martedì 21 agosto 2012

InSight: La Nuova Missione NASA Che Esplorerà L'Interno Di Marte

InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) è la nuova missione firmata NASA che esplorerà l'interno di Marte. Avrà inizio nel 2016 con l'obiettivo di comprendere perché il pianeta rosso sia evoluto, in modo così diverso dalla Terra, come uno dei pianeti rocciosi del nostro sistema solare

La nuova missione porterà sulla superficie di Marte strumenti atti ad  indagare se il nucleo marziano è solido o liquido come quello terrestre e perché la crosta di Marte non è suddivisa in placche tettoniche che vanno alla deriva come quelle della Terra. La conoscenza dettagliata dell'interno di Marte rispetto alla Terra aiuterà gli scienziati a capire meglio come si sono formati ed evoluti i pianeti terrestri .

"L'esplorazione di Marte è una priorità assoluta per la NASA, e la scelta di Insight assicura che continueremo a svelare i misteri del pianeta rosso e gettare le basi per una futura missione umana lì", ha affermato l'amministratore della NASA Charles Bolden. "Il successo del recente sbarco del rover Curiosity ha galvanizzato l'interesse mondiale per l'esplorazione dello spazio e l'annuncio di oggi precisa che ci saranno in futuro altre emozionanti missioni su Marte."

InSight sarà guidata da Bruce W. Banerdt del NASA Jet Propulsion Laboratory (JPL) di Pasadena, in California; il team scientifico di Insight comprende ricercatori statunitensi e co-ricercatori internazionali provenienti da università, industria e agenzie governative. L'agenzia spaziale francese Centre National d'Etudes Spatiales, o CNES, e il Centro aerospaziale tedesco, o DLR, stanno cooperando per la realizzazione di strumenti per InSight, che, secondo le previsioni dovrebbe atterrare su Marte il 20 settembre 2016 per iniziare la sua missione scientifica, che si dovrebbe concludere il 18 settembre 2018.

InSight è la 12° missione della serie di missioni spaziali scientifiche con costi contenuti e altamente specializzate del Discovery Program, iniziato nel 1992. InSight è una delle tre missioni proposte e selezionate nel maggio 2011. Le altre due proposte riguardano una cometa e la luna di Saturno, Titano.

Interpretazione artistica della sonda Phoenix mentre
 sta per atterrare su Marte
InSight si basa sulla tecnologia dei veicoli spaziali utilizzata nella missione NASA di grande successo del Phoenix Mars lander, che fu lanciato verso il Pianeta Rosso il 4 agosto del 2007 e determinò l'esistenza dell'acqua vicino alla superficie, nelle regioni polari marziane. Più precisamente, la sonda atterrò nei pressi della calotta polare settentrionale del pianeta, una regione ricca di ghiaccio, e un braccio robotizzato cercò nel terreno artico eventuali tracce di acqua e microbi. Dal 10 novembre 2008 la missione è dichiarata conclusa.
Il lander Phoenix è la sesta sonda ad essere atterrata sul pianeta rosso e la terza, dopo i Viking 1 e 2 ad aver utilizzato dei propulsori per controllare la discesa.

Con l'integrazione di sistemi collaudati nella missione, il team di InSight ha dimostrato che il concetto di missione sarebbe a basso rischio e potrebbe rimanere all'interno del  bilancio vincolato delle missioni Discovery. Il costo della missione, escluso il veicolo di lancio e dei relativi servizi, è limitato a 425 milioni dollari nel 2010.

"Il nostro programma di Discovery consente agli scienziati di utilizzare approcci innovativi per rispondere alle domande fondamentali sul nostro sistema solare nella categoria di missioni a costo più basso", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato per il Science Mission Directorate della NASA. "Insight arriverà al cuore della natura dell'interno e della struttura di Marte, ben più in profondità delle osservazioni che siamo stati in grado di fare dall'orbita o sulla superficie."

InSight porterà quattro strumenti. JPL fornirà uno strumento di bordo geodetico per determinare l'asse di rotazione del pianeta e un braccio robotico e due macchine fotografiche, che saranno utilizzate per implementare e monitorare gli strumenti sulla superficie marziana. CNES è alla guida di un consorzio internazionale che sta costruendo uno strumento per misurare le onde sismiche che viaggiano attraverso l'interno del pianeta. Il German Aerospace Center sta costruendo una sonda termica per misurare il flusso di calore dall'interno.

Il NASA Marshall Space Flight Center di Huntsville, Alabama, gestisce il Programma Discovery per il Science Mission Directorate dell'agenzia a Washington.

Per ulteriori informazioni sul Programma Discovery, visitare il sito: http://discovery.nasa.gov


Per informazioni sulla NASA e i programmi dell'agenzia, visitare: http://www.nasa.gov

______________________________________________

Fonte della notiziaNew NASA Mission to Take First Look Deep Inside Mars


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Template e Layout by Adelebox