mercoledì 28 maggio 2008

Un Sistema Solare...In Miniatura (Ovvero come simulare il sistemasolare in un corridoio)

Il 21 e il 22 aprile scorsi siamo andati alla Palestra della Scienza di Faenza, una mostra di oggetti ed esperimenti scientifici che ha molto appassionato noi ragazzi delle classi 2° A e 2° B. Tra le tante attrattive, ci ha colpito il sistema solare in miniatura riprodotto in un lungo corridoio dell'edificio e penzolante dal soffitto!


350px-Solar_sys

Raffigurazione artistica del sistema solare.

 Le dimensioni dei pianeti e le distanze non sono in scala




Ci siamo fatti raccontare dalla guida il procedimento adottato per riuscire ad ottenere un tale risultato e abbiamo pensato di proporvelo in questo articolo perché potrebbe essere utile a qualcuno che fosse interessato a riprodurlo nella sua scuola.

Allora la guida ci ha raccontato che per riuscire a fare entrare in un corridoio, lungo 16 metri, gli oggetti del  sistema solare visibili  ad occhio nudo dalla Terra si è dovuto affrontare il problema della sua


RIDUZIONE IN SCALA


Per sfruttare al meglio la lunghezza del corridoio (16 m) si è reso necessario utilizzare un rapporto di riduzione basato sulla distanza SOLE - SATURNO, i due oggetti più distanti:


Dist. Sole-Saturno   1.427 milioni km   1.427 miliardi di m
-------------------= ---------------= -----------------= 90 miliardi
Lunghezza Corridoio                 16  m                 16  m



Sono state  ridotte le DISTANZE reali di circa 90 miliardi di volte!!!


Pertanto ogni metro del corridoio corrisponde a quasi 100 milioni di km!!
Applicando tale riduzione anche alle dimensioni dei pianeti e del Sole:



Diametro SOLE    1.500.000 km    1.500 miliardi di mm
--------------- = --------------= -------------------= 16,6 mm   
   90 miliardi           90 miliardi           90.000.000.000



Diametro GIOVE    142.800 km   142.800.000.000 mm
-----------------= ------------= --------------------= 1,6 mm   
  90 miliardi             90 miliardi        90.000.000.000



Diametro TERRA  12.000 km     12.000.000.000 mm
--------------- = ----------- = ------------------- = 0,13 mm  !!!!!! 
 90 miliardi           90 miliardi        90.000.000.000



Con dimensioni così ridotte sarebbe stato molto problematico riuscire a distinguere i vari pianeti sparsi lungo il corridoio!


Si è così deciso di adottare un rapporto di riduzione molto più grande, in modo da ottenere degli oggetti facilmente visibili!


Dopo vari tentativi si è giunti ad un valore che è sembrato il più adatto:


Il rapporto di riduzione scelto per rappresentare le DIMENSIONI è stato pertanto di 240 milioni di volte!


In questo modo:


Diametro TERRA   12.000 km      1.200.000.000 cm
--------------- = -----------  = ------------------ =  5 cm   
    240 milioni        240 milioni         240.000.000



Diametro GIOVE  142.800 km     14.280.000.000 cm
--------------- = ------------ = ------------------- =  59 cm   
    240 milioni         40 milioni           240.000.000



Diametro SOLE  1.500.000 km    1.500.000.000 m
-------------- = ------------- = ---------------- = 6,25  m !!!  
240 milioni             240 milioni       240.000.000




Tutti i costituenti del Sistema Solare sono, in tal modo, chiaramente visibili, anche se:


1- URANO e NETTUNO sono stati inseriti in una stanza oltre il corridoio; inoltre, a causa delle loro enormi distanze dal Sole, si è dovuto ridurre ulteriormente la scala a  ben 170 miliardi di volte!


2- Il SOLE è stato rappresentato solo parzialmente, in quanto costruire una sfera di oltre 6 m di diametro non era cosa semplice e sistemarla poi all'interno di un edificio sarebbe stato proprio impossibile!


3- Degli ASTEROIDI, che sono una fascia di migliaia e migliaia di piccoli ammassi rocciosi, è stata rappresentata evidentemente solo la loro posizione.


4- Per PLUTONE ed altri piccoli e remoti oggetti del sistema solare, è stata recentemente creata la nuova categoria dei “nanopianeti”; per questo motivo è stato tolto dal gruppo e sistemato in una busta vicino alle informazioni generali sui pianeti.


