martedì 8 marzo 2011

Giovanissimi - Polizia Di Stato| Educazione Alla Legalita' Interattiva

sito per i giovanissimi
Dal mio sito Web 2.0 and something else, vi segnalo un servizio veramente utile per i piccoli utenti.

Si tratta di "GIOVANISSIMI", il sito per ragazzi della Polizia di Stato, nato con l’obiettivo di promuovere presso i bambini lo sviluppo di una cultura del rispetto e della legalità.

I temi educativi intorno ai quali il sito ruota rispecchiano alcune delle problematiche maggiormente dibattute in tema di minori, ovvero:

- Pedofilia
- Bullismo
- Educazione stradale
- Educazione al rispetto della diversità
- Diritti dei minori
- Uso corretto di internet.


Il sito veicola tali contenuti attraverso modalità educative di tipo ludico-ricreativo, per consentire ai piccoli utenti di acquisire informazioni e imparare comportamenti corretti, ma anche di divertirsi ed entrare in contatto con le istituzioni in maniera nuova e serena.

Per avere informazioni sulle modalità di funzionamento e sugli elementi presenti nel sito, visitate la mappa, la guida e tutti gli altri riferimenti presenti.

GIOVANISSIMI è un sito imperdibile, oltre che per i piccoli, anche per i genitori, gli educatori, e gli adulti in generale.

10 commenti:

  1. Cara Annarita, ricordo molto bene quando
    postasti questo sito, e come posso dimenticarlo 
    ho fatto anche il filmino a Marietto mentre ci giocava.
    Veramente molto importante 
    questo sito e tutti i genitori dovrebbero
    farlo vedere ai bambini con quello che si sente.
    Un bacione ciao-

    RispondiElimina
  2. utente anonimo9 marzo 2011 15:56

    Cara Annarita,

    non mi vedi spesso qui, dalle tue parti, ma oggi sì. Tuttavia ti seguo costantemente come un'ombra. Tu sei ovunque con la tua tastiera a perlustrare in lungo e largo il web, come una sorta di Odisseo... O forse la sua parte complementare, Penelope, che col pensiero cercava di “rintracciarlo”: per il fatto che sei donna, della quale ieri si è festeggiato la sua regalità (giusto in concomitanza della data di questo post a commento). Però non manco a certi peculiari incontri e questo, che apparentemente non presenta tracce di motivi di scienza, invece no.

    Invece no perché più della scienza che dà certezze, per le quali si usa dire che sono “matematiche”, chi c'è, il parroco o tutt'e due in sintonia? Ecco un primo nesso con la “sicurezza”, dunque la scienza, a cominciare dai primi passi della scuola elementare. Cosa che comporta l'educazione alla “legalità”, alla “sicurezza stradale”, quella della vita, e che trova legame con quella del post precedente, quale “Punto di incontro fra Istituzioni, Aziende, Enti e Associazioni, insegnanti, studenti e genitori” e così via.

    È bello intrattenermi con i giovani, ma anche con quelli più su di età, per fare riflessioni su come integrare lo studio con la pratica della vita: ecco due altri incontri “ravvicinati”, quasi per alludere a cose da fantascienza! Ma non è così la situazione della teoria con la pratica della vita odierna? Come dire “si predica bene e si razzola male”.

    Ma, questa mattina mi sono svegliato con l'idea di dire qualcosa qui da te Annarita, avendo letto ieri (la tua festa) i due post a commento. A prima acchito non sapevo cosa, ma poi la mia mente mi ha pungolato e così il mio dito indice, aiutato a volte dall'altro di sinistra (le altre dita non ne vogliono sapere e mi considero perciò uno “zoppo”, scusami), si sono messi a saltellare qua e là come festosi.

    Ma mentre saltavano allegri, mi suggerivano di parlare a cosa paragonare, attraverso la matematica, il concetto di “legalità”, di “sicurezza stradale”, perché, mi dispiace non ravvisare nei docenti oggi un tantino di fantasia creativa, per disporli a concepire lezioni, quasi che l'opera da essi svolta, oggi, fosse un dipinto del Rinascimento. Perché?

