mercoledì 6 gennaio 2010

Karl Raimund Popper: Scienza E Filosofia

Cari lettori, vi presento oggi un articolo molto bello sul pensiero di Popper circa le connessioni tra Scienza e Filosofia. Qualche giorno fa, capito serendipicamente sull'ottimo sito di Diego Fusaro e resto colpita dall'articolo in questione.

Per farla breve, contatto il professor  Enrico Rubetti (

Università Vita-Salute San Raffaele di Milano,Facoltà di Filosofia), l'autore, il quale mi autorizza cortesemente a pubblicare l'articolo, fornendomi addirittura la versione originale, più ampia.

Prima di lasciarvi all'articolo su Popper, colgo l'occasione per segnalare "
BENTORNATO MARX! RINASCITA DI UN PENSIERO RIVOLUZIONARIO", Bompiani, Milano 2009, di Diego Fusaro. In appena una settimana 6000 copie vendute!

Un ringraziamento al professor Rubetti, per la gentile concessione.


**********

Karl Raimund Popper: Scienza e Filosofia

 


Tutta la conoscenza rimane fallibile, congetturale. Non esiste nessuna giustificazione, compresa, beninteso, nessuna giustificazione definitiva di una confutazione. Tuttavia, noi impariamo attraverso confutazioni, cioè attraverso l'eliminazione di errori [...]. La scienza è fallibile perché la scienza è umana”.
(Karl R. Popper)


POPPER-fotoL’opera Scienza e filosofia (1969), che conclude la ricerca iniziata con Logica della scoperta scientifica (1934), rappresenta la sintesi del pensiero epistemologico di Karl R. Popper, all’interno del dibattito sui criteri di validità della scienza. L’autore tratta degli scopi e delle responsabilità della scienza, dell’accrescimento del sapere scientifico e del processo di costruzione e verifica delle teorie. Il suo discorso verte sulla scienza più come processo e dinamica che come attività che muove da problemi e cerca, per risolverli, di creare teorie sottoponibili a verifica: un tentativo di «spiegare il noto mediante l’ignoto». Lo scritto più complesso contiene la critica all’essenzialismo (per es. cosa è la “gravità” in sé) e allo strumentalismo (per es. l’impiego di formule che usano l’accelerazione di gravità descrivono esattamente i fenomeni) ed espone la tesi dell’autore secondo la quale le teorie sono congetture sottoponibili a severi controlli critici.

1. Un punto di vista della conoscenza umana: le teorie come strumenti.

Il punto di vista strumentalistico esercita una grande attrazione: è modesto e molto semplice, se lo si paragona con l’essenzialismo.
Secondo l’essenzialismo, dobbiamo distinguere tra:

1. l’universo della realtà esistenziale
2. l’universo dei fenomeni osservabili
3. l’universo del linguaggio descrittivo (o della rappresentazione simbolica)

La funzione della teoria può essere descritta con la rappresentazione di ciascuno di questi tre universi mediante un quadrato (si veda l'immagine).


popper
TEOREMA: a, b sono fenomeni; A, B sono le realtà corrispondenti, che stanno dietro queste apparenze, e α, β le descrizioni, o rappresentazioni simboliche, di queste realtà. E rappresenta le proprietà essenziali di A, B, ed ε è la teoria che descrive E. Ora, da ε a α possiamo dedurre β: ciò significa che possiamo spiegare, con l’aiuto della nostra teoria, perché a conduce (o è la causa di) b.

DIMOSTRAZIONE: da questo schema si può ottenere una rappresentazione dello strumentalismo limitandoci semplicemente ad omettere I, cioè l’universo delle realtà che stanno dietro le varie apparenze. Allora α descriverà direttamente a, e β descriverà direttamente b, mentre ε non descrive nulla: è semplicemente uno strumento che ci aiuta a dedurre β da α.

CONCLUSIONE: questo si può esprimere dicendo che una legge universale, o una teoria, non è un’asserzione vera e propria, ma piuttosto una regola, o un insieme di istruzioni, per derivare asserzioni singolari da altre asserzioni singolari.

