domenica 25 luglio 2010

"The Manga Guide To Physics" - Fumetti Manga Per Apprendere La Fisica


Cari ragazzi,

vi piacciono i manga? Molto probabilmente la vostra risposta sarebbe affermativa. Vi piace la Fisica? A molti di voi sì, lo so per certo. Altri la trovano un po’ difficile, anche questo è certo.

Ebbene qualcuno ha pensato di creare un fumetto The Manga guide to Physics (edita da No Starch Press) per rendere accattivante lo studio della Fisica. E badate bene che lo sceneggiatore del fumetto manga è Hideo Nitta, PhD e fisico della Tokyo Gakugei University, membro della International Commission on Physics Education (ICPE)! L’eccellente disegnatrice è  Keita Takatsu.

Vi sembra un modo stravagante per apprendere una materia seria come la fisica? Mica tanto! L’autorità di Hideo Nitta conferisce una indubbia credibilità scientifica all’iniziativa, a dispetto di quanti, nel corso degli anni, hanno sbandierato ai quattro venti il loro dissenso, considerando alla stregua di robaccia diseducativa produzioni del genere.

Ho letto The Manga guide to Physics, e lo reputo un capolavoro nel suo genere, sicuramente da proporre a scuola come strumento didattico per l’apprendimento della fisica, la dinamica in particolare. Il fumetto è in inglese, ma voi siete bravi e poi chiederemo aiuto alla professoressa di inglese. Avete capito esattamente: sarà un lavoro interdisciplinare, se tutto andrà a buon fine!

Ma adesso passo ad illustrarvi per sommi capi il contenuto di The Manga Guide to Physics.

Segue una striscia in cui vengono illustrati il principio di azione e reazione e il concetto di equilibrio a confronto.


Nella presentazione del volume si legge: Megumi, la protagonista di The Manga Guide to Physics, è una abilissima atleta, ma è un fallimento quando si tratta di studiare la fisica. [...] Fortunatamente riesce ad ottenere l'aiuto di Ryota, un generoso amico appassionato di fisica, che usa esempi tratti dal mondo reale per aiutarla a capire la meccanica classica, il fondamento della fisica”.

Megumi, quindi, non eccelle in fisica e, quando i suoi risultati nei compiti scritti lasciano a desiderare, non riesce a fare bene nemmeno nel tennis che è la sua passione. Quando poi il bulletto di turno ci si mette di mezzo a sbeffeggiare, le cose diventano insostenibili. Il suo rivale Sayaka, infatti, la prende pesantemente in giro per avere fatto scena muta davanti ad un facile quesito sulla terza legge della dinamica. Così Megumi si rivolge a Ryota che riesce ad aiutarla ad apprendere l’ostica fisica.

Qui potete consultare la tavola dettagliata dei contenuti, e l'indice.




The Manga Guide to Physics è il primo volume  di una collana che vede coinvolte diverse materie scientifiche, dalla statistica alla biologia, ad argomenti più particolari, come i database informatici. Consultate la collana completa.

Di seguito un estratto di 47 pagine da The Manga Guide to Physics, che ne conta 233.
Cliccare qui per vedere il fumetto e scaricarlo, se si desidera farlo.

15 commenti:


  1. Non sono un amante dei manga ma penso che l'idea sia valida dal momento che i ragazzi ne vanno matti. Se i ragazzi non vanno verso la fisica, sono i manga che la portano che la portano a loro. Chissà che non esistono anche fumetti per la matematica e le scienze, sai quanti ragazzi ne sarebbero felici. Proprio in questi giorni parlavo con una conoscente del figlio svogliato a scuola e un insegnante molto giovane le diceva che cambiando metodo si puo ottenere un buon risultato; aveva ragione perchè giocando gli hanno fatto amare quello che prima non gli piaceva.
    Bacione, Viviana

