martedì 18 gennaio 2011

IL VOLUME CHE SCOMPARE

Pubblico la relazione di Riccardo T., un mio alunno della classe 1°B, su un esperimento  svolto nel laboratorio scolastico qualche settimana fa.

La scelta del lavoro di Riccardo è giustificata semplicemente dalla chiarezza della grafia poiché le relazioni dei ragazzi sono tutte meritevoli...beh, quasi tutte!

L'esperimento è stato svolto nell'ambito dell'osservazione della materia, delle sue proprietà e comportamenti.

Nello specifico, la domanda che si sono posta i ragazzi è la seguente:"

Se versiamo dell'acqua in un bicchiere che contiene già della sabbia, l'acqua traboccherà?"

(Precisando che il contenuto in sabbia riempie il bicchiere oltre la metà e che l'acqua, travasata da un secondo bicchiere uguale al primo, riempie anch'essa il bicchiere oltre la metà).


Riporto di seguito il documento, che potete leggere in modalità fullscreen dal widget di Issuu, cliccando al centro.

La relazione non ha subito alcun tipo di intervento da parte mia. Troverete quindi qualche traccia di bianchetto, opera di Riccardo stesso. In definitiva il lavoro è spontaneo e privo di correzioni del docente.


Il documento può essere scaricato da Google docs.


7 commenti:

  1. E bravissimo Riccardo T.
    Esperimento riuscito, eseguito con meticolosità e spiegato molto bene.
    Il bianchetto in qualche punto rende la relazione ancora più bella e vera perchè denota che hai cercato di correggere le piccole imperfezioni ed ha fatto benissimo la prof a lascire tutto come tu lo hai scritto.
    E' un ottimo esperimento per far ben comprendere le proprietà ed i comportamenti della materia.

    Caro Riccardo, avresti mai pensato o creduto possibile che il volume di due
    corpi uniti insieme fosse minore della somma dei due corpi considerati singolarmente? Beh! è possibile, e tu lo hai ben dimostrato. Bravissimo.
    E brava la prof che ha portato bicchieri, acqua e sabbia.
    Cara Annarita, continuando così questi ragazzi ti relegheranno al ruolo di assistente.
    Complimenti quindi alla stupenda "assistente"

    Un salutone
    Marco

    RispondiElimina
  2. utente anonimo19 gennaio 2011 18:34

    bravissimo tino!!!!
     
    davide hu 1 b

    RispondiElimina
  3. Ottimo lavoro sperimentale.
    Mi vengono in mente anche altri sistemi in cui tu credi di inserire un dato volume di danaro in tasse, per esempi, e invece alla fine ce n'è molto meno: è perchè  entra negli interstizi...
    paopasc

    RispondiElimina
  4. utente anonimo19 gennaio 2011 19:21

    bravo bravissimo tinooooooooo




    stefano p

    RispondiElimina
  5. ...è perchè  entra negli interstizi...

    Purtroppo, Pa! Come ti capisco...

    Grazie dell'apprezzamento:)

    RispondiElimina
  6. utente anonimo19 gennaio 2011 22:30

    Ma questi tuoi primini, Annarita, sono straordinari! E l'esperimento del nostro Riccardo è stato eseguito in modo impeccabile! Bravissimo davvero!
    Complimentissimi!!!
    Un abbraccione,
    maria I.

    RispondiElimina
  7. Diciamo che se la cavano bene, Maria. Grazie dell'apprezzamento.

    Ricambio l'abbraccio.

    annarita

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...