Questo è il punto di vista strumentalistico. Un argomento a favore dello strumentalismo venne formulato da Berkeley che si basò sulla sua filosofia nominalistica del linguaggio, prendendo in esame la dinamica newtoniana. Secondo il filosofo l’espressione “forza d’attrazione” doveva necessariamente essere un’espressione priva di significato, dal momento che nessuno sarà mai in grado di osservare una forza d’attrazione. Ciò che possiamo osservare sono i movimenti, non le loro supposte “cause” occulte. Dal punto di vista della teoria berkeleyana del linguaggio, ciò è sufficiente a mostrare che la teoria di Newton non può avere alcun contenuto informativo o descrittivo. Coerentemente applicata, questa teoria equivale alla tesi che tutti i termini disposizionali sono privi di significato. Ciò induce a considerare, secondo l’ottica strumentalistica, che la discussione scientifica non si fonda su “oggetti” quali sistemi fisici sensibilmente certi e verificabili, ma solo sui risultati di osservazioni possibili.

2. Congetture, verità e realtà.

È sempre difficile interpretare le ultimissime teorie, e qualche volta queste ultime lasciano perplessi anche i loro stessi creatori, come accadde a Newton. Lo strumentalismo, secondo Popper, non è più accettabile di quanto non lo sia l’essenzialismo. A questo proposito il filosofo propone un “terzo punto di vista” – oltre all’essenzialismo e allo strumentalismo – del tutto singolare. Il nuovo punto di vista mantiene ferma la dottrina galileana, secondo cui lo scienziato tende a una descrizione vera del mondo o di qualcuno dei suoi aspetti e a una spiegazione vera dei fatti osservabili, e combina questa dottrina con la prospettiva, non-galileana, che, sebbene questo rimanga lo scopo dello scienziato, quest’ultimo non può mai sapere con certezza se le sue scoperte sono vere – anche se qualche volta può stabilire con ragionevole certezza che una teoria è falsa, o il suo grado di falsificabilità.

Secondo il “terzo punto di vista” le teorie scientifiche sono vere e proprie congetture: tentativi di indovinare altamente informativi riguardanti il mondo, i quali, pur non essendo verificabili possono essere sottoposti a severi controlli critici.

L’essenzialismo guarda al nostro mondo ordinario come una semplice e pura apparenza, dietro la quale esso scopre il mondo reale. Tuttavia questa teoria cade nel momento in cui sorge la consapevolezza del fatto che il mondo di ciascuna delle nostre teorie può essere spiegato, a sua volta, da mondi ulteriori, descritti da ulteriori teorie: da teorie situate a un livello più alto di astrazione, di universalità e di controllabilità. La dottrina di una realtà essenziale o ultima crolla insieme con quella di una spiegazione ultima.
Poiché le nuove teorie scientifiche sono, come le vecchie, vere e proprie congetture, esse sono veri e propri tentativi di descrivere questi mondi ulteriori. Così, siamo indotti «a considerare tutti questi mondi, compreso il nostro mondo di tutti i giorni, come egualmente reali, o, forse meglio ancora, come aspetti o strati egualmente reali del mondo reale».

Tutti i molteplici livelli di questa stratificazione sono egualmente reali, anche se potremmo definire i livelli più alti e più congetturali (cioè più stabili, più permanenti e con un più alto grado di astrazione e di invariabilità) come i più reali, proprio a dispetto del fatto che sono i più congetturali. Conseguentemente al ragionamento, Popper si domanda se «non dovremmo chiamare reali solo quegli strati di cose che sono descritti da asserzioni vere, e non da congetture che possono rivelarsi false». Solo controllando una congettura, e riuscendo a falsificarla, è possibile notare chiaramente che c’era una realtà, qualcosa con cui essa poteva collidere. Le falsificazioni permettono di stabilire dei punti di contatto con la realtà. E l’ultima e migliore teoria è sempre un tentativo di incorporare tutte le falsificazioni che siano mai state trovate in un determinato campo d’indagine, spiegandole in termini semplici, cioè controllabili.