    RispondiElimina
  2. utente anonimo25 luglio 2010 13:45

    Efficace e divertente per i nostri ragazzi e ti dirò che non dispiace neanche a me! Essendo in inglese inoltre consente anche una bella esercitazione in questa lingua ormai non più tanto straniera, considerato che la sua conoscenza oggi è indispensabile!
    Certamente il fumetto è accattivante per i giovani. Io quest'anno ho avuto in una terza uno studente letteralmente affascinato da questo testo
    http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=2&ved=0CBgQFjAB&url=http%3A%2F%2Fwww.ibs.it%2Fcode%2F9788860302168%2Fbassett-bruce%2Frelativita-fumetti.html&ei=hxRMTNSsEovuOd-DyZYD&usg=AFQjCNHZHQyHVFD_j6SBVmWRiQAyjlUXuQ
    in cui è trattata la relatività di Einstein a fumetti. Dunque questa è una dimostrazione che ...l'idea funziona!
    Grazie Annarita, e complimenti per le tue scelte così accurate e mirate.
    Felice Domenica.
    Un bacione
    maria I

    RispondiElimina
  3. utente anonimo25 luglio 2010 17:48

    Buona Domenica Annarita
    Bacione.

    RispondiElimina
  4. utente anonimo25 luglio 2010 21:42


    Sicuramente accattivante! Una maniera intelligente di favorire l'approccio ad una disciplina non facile, soprattutto riguardo alla risoluzione di esercizi e problemi, se si considerano anche le difficoltà che implica l'applicazione della Matematica alla Fisica. Comunque, una migliore disposizione dell'alunno all'apprendimento, grazie anche all'acquisizione intuitiva dei concetti, che  credo  sia uno scopo del fumetto, senza dubbio può aiutare.

    Grazie di questa tua encomiabile affezione ai tuoi lettori anche in vacanza.
    Ciao.
    Adele

    RispondiElimina

  5. Come non credere al valore dei personaggi "mediatori" tra alunni e disciplina?
    Un abbraccioooone
    france

    RispondiElimina
  6. Ciao, Viv. Esistono fumetti didattici anche per le altre Scienze, inclusa la matematica, e sono supporti molto validi per l'aqpprendimento di queste discipline, naturalmente insieme ad altre strategie che facilitano l'apprendimento.

    In campo didattico, occorre sperimentare modalità diversificate, tra queste l'approccio ludico si dimostra molto valido.

    Un abbraccio. A presto!

    RispondiElimina
  7. Cara Maria, ti ringrazio della segnalazione del fumetto sulla relatività. Non lo conoscevo!

    Che i buoni fumetti didattici funzionassero egregiamente lo sapevo per averli sperimentati, qualche anno fa con alcune mie classi. Voglio ripetere l'esperienza il prossimo anno scolastico.

    Addirittura, alcuni miei alunni li hanno anche creato delle strisce loro stessi, inventando dei personaggi.

    Un bacione.

    RispondiElimina

  8. Adele, ti ringrazio di aver espresso il tuo punto di vista e sono contenta che tu sia d'accordo circa l'utilizzo didattico dei fumetti. Io ci credo e il fatto che un insegnante di fisica con i fiocchi e contro fiocchi ne abbia sceneggiato uno molto valido mi conforta molto.

    Un caro saluto.


    RispondiElimina

  9. Ehilà, France! Non poteva essere diversamente! Ero sicura del tuo parere favorevole.

    Bacionissimo. A presto!

    RispondiElimina
  10. utente anonimo26 luglio 2010 09:49

    Si Rosaria,
    Tanti auguri Anna+Rita 
    Un abbraccio da Caserta 

    RispondiElimina

  11. Grazie ancora, Rosaria, quello che mi avete dedicato tu e Maria è meraviglioso!

    RispondiElimina

  12. Certamente, cara Lisetta! C'è sempre una speranza quando si ha un obiettivo sentito.

    Carinissimi i tuoi auguri.

    Grazie anche a te!

    A presto.

    RispondiElimina

  13. Ciao! Ma il fumetto c'è anche in italiano? Si trova facilmente?
    Per restare in argomento un libro simpatico e fatto bene è "La Fisica dei Supereroi"......
    Buon weekend!

    RispondiElimina

  14. No, paveloescobar. Il fumetto non c'è in lingua italiana. In lingua inglese è facilmente reperibile. Ho lascito indicazione nel post.

    Ti ringrazio della segnalazione. Approfondirò.

    Buon w.e.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...