    Ma perché gli artisti rinascimentali non mancavano di prefigurare la tavola, la tela o la parete di una stanza, prima di comporre il tema pittorico, con la geometria composita in tanti svariati modi. Uno di questi, quello più amato, era il ricorso alla geometria della sezione aurea o della divina proporzione.

    Che c'entra la sezione aurea ora con la “sicurezza” in generale? C'entra e come!

    La sezione aurea, non solo in natura e nell'arte, ma anche in geometria è dappertutto! La sezione aurea si ravvisa in modo privilegiato nelle figure piane, nei solidi cosiddetti platonici, ma fa meraviglia vederla danzare come la principessa Sharāzād dei racconti di “Le mille e una notte” in punta di piedi, su ogni genere di curve geometriche. Sharāzād, rischiando per amore la sua vita, racconta le sue storie al re Shāhrīyār e lo dissuade dalla sua ossessione omicida.

    Si dice che è pi greco il numero irrazionale e trascendente a stare dappertutto, ma non lo si è mai visto tangibilmente in seno alle curve in geometria e quasi mi viene da paragonarlo a quel re pazzo Shāhrīyār dei racconti di “Le mille e una notte”. E la principessa Sharāzād alla sezione aurea, il numero irrazionale, ma non trascendente...

    Non è un sogno, o forse... più di un sogno chimerico per la matematica delle “sicurezze”, nell'immaginare che Pi greco non è veramente un disperato Odisseo predisposto a non poter mai ritornare ad Itaca dalla sua Penelope, ovvero la sezione aurea?...

    Gaetano

    RispondiElimina
  3. molto bello questo sito ....grazie per averlo riproposto...
    un caro saluto
    elisa

    RispondiElimina
  4. Veramente interessante questo sito: quando Enti diversi si uniscono per educare i più giovani, finalmente si possono ottenere risultati concreti ed una società civile degno di questo nome.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  5. Ogni tanto qualche buona iniziativa si trova anche per i bambini.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo9 marzo 2011 23:40

    Benissimo Annarita,
    ottima segnalazione, l'ho appena girato ai genitori della mia classe!!!
    Meno male che qualcuno ogni tanto pensa ad utilizzare gli strumenti ormai naturali per i nostri alunni, per aiutarli a crescere come cittadini attenti e responsabili.
    La saggezza digitale passa anche da queste proposte che dovrebbero coinvolgere adulti e bambini intorno ai problemi da affrontare con consapevolezza e condivisione.
    Domani io rientro dopo alcuni giorni di vacanza, è stato così anche per voi?
    Nel caso Buon rientro!!!!
    france

    RispondiElimina
  7. Sito molto bello ed istruttivo sia per i ragazzi che per gli adulti.
    Ogni sforzo informativo che aiuti a costruire una coscienza correttà alla legalità è sempre ben accetta e si spera che dopo l'informazione arrivino anche i risultati. Sicuramente l'impostazione del sito ed i diversi enti che hanno contribuito alla sua realizzazione dovrebbero essere una ottima garanzia di successo. L'importante è farle conoscere queste iniziative e su questo non ti batte nessuno cara Annarita, che da attenta e cosciente docente ed educatrice non perdi occasione per dare loro spazio e visibilità.
    Grazie per la segnalazione
    Un salutone
    Marco

    RispondiElimina
  8. Grazie Annarita...metterò il link nel mio blog..ora chei bambini sono avviati lo potranno visionare ...vi sono tanti cose utili e educative ..
    un caro saluto
    elisa

    RispondiElimina
  9. I bambini sanno prendere tutto terribilmente sul serio: anche  praticare comportamenti corretti. Se poi crescono maleducati, sarà retorico, ma a chi attribuirne il merito? La polizia, come istituzione, può fare molto, sia con giochini come questo sia, soprattutto, con il proprio comportamento sulla strada.
    Paopasc

    RispondiElimina
  10. Per la madre del commento n.11: mi dispiace non poter pubblicare il commento per il tema delicato, cui non posso rispondere perché non conosco né il contesto né i personaggi implicati.

    Mi sento di consigliarle di rivolgersi agli insegnanti.

    In bocca al lupo.

    annarita ruberto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...