«Ma se una teoria è controllabile, implica che eventi di un certo tipo non possono accadere, e così asserisce qualcosa intorno alla realtà». Le congetture controllabili, o tentativi di indovinare, sono dunque congetture intorno alla realtà; dal loro carattere incerto o congetturale segue soltanto che la nostra conoscenza circa la realtà che descrivono è incerta e congetturale. È un errore pensare che sia reale solo ciò che conosciamo con certezza come tale; e, scremata l’ipotesi strumentalistica, Popper ripropone il classico errore berkeleyano, nella forma di «essere è essere conosciuto».
Esiste allora un criterio di verità?

Le teorie sono pure invenzioni, idee che nascono dall’uomo: non si impongono sull’uomo, ma sono gli strumenti di pensiero che egli stesso si è creato, e questo è il punto di vista degli idealisti. Ma alcune di queste teorie possono scontrarsi con la realtà; e quando è possibile definire questo impatto, è possibile anche ammettere l’esistenza di qualcosa, di una realtà, a rammentare il fatto che le nostre idee possono essere errate: non siamo in grado di dare una descrizione “vera” della realtà, ma affermiamo che essa c’è, perché in alcuni casi la descrizione che ne diamo risulta “falsa”. In questo senso, Popper appoggia la tesi realista. Il suo è un realismo critico, che allo stesso tempo si avvicina al punto di vista dell’essenzialismo, secondo cui la scienza è capace di scoperte reali, e che, nello scoprire nuovi mondi, l’intelletto trionfa sulle esperienze sensibili.

Tuttavia la verità, nella scienza, non è mai un possesso, ma un ideale che guida il cammino della ricerca. Non c’è alcun criterio di verità che consenta di dire se una teoria è vera. Infatti, «una teoria è il suo contenuto e il contenuto di una teoria sono le sue infinite conseguenze». Ma i controlli effettivi sulle conseguenze di una teoria saranno sempre in numero limitato, per cui – afferma Popper in modo quasi paradossale – «anche se avessimo avuto la fortuna di trovare una teoria vera, noi questo non potremmo saperlo».
Bisogna abbandonare la convinzione che la scienza sia il campo di conoscenze certe e definitive. Noi possiamo avvicinarci alla verità, non raggiungerla e possederla stabilmente.

3. Verificabilità e falsificabilità.

Popper distingue due punti di vista, o due sfere di pensiero principali: filosofi verificazionisti o giustificazionismi della conoscenza (o della credenza) e filosofi falsificazionisti, o fallibilisti o filosofi critici della conoscenza (o delle congetture).
I membri del primo gruppo – i verificazionisti o giustificazionisti – sostengono, approssimativamente, che tutto ciò che non può essere sostenuto da ragioni positive non è degno di essere creduto, e neppure di essere preso in seria considerazione.
D’altra parte, i membri del secondo gruppo – i falsificazionisti o fallibilisti – sostengono, approssimativamente, che in linea di principio ciò che non può (per il momento) essere demolito dalle critiche è (per il momento) indegno di essere preso in seria considerazione, mentre ciò che, in linea di principio, può essere demolito dalle critiche, ed è in grado di resistere a qualsiasi sforzo critico, può essere falso, ma non è indegno di essere considerato e forse anche creduto, sia pure solo in via di tentativo.

I verificazionisti, sostenendo la tradizionale lotta del razionalismo contro la superstizione e l’autorità arbitraria, esigono che una credenza si accetti solo se può essere giustificata da prove positive, cioè solo se si può mostrare che è vera o, almeno, che è altamente probabile. Una credenza può dunque essere accettata solo se è possibile verificarla o confermarla probabilisticamente.

I falsificazionisti (il gruppo di fallibilisti a cui lo stesso Popper dichiara di appartenere), appoggiando le tesi degli irrazionalisti, credono di aver scoperto argomenti logici che mostrano che il programma del primo gruppo non può essere realizzato, che non si può mai dare ragioni positive che giustifichino la credenza che una teoria è vera. Ma, a differenza degli irrazionalisti, i falsificazionisti credono di aver anche scoperto un modo per realizzare il vecchio ideale dei razionalisti, riconoscendo che la razionalità della scienza non consiste nell’abito di fare appello a prove empiriche a sostegno dei suoi dogmi ma soltanto nell’approccio critico, o confutazione delle prove empiriche. Fondare la sicurezza, la certezza o la probabilità delle teorie scientifiche acquista scarso interesse per i falsificazionisti, che, consapevoli della fallibilità di tali teorie, cercano di criticarle, imparando dagli errori a procedere forse a teorie migliori, perché la conoscenza, infatti, «si accresce nella misura in cui impariamo dagli errori».

