprensione del tutto non ci sono ne punti di partenza ne punti di arrivo ma solo punti intermedi che non fanno altro se non aumentare la nostra curiosità di saperne sempre di più dandoci l'illusione,ad ogni scoperta, di essere arrivati alla meta.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...