Riportiamo l'immagine di un interessante oggetto, che abbiamo potuto ammirare nella sala dell'Astronomia. Si tratta del telescopio appartenuto all'astronomo faentino Giovanni Battista Lacchini e costruito negli anni '20, marca "Wood - England", restaurato nel 2005 dal Gruppo Astrofili "G.B. Lacchini" con il contributo del Comune di Faenza.

telescopio
______________________


POST CORRELATI







- La Teoria Delle Stringhe
 

17 commenti:

  1. Molto bello e chiaro. Sarà senz'altro servito alla conoscenza dei ragazzi.

    RispondiElimina
  2. Grazie, Alberto! E' stata un'attività proficua.


    salutoni e a presto!:)

    RispondiElimina
  3. utente anonimo30 maggio 2008 16:56

    Sì, è stata veramente una bella visita quella alla Palestra della Scienza!!!!

    Molto istruttiva e interessante.

    Anch'io sono rimasta molto colpita dal sistema solare in miniatura!

    Ma ho visto esperimenti veramente curiosi!

    Il fatto è che li hanno costruiti loro con materiali che avevano già in casa e ad ognuno di essi, hanno dato un nome appropriato.

    Veramente unica e divertente questa uscita!!!!

    La consiglio a tutti gli interessati!

    GLORIA 2°B.

    RispondiElimina
  4. utente anonimo31 maggio 2008 12:18

    anke secondo me è stata una visita interessante. ho visto molti esperimenti ke posso fare anke a casa mia con oggetti molto comuni. ringrazio alberto 46 per i complimenti. SIMONE V.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo31 maggio 2008 12:31

    grazie prof per il post sul sistema solare perchè mi può interessare per sapere le distanze da un pianeta al sole e per le loro grandezze. ciao

    Ayoub S.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo31 maggio 2008 12:33

    E' stata una visita molto bella e interessante.

    Martina

    RispondiElimina
  7. Gloria, Simone e Ayoub mi fa piacere che la visita alla Palestra della Scienza vi sia piaciuta così tanto:).

    RispondiElimina
  8. Grazie, Annarita! Mi piace tanto girovagare per i blog dei colleghi e spesso lo faccio con molta fretta , per cui talvolta mi capita di commettere delle inesattezze.

    Elisa

    RispondiElimina
  9. Elisa, ti capisco perché capita anche a me!;)


    Adesso che conosci la strada, ritornaci spesso, ok?


    A presto

    annarita

    RispondiElimina
  10. Eh, sì, Renata! Il povero Plutone declassato da pianeta a nanopianeta!


    Conosco il sito dell'Immaginario scientifico di Trieste. Ho delle colleghe della zona, che ho conoasciuto al tempo della sperimenazione Senis.


    Fammi sapere come evolverà il laboratorio, il prossimo anno scolastico.


    Un abbraccio.

    Annarita

    RispondiElimina
  11. Bello l'entusiasmo con cui animi il tuo lavoro: pregevole dal punto di vista didattico, ma anche molto vivo e partecipato.

    ciao!

    Mariaserena

    RispondiElimina
  12. semplicemente fantastico. Veramente istruttivo ed interessante. Credo di aver fatto proprio bene a pubblicizzare i tuoi blog con ragazzini e non interessati ad approfondire le materie scientifiche. ancora una volta grazie, cara prof.

    RispondiElimina
  13. Grazie, Maria Serena. Sei sempre molto gentile...e mi fai arrossire.

    RispondiElimina
  14. Caro Enzo, grazie a te per il tuo continuo supporto e per la tua amicizia:)


    A presto!

    RispondiElimina
  15. ciao, come vedi ricambio la visita! ti ho già linkata, a presto

    merins


    p.s. bello il tuo blog :)

    RispondiElimina
  16. Ciao, Merins. Benvenuta! Ho ricambiato il link:)


    Grazie dell'apprezzamento!


    A presto!

    RispondiElimina
  17. ho fatto qualcosa di simile in seconda media utilizzando la palestra e partendo dalla Terra rappresentata con un disco di 10 cm di diametro (Giove è oltre un metro!) e una UA pari ad un metro.
    i ragazzi hanno disegnato i pianeti in scala e su una corda lunga ben 38 metri abbiamo segnato le posizioni dei vari pianeti.
    una volta disposto tutto è interessante percorrere le distanze fra un pianeta e l'altro e valutare le dimensioni dei pianeti!
    limite di questo lavoro è non poterlo lasciare montato.... però abbiamo appeso nel corridoio i vari pianeti, anche se non abbiamo potuto rispettare la scala delle distanze.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...