Considerando i loro punti di vista intorno alla funzione negativa o positiva delle prove, gli appartenenti al primo gruppo – i giustificazionisti – possono essere denominati «positivisti», mentre gli appartenenti al secondo gruppo – i fallibilisti – possono essere denominati critici o «negativisti», anch’essi, come i primi, interessati alla ricerca della verità, ma più concentrati ad attuare tale ricerca mediante la critica, talvolta distruttiva, di punti di vista che appaiono “chiaramente” paradossali. Il fallibilismo, pertanto, si configura come una sorta di non-sapere socratico, basato sulla consapevolezza di essere costantemente esposti all’errore e di non poter cogliere la verità con certezza.

4. Il principio di falsificazione.

Verità e contenuto si fondano sulla stretta relazione tra verisimilitudine e probabilità.
La probabilità logica rappresenta l’idea dell’avvicinamento alla certezza logica (o verità tautologica), attraverso una diminuzione graduale del contenuto informativo. Per l’altro verso, la verisimilitudine rappresenta l’idea dell’avvicinamento alla verità comprensiva: essa combina così verità e contenuto, mentre la probabilità combina verità e mancanza di contenuto.

Se ne deduce che lo scopo della scienza non è dunque la ricerca pura della verità, ma più propriamente la ricerca di una verità che sia dotata di una considerevole tendenza alla probabilità, o di un alto grado probabilistico.
Su tali presupposti Popper fonda la sua serrata critica dell’induttivismo – il principio metodologico sul quale si basava la tradizione empirista –, riprendendo le tesi di un empirista radicale come Hume, che aveva negato la possibilità di giungere legittimamente ad asserzioni generali, universali, procedendo da asserzioni singolari o particolari.

Ne consegue la critica del principio di verificazione, in quanto non applicabile alle leggi universali della scienza. Tale principio è solo un’utopia, poiché né le leggi scientifiche né «le teorie sono mai verificate empiricamente». Queste, pertanto, si configurano sempre come ipotesi. Ad esempio, per quanto siano numerose le verifiche a sostegno di una determinata ipotesi, basterebbe una ed una sola dimostrazione (o verifica) accettabile a sostenere il contrario (o la negazione) di tale ipotesi, per far crollare l’intera struttura della teoria stessa. Qualsiasi ipotesi, dunque, è potenzialmente falsificabile, in quanto in futuro potrebbe sempre dimostrarsi falsa. In quest’ottica il filosofo è portato a considerare le teorie – e la loro instabile struttura – come «assunzioni provvisorie, anticipazioni infondate» che non possono essere dimostrate.
La scienza è innanzitutto elaborazione di ipotesi. Popper sostiene con decisione il primato della teoria sull’esperienza, della struttura ipotetico-deduttiva della scienza su quella induttiva, e considera assurda l’opinione che essa possa partire da pure osservazioni senza alcun tipo di teoria. L’induzione è accettabile solo quando si muove all’interno di un ben preciso orizzonte teorico e non viene più considerata come un procedimento fondante.

Il filosofo introduce quindi uno dei concetti portanti del suo pensiero: il problema della demarcazione. Tale criterio di “demarcazione” fra ciò che chiamiamo scienza e ciò che definiamo non-scienza si fonda sul principio di falsificazione.

Le ipotesi generali in campo scientifico, frutto di elaborazione razionale, sono falsificabili, cioè «tali da poter esser smentite dall’esperienza». Pertanto, viene considerato “scientifico” un sistema di proposizioni che dispone di sistemi di controllo empirico che possano confutarlo. In altri termini, dato che una teoria o un’asserzione è falsificabile se esiste almeno un “falsificatore potenziale”, cioè un asserto di base che possa entrare in contrasto con la teoria, tale teoria, per essere considerata scientifica, deve prestarsi a controlli che possano – eventualmente – dimostrarne la falsità.

L’impostazione induttivista viene rovesciata: l’esperienza non serve a fondare una teoria, ma serve a confutarla. Mentre, sulla base del principio di verificazione, occorrerebbero infinite prove per “verificare” una legge, per il principio di falsificazione è sufficiente una sola prova per accertare che un’ipotesi scientifica è falsa («basta un solo cigno nero per smentire l’asserzione “tutti i cigni sono bianchi”»).

5. Scienza e metafisica.

La «demarcazione» fra la scienza e la metafisica sta nel fatto che le proposizioni di quest’ultima pretendono di collocarsi al di sopra di qualunque possibile smentita, si ritengono, cioè, incondizionatamente vere, oppure, come dice Popper, non sono falsificabili, sono cioè disposte in modo da non poter essere sottoposte a prove e a smentite da parte dell’esperienza. Questa caratteristica è comune anche alla psicoanalisi e al marxismo.

Pur demarcando la scienza dalla metafisica, Popper si differenzia dai neopositivisti per il fatto di non considerare – come questi – del tutto «prive di significato» le proposizioni della metafisica. Egli ritiene quindi innegabile il ruolo che le idee della metafisica hanno avuto nella storia e nello sviluppo della scienza, in quanto ipotesi speculative ma capaci di dare una visione ordinata del mondo, di fornire concetti in grado di orientare nella ricerca.


19 commenti:

  1. Lessi Scienza e filosofia di Popper che ero un giovincello. Ne rimasi affascinato.
    Maurizio.

    RispondiElimina
  2. Ma ti sembra materia per giovinetti sgangherati!?
    Ooopss, cioè, volevo dire, son bravissimi studenti, intelligenti e tutto, solo che io alla loro età se mi parlavi di epistemologia cominciava a fumarmi il cervello...ahahaahahah
    Guarda caso proprio oggi pensavo alla relatività e all'assolutezza della conoscenza.

    RispondiElimina
  3. Ciao, Maurizio. Popper è uno dei miei idoli. Lessi Scienza e filosofia all'epoca del liceo, rimanendone ovviamente affascinata.

    annarita

    RispondiElimina
  4. utente anonimo7 gennaio 2010 15:49

    Cara Annarita, ti ringrazio sentitamente per questo post......l' ho letto voracemente , Popper mi piace molto e così a  " botta  fresca" mi sembra rivoluzionario ....ora me lo devo rileggere con calma, il mio difetto è che se qualcosa mi attrae molto lo divoro e quindi devo giocoforza rileggerlo .
    Ciao teoderica.

    RispondiElimina
  5. Anch'io divoro, Teo, non ti formalizzare...e torno a leggere e rileggere ciò che mi piace, mentre faccio in un attimo a scartare ciò che mi annoia.

    Ringraziamo il prof. Rubetti che gentilmente ha reso possibile la pubblicazione del suo bellissimo articolo.

    Ciao.
    annarita

    RispondiElimina
  6. Caro Gaetano, i premi Balzan percorrono una finalità lodevolissima. I passaggi dell'intervista, che hai riportato, sono pregnanti di significato. Il professor Rubetti non potrà che esserne compiaciuto.

    Ti ringrazio molto per questo straordinario commento.

    Un abbraccio.
    annarita

    RispondiElimina
  7. beh (e mi salvo in corner) se pensi che basti mettere l'etichetta Cari Lettori per impedire a quei monelli di appropinquarsi alle impervie letture, ti sbagli!
    ahahahaahahah
    il monelletto, legge, legge e rilegge e gli s'intorcina la capoccia, poi strabuzza, spernacchia, e gli viene il singhiozzo, poi deve contare fino a mille, al contrario e su un piede solo, e se guarda in basso...beh se guarda in basso, deve ricominciare! senò non gli passa!
    Io ho dovuto fare così, si si.
    (ciao bela gioia! ma sarai contenta che c'hai dei lettori così...sciapi!?!)
    ah, ghe se paopasc che ciàcola, no go voia de far loghin

    RispondiElimina
  8. utente anonimo8 gennaio 2010 09:06

    Dai Pao, te sei un bocia e la Annarita la gà rason. Anca mi sono un bocia e me piase ciacolar. Però ghe dise ben Annarita, la maestra:
    dai che nem in "Kirchie"!
    Ciao,
    Gaetano

    RispondiElimina
  9. utente anonimo8 gennaio 2010 13:37

    Sono tornata a rileggerlo ieri ed anche oggi  per leggere il commento di Gaetano che in questo articolo che tu hai pubblicato serve per chiudere il cerchio..........credo che se i tuoi ragazzi leggono l' articolo (  chiaro e semplice anche se devo dire che Popper sembra facile da capire , ma non è così ) qualcosa a loro inconsciamente rimanga...... in modo da poter ragionare  non come il  "tacchino induttivo", perchè gli ultimi studi sul cervello ci mostrano che quest' ultimo  ha questa tendenza è un po' pigro e segue i  percorsi  noti, quindi la teoria della "falsificazione" ci aiuta anche ad uscire dagli  stereotipi  della vita normale, non serve solo agli scienziati ma anche nella vita quotidiana per renderci esseri più consapevoli.   Con quello che scrive  Gaetano, lo so che mi rendo insopportabilmente  "mielosa" ma lui riesce a scovare  " storielle" che spiegano  il  difficile in modo semplice.
     Annarita il tuo post ...mi ha acceso un sacco di idee...W il web che permette scambi proficui anche   non avendo la possibilità di stare  in ambienti  stimolanti ..... baci, baci, baci.
     Teoderica.
    PS ci tengo a scrivere che sono una visitatrice quotidiana, non commento perchè non sono molto  "scientifica".....ma qualche tempo fa ho fatto una scoperta.....gli scienziati , i matematici, i fisici, ecc.... visti un tempo come freddi calcolatori.....ragazzi non è vero il mondo della scienza è creativo ed  artistico come e se non più delle materie letterarie, ancora più fantasioso.....ve lo dico perchè io ho fatto questo grosso sbaglio credere che per l' arte , la filosofia, la letteratura ......il mondo delle scienze non  ne facesse parte......sbagliato,  sbagliatissimo......e poi non è vero   che è difficile....dipende solo   da chi ve la spiega....e voi siete tanto,  tanto fortunati.

    RispondiElimina
  10. Paola, mi fa piacere sapere che visiti Scienticando. L'intento di questo blog è, oltre a curare la didattica stretta, quello di divulgare il più possibile la conoscenza e renderla alla portata di tutti.

    Grazie ad articoli come quello del prof. Rubetti, e anche di altri valenti amici, tra cui Gaetano, mi sembra che l'obiettivo sia focalizzato.

    Sono concorde con te che i ragazzi, se esposti a "buoni argomenti", hanno solo da guadagnarci. L'educazione alla ricerca della conoscenza deve cominciare in età molto giovane perché deve essere curata come una tenera e preziosa pianta, che cresce e si rafforza giorno dopo giorno.

    Tu denoti apertura mentale, curiosità, e fame di conoscenza, elementi indispensabili per percorrere la via del conoscere.

    Un abbraccio
    annarita

    RispondiElimina
  11. utente anonimo8 gennaio 2010 23:16

    rosy: ho letto attentamente, cara Annarita, riconoscendo i miei limiti, mi limito a dire, che questi tre universi..
    1. l’universo della realtà esistenziale
    2. l’universo dei fenomeni osservabili
    3. l’universo del linguaggio descrittivo (o della rappresentazione simbolica)
    tra questi universi si nasconodo altri strati di universi, che non vediamo, per questo forse nulla è sicuro di quello che diciamo o facciamo
    Tra congetture, teorie, è esistenza, ci sono vari pensieri, non capiremo e non sapremo mai con certezza la reale verità della reltà che ci circonda, la respiriamo appena.
    L'universo  più grande è quello del pensiero che si estende,  , più si estende il nostro pensiero,  e in egual misura si estendono i vari stati che compongono i vari universi..credo!
    Il mio commento non è scentifico, ho letto e ho tradotto a modo mio.
    Un bacione.


    RispondiElimina
  12. Interessantissimo articolo sulla "falsificazione" che merita un'attenta lettura, le teorie di Popper sono fruibili per la ricchezza di discernimenti e opinioni. Grazie per averlo proposto.
     
    un caro saluto
    annamaria

    RispondiElimina
  13. Ho riletto l'articolo (ho una connessione migliore) e condivido il meraviglioso pensiero del filosofo Popper, grande scienziato-pensatore: le sue teorie sono fondate sulla verità, ciò che è dimostrabile realmente e con valutazioni certe è degno d'attenzione. La scienza si avvale di ipotesi elaborate dall'uomo, ma l'uomo ha dei limiti: non tutto è luce per lui. L'empirismo non è sempre inconfutabile, secondo la mia modesta opinione. Le asserzioni generali e le verifiche della verità portano al raggiungimento della inoppugnabilità della teoria scentifica.
    Buona giornata, cara Annarita, passare da te vuol dire arricchirsi e poter disquisire su argomenti profondi.

    un abbraccio
    annamaria

    RispondiElimina
  14. utente anonimo9 gennaio 2010 10:09

    Il sogno di Hilbert, nella matematica, e di Russel nella logica, di "autodimostrarsi" , è definitivamente tramontato quando Godel espose i due teoremi di incompletezza.

    Quella "verità" che sta dietro le cose, e che dai tempi di Platone vanamente inseguiamo, ancora una volta ci sfugge, e dobbiamo limitarci ad osservare le ombre proiettate sulla caverna...

    L'ipotetismo, nell'accezione di Popper, è la strada maestra attualmente percorsa dalla scienza. Ipotesi, come atti di pura intuizione, di fantasia immaginativa, di genio quasi artistico, che tentano di rappresentare l'esistente, di "spiegare" i fatti osservati, e che talora li precedono !

    Teoria della relatività generale, l'Evoluzione delle specie, La teoria del Big Bang ... non c'è mai la certezza, attendendo, con ineluttabile trepidazione, una prova contraria; quel minuscolo granellino di sabbia che incepperà irrimediabilmente il magnifico castello... fino alla prossima.

    Andrea

    RispondiElimina
  15. Cara Annamaria, ti ringrazio  di aver espresso il tuo pensiero con il quale sono in sintonia.

    Un abbraccio.
    annarita

    RispondiElimina
  16. Andrea, benvenuto! Ti rangrazio di aver lasciato i tuoi pensieri condivisibili.

    Un saluto
    annarita

    RispondiElimina
  17. Anch'io lessi Popper anni fa e ritrovarlo è sempre un piacere.
    Ma ti vorrei ringraziare anche per la segnalazione del sito www.FILOSOFICO.net, un accesso "agevolato" al mondo della filosofia.
    Ciao, Daniele

    http://lnx.sinapsi.org/wordpress/

    RispondiElimina
  18. C'avevo voglia di lasciare un bel commento, proprio un bel commento che la gente gavarìa da dirme: corbezzoli! pao, ti te gà fato propio un bel comento!
    quasi bello come quello di Gaetano, ma poi, se non colgo l'attimo, le idee che ho sfumano via, e no ghe riman più gnente!
    Comunque, rimane l'intenzion, la bona intenzion de scrivèr cosse che gavarìa piasciuto tannto: l'intenzion, come xe dise, la ghe sera...
    ah, mi me son paopasc, sora parona
    par servirla (fa' la riverensa)

    RispondiElimina
  19. utente anonimo12 ottobre 2010 19:45

    Trovo il messaggio di Popper meraviglioso, perchè la vera grandezza dell'uomo è nella chiarezza, semplicità e umiltà del suo approccio. Lo studiai all'università quando aveva appena scritto Miseria dello storicismo e conservo il libro nella colonna dei miei preferiti sul comodino. Sempre attuale, dovrebbe essere un modello per i contemporanei e per le generazioni a